Vinitaly, la vigna dà lavoro a 1,2 milioni di persone

In occasione della manifestazione di Vinitaly a Verona, la Coldiretti ha voluto diramare alcuni dati, che sottolineano l’importanza del vino in Italia, da un punto di vista economico e del lavoro.


Complessivamente, infatti, tra vigna, cantina e distribuzione commerciale, in Italia trovano posto ben 1,2 milioni di persone, un dato molto rilevante e che qualifica il vigneto italiano quale momento di integrazione anche culturale, se è vero che vi lavorano fino a 53 nazionalità diverse di persone.

I titolari di vigneti sono mezzo milione in Italia, e danno da lavorare a 210 mila persone, tra cui 50 mila giovani e 30 mila immigrati.

Inoltre, spiega lo studio Coldiretti, la raccolta dell’uva crea occupazione in diciotto settori; si parte dall’agricoltura, ma poi si arriva alla distribuzione commerciale, all’industria, all’editoria, alla ricerca, alla cosmetica, etc.

Infine, plauso dalla categoria per l’introduzione dei voucher da parte del governo, al fine di regolarizzare il lavoro di molti, in quanto l’agricoltura è uno dei settori a maggiore tasso di lavoro nero. I voucher acquistati sono stati 12,3 milioni, di cui 3,4 milioni in agricoltura e 1,8 milioni proprio per effettuare la vendemmia del 2008.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS