Voucher per Co-working: Risparmiate lavorando in condivisione

Il co-working è la modalità di condivisione degli spazi lavorativi che permette a più professionisti di poter svolgere la propria attività (indipendente) in un'area comune.


Una tendenza che all'estero è ben più affermata che all'interno del nostro Paese, ma che proprio in Italia sta conoscendo una nuova primavera, considerando che – complice la crisi – sono sempre di più i nostri connazionali che lavorano in un ufficio condiviso, andando a risparmiare sulle bollette energetiche, sulla connessione ad internet, sui servizi integrati, e così via. A fiutare il nuovo trend è stato altresì il Comune di Milano, che insieme alla Camera di commercio del capoluogo lombardo ha scommesso sul co-working destinato 300 mila euro a un fondo che promuoverà – in 24 aree della città – l'iniziativa che prevede l'erogazione di un voucher utile per accedere alle postazioni allestite nelle zone nelle quali si potrà lavorare in condivisione.

Il voucher sarà utile per rimborsare fino al 50% le spese sostenute da ogni singolo occupato nell'arco di un anno, per un massimo di 1.500 euro. Le risorse verranno destinate a tutte quelle persone fisiche o giuridiche che – sostiene il bando "hanno intenzione di realizzare un progetto professionale presso uno degli spazi privati di cowokring presenti" in uno specifico elenco (disponibile sul portale del Comune di Milano all'indirizzo comune.milano.it/portale/wps/portal/CDMHome). Per quanto ovvio, il fenomeno non è limitato alla sola area milanese. Le aperture degli spazi in co-working si segnalano infatti anche a Roma, Napoli e Bologna o, più a sud, a Palermo. A divenire protagonisti di questa nuova tendenza evolutiva sono soprattutto i più giovani, evidentemente interessati a fruire di un posto lavorativo dotato di tutte le attrezzature necessarie, a condizioni economiche di grande convenienza.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS