Trader Online: chi è, cosa fa, quanto guadagna e come diventare un professionista

In pochi conoscono la professione del Trader online, eppure questa sembra essere molto redditizia ed interessante sotto diversi punti di vista. Ma chi è il trader e come diventarlo? Quando guadagna questa nuova figura professionale e quali sono le opportunità di guadagno?

Sempre più spesso nell’ultimo periodo, si sente parlare di trading online conosciuto anche più con l’acronimo inglese Tol. Si tratta, per chi non lo sapesse, della compravendita di strumenti finanziari che avviene esclusivamente tramite internet. Il Trading nasce in Italia nel 1999, anno in cui il “Nuovo regolamento Consob di attuazione del testo unico dei mercati finanziari”, ne ha regolamentato i principali aspetti. Colui che si occupa del trading online è il Trader. Vediamo qui di seguito come diventare Trader, di cosa effettivamente si occupa, quanto può guadagnare e quali sono le opportunità di lavoro.


Trader Online professionista: chi è e cosa fa

In finanza, sempre più spesso si sente parlare di Trader, ovvero un operatore finanziario che si occupa della compravendita di strumenti finanziari, quali possono essere obbligazioni, azioni e derivati sulle varie borse valori nonché su altri tipi di mercati immobiliari a nome proprio. Dunque, parlando di training online il Trader non è altro che un operatore finanziario o meglio un investitore, che investe nella borsa e agisce per conto proprio, nel senso che non lavora alle dipendenze di altri e può tranquillamente lavorare da casa o in ufficio. Come? Utilizzando semplicemente un proprio computer o un tablet o uno smartphone.

Per poter svolgere questa professione, non è sufficiente seguire un corso come Trader finanziario o un corso per Trader bancario, trader sportivo, trader dell’energia, ma bisogna adottare una propria strategia e porsi degli obiettivi. La sua attività principale, dunque, è quella di operare sui mercati, effettuando delle scelte del tutto autonome, ma basate su strumenti di analisi ben specifici. Da un po’ di tempo a questa parte, il trading online, pare sia diventato un vero e proprio fenomeno mondiale di massa e sono sempre di più le persone appartenenti ad ogni classe sociale e paese, che pensano di diventare Trader e che si cimentano in questo nuovo mondo, nonché nuova professione.

Questo perché diventare Trader, vuol dire svolgere un lavoro molto conveniente ed un miglior guadagno rispetto ad altre professioni che si può svolgere tranquillamente da casa, anche nel tempo libero. Questa figura professionale si occupa di scambi commerciali, scambi finanziari, dunque, di comprare e vendere dei beni attraverso uno strumento, quale può essere un semplice computer.

Si può occupare, dunque, e ad esempio delle azioni FIAT oppure vendere dollari e comprare euro, oppure investire in oro o nella vendita del caffè o di qualsiasi altro tipo di bene. Sostanzialmente il Trader non vede fisicamente l’oggetto dello scambio, perché avviene tutto virtualmente, sia l’acquisto che la vendita. L’obiettivo principale di colui che fa Trading professionale, è quello di realizzare il miglior possibile guadagno, anche se ciò purtroppo non è sempre possibile. Per poter svolgere questo lavoro è comunque importante avere una propria strategia,  conoscere e capire l’andamento del mercato, nonché conoscere le varie piattaforme di trading disponibili.

In tanti si chiedono se il trading online possa funzionare anche per i principianti e la risposta sembra essere positiva. Effettivamente, come abbiamo visto, anche i principianti possono guadagnare grazie al Trading, ma è importante essere piuttosto attenti alla piattaforma da utilizzare e inoltre un principiante deve impegnarsi tanto, sia con lo studio che con l’esperienza sul campo. Detto ciò, possiamo dire che un principiante può dunque guadagnare con il trading online, ma per lui risulta più difficile, proprio perché dovrà impegnarsi maggiormente.

Come diventare Trader online professionista e quanto guadagna

E’ bene ricordare, prima di tutto, che non bisogna aprire una partita IVA per diventare Trader o iscriversi ad un albo ed affrontare alcun iter burocratico e spese. Questo perché si tratta di una attività senza costi e le uniche spese da sostenere, sono quelle relative alle tasse sui guadagni. Per diventare un Trader professionista, non è necessario avere un titolo di studio specifico. Ovviamente questo non vuol dire che si può diventare un Trader senza avere alcun tipo di conoscenza o con leggerezza e superficialità. È necessario seguire un corso come Trader, tra i tanti disponibili, che fanno sì che si possa apprendere la professione e rappresentano un’ottima base di partenza, per tutti quelli che vogliono cimentarsi in questa nuova attività. Va detto che questi corsi effettivamente non svelano tutti i meccanismi, ma soltanto l’esperienza sul campo farà sì che si possa diventare un buon Trader.

Generalmente gli argomenti del corso di Trader sono più o meno comuni. I principali sono i seguenti:

  • elementi di training, ponendo attenzione alle regole e anche la terminologia
  • conoscenza degli strumenti finanziari
  • concetti di analisi tecnica correlata al Trading
  • Come si leggono, si interpretano e si utilizzano i grafici finanziari
  • Come ottimizzare i guadagni, la gestione del denaro e come personalizzarla
  •  stop Loss, trailing stop e Take profit: cosa sono, come si usano e come si gestiscono
  • Brokers nazionali ed esteri: la comparazione dei loro costi, dei servizi e della loro affidabilità
  • approccio psicologico i rischi del Trading e anche alle conseguenze di questi rischi
  •  elementi e definizioni di trading Forex & Futures
  • conoscenza dei mercati finanziari, degli strumenti finanziari nonché degli investimenti sui mercati finanziari
  • nozioni su quelle che sono le piattaforme operative più comuni
  • metodi, regole e terminologie delle tecniche di trading
  • money management: personalizzazione e ottimizzazione.

La durata del corso non è sempre lo stessa, ma oscilla alle 80 ore presso un’agenzia privata, ai master post laurea mensili. A variare sono anche i costi che dipendono tanto dalle ore di lezione, così come dall’ente erogatore. Ci sono, comunque, anche dei corsi gratuiti, o corsi il cui prezzo varia dai 300 ai 500 euro.

Parlando di trading online e più nello specifico di transazioni finanziarie, non si può non parlare di speculazione finanziaria. Proprio al riguardo, dobbiamo necessariamente introdurre il concetto di Tobin Tax. Vediamo qui di seguito cosa si intende con questo termine.

Tobin Tax: cos’è

La Tobin tax, che prende il nome dal Premio Nobel per l’economia James Tobin che ne fu l’ideatore, è stata introdotta nel 1972 per la prima volta. Ma di cosa si tratta? È una tassa che elimina ed evita tutti quei fenomeni di speculazione finanziaria. La Tobin Tax punta alla tassazione delle transazioni finanziarie che si sono sviluppate all’interno del mercato e riguarda le valute con il solo obiettivo di tentare di regolarizzare il tutto, favorendo degli introiti alle casse della comunità internazionale. A partire dal primo di marzo 2013, è scattata la Tobin Tax ed è così divenuta nuova tassa circa le transazioni finanziarie e viene applicata allo scambio delle azioni e dei derivati da parte degli operatori finanziari.

Come abbiamo visto, questa tassa sulle transazioni finanziarie ha preso il nome dal suo ideatore, ovvero un grande economista statunitense di nome James Tobin. Quest’ultimo, teorizzò questa tassa soltanto con lo scopo di riequilibrare le sorti del mercato finanziario mondiale. A chi può essere applicata? A livello nazionale la Tobin Tax può essere applicata a tutti quegli strumenti finanziari ad esclusione di ETF, ETC e valute. Sulle azioni pare si paghi lo 0,12 % che potrebbe in qualche modo sembrare un’aliquota irrisoria ma in realtà non lo è.

Opportunità lavorative come trader

Come abbiamo visto, il Trader lavora principalmente sul mercato finanziario che altro non è che il luogo virtuale dove vengono scambiati i beni sia materiali che immateriali. Poter lavorare in questo mercato finanziario, vuol dire seguire delle regole ben specifiche e tutto viene supervisionato da un supervisore, appunto, che le fa rispettare. Vi è, ad esempio, la Consob, che per chi non lo sapesse è l’organo preposto e che lavora vigilando sul rispetto delle regole, applicando quando necessario delle sanzioni per i trasgressori.

Questi organi hanno una funzione molto importante, soprattutto per i piccoli trader, che possono contare su una protezione particolare. Riguardo i mercati, possiamo dire che quello più privilegiato è quello del Foreign Exchange Market. Il mercato Forex, è  quello più efficiente ma anche più grande al mondo, dove vengono scambiate le valute. Curiosi di capire come funziona il Foreign Exhange Market? Il funzionamento risulta essere piuttosto semplice, ovvero per poter guadagnare in primis bisogna individuare sia nel breve che nel medio periodo le valute, che potrebbero rafforzarsi e quelle che invece potrebbero indebolirsi ed operare di conseguenza.

Tale mercato, inoltre, pare funzioni con un sistema di doppia valute. Senza dubbio il mondo di internet è aperto a tante possibilità, alcune di queste ancora poco conosciute e inesplorate. Chi ha voglia di fare, una buona idea e soprattutto una connessione internet, può davvero raggiungere degli obiettivi molto soddisfacenti, oltre che delle ottime vette di guadagno, il tutto comodamente da casa.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)

CATEGORIES
TAGS
Share This