Uso del telefono sul posto di lavoro

Il telefono è uno strumento fondamentale nella vita di tutti i giorni.


Esistono persone che lavorano esclusivamente attraverso questo mezzo di comunicazione come le centraliniste, le segretarie,le dipendenti dei call center, altri invece lo usano per prendere un appuntamento, per discutere su eventuali trattative e dare conferme.

Frequentemente si è portati a usarlo non prestando attenzione ad alcuni aspetti che si rivelano fondamentali per una buona comunicazione e da cui possono dipendere molti fattori che andranno a incidere sia sulla nostra immagine professionale sia su quella dell’azienda.

La cortesia è sicuramente un elemento che non bisogna mai trascurare, anche quando il telefono può diventare uno strumento difficile da gestire, come in quei momenti in cui siamo costretti a rispondere alle diverse chiamate che ci giungono e nello stesso tempo dobbiamo prestare attenzione al lavoro che stiamo svolgendo in ufficio.

La buona educazione e la gentilezza nel rispondere alle chiamate restano comunque aspetti fondamentali, anche se non abbiamo sufficientemente tempo da dedicare al nostro interlocutore.

Durante le conversazioni telefoniche di lavoro è importante essere chiari, precisi e sintetici: presentandosi con il proprio nome e cognome e al tempo stesso specificando quello dell’azienda per la quale si chiama; in seguito specificare l’oggetto della chiamata o il problema; e quando il caso lo richiede, evidenziare le modalità in cui poterlo risolvere. Da evitare, invece, sono lunghe e interminabili conversazioni in cui si affrontano aspetti che non riguardano l’argomento in questione. Se nel telefonare si sta cercando una persona in particolare e questa fosse occupata, è consigliabile chiedere in quali orari potete rintracciarla per non disturbarla.

E’ un errore pensare che durante una conversazione telefonica possiamo adottare gli atteggiamenti che più ci piacciono, pensando che gli altri non ci vedano: proprio il telefono è uno dei mezzi in cui si riflette maggiormente il nostro stato d’animo, il nostro interesse e attenzione la conversazione, in alcuni casi può rivelare la nostra stessa postura.

L’introduzione dei cellulari nella nostra vita quotidiana ha posto altri problemi per quanto riguarda il loro corretto uso durante le ore di lavoro. Anche se non ci sono specifiche norme che vietano l’uso del cellulare, ogni azienda pone delle sue regole alle quali è necessario attenersi. In situazioni particolari come ad esempio nelle riunioni di lavoro è preferibile spegnere il cellulare. In tutti gli altri casi è sempre meglio disattivare la suoneria del cellulare.

Un cattivo uso del cellulare in una sentenza del 2004 aveva determinato l’espulsione dal luogo di lavoroper grave inadempimento contrario alle norme della comune etica o del comune vivere civile”.

Una recente sentenza della Cassazione invece aveva richiamato su di sé l’attenzione per ciò che riguardava la questione dei cellulari accesi in ufficio, il cui squillo continuo, secondo la sentenza 13289 della quinta Sezione penale, “può essere tollerato purché la cosa non si ripeta troppo spesso”.

Negli ambienti di lavoro è abbastanza comune sentire colleghi che si lamentano dello stress dovuto all’uso eccessivo del telefono sia fisso e sia mobile, determinando in molti soggetti una conseguente perdita di concentrazione e rendimento nell’attività lavorativa.

Recenti ricerche scientifiche hanno posto il problema riguardo alla possibile relazione tra tumori al cervello e abuso del telefono, tanto da sollevare qualche anno fa un caso sulla richiesta di risarcimento da parte di un lavoratore nei confronti della propria azienda.

Come in tutte le cose della vita quotidiana, la regola del buon senso è quella più idonea per non compromettere la nostra professionalità e non recare disturbo agli altri oltre che a noi stessi.



 

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS