Vacanza-lavoro in Canada: ecco cosa fare

Se avete tra i 18 ed i 35 anni ed un po’ di coraggio, il Canada potrebbe essere la vostra prossima destinazione lavorativa e vacanziera, allo stesso tempo. La singolare iniziativa, che potrebbe però essere quanto mai utile soprattutto ai più giovani (1000 i posti a disposizione), è portata avanti da Esperienza Internazionale Canada. Visitare e conoscere un’altra terra ed un’altra cultura. Divertirsi ed allo stesso tempo lavorare. Per farlo oltre ad avere un’età compresa tra quelle indicate, è necessario essere cittadini italiani, disporre di una somma pari a 2500 euro per le spese iniziali più altri 150 per la quota di partecipazione. Stipulare una polizza assicurativa sanitaria e non aver mai partecipato al programma.


Il tutto è stato reso possibile da un accordo tra Canada e Italia, grazie al quale il governo canadese è in grado di concedere permessi di soggiorno della durata massima di sei mesi ai cittadini italiani. Per una permanenza maggiore come turisti, va invece contattata l’istituzione apposita, consultando questo sito. Oltre ad imparare sul campo la lingua (o magari due, inglese e francese), le esperienze lavorative all’estero arricchiscono sia il curriculum sia a livello strettamente pratico. Non è però tutto così facile. Esistono diversi tipi di supporto, ad esempio quello per viaggiare all'interno del Canada con l’aiuto di organizzazioni riconosciute, ma Esperienza Internazionale Canada – si legge – non offre assistenza per il finanziamento, i piani di viaggio o la ricerca di lavoro”.

Quindi, se si vuole lavorare in un pub a Toronto, Calgary, Alberta o nel Saskatchewan, bisogna certamente darsi da fare. Stesso discorso se si decide di tentare la ricerca di un impiego in altri settori performanti come quello della vendita all’ingrosso o dell’estrazione di petrolio e gas. In ogni caso, secondo i dati diffusi lo scorso dicembre, l’economia locale è tornata a crescere. Il Pil è aumentato dell'1,3% su base annua. Inoltre, come ha recentemente sottolineato il primo ministro Harper, negli ultimi sette anni sono stati creati circa 900.000 posti di lavoro. Insomma, la “pappa pronta”, come si suol dire, non è contemplata, ma la tendenza appare senza dubbio positiva.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS