Team building: cosa è e come funziona

Cosa s'intende per team building? Quali sono le tecniche più efficaci e conosciute? Ecco come e perché sviluppare il lavoro di squadra.

Se ne sente parlare sempre di più e negli Stati Uniti e in Nord Europa è in voga da più di mezzo secolo: è il team building, quello sviluppo del lavoro di squadra che aiuta ogni singolo professionista a non svolgere semplicemente il proprio lavoro ma a farlo sentendosi parte integrante di un gruppo con un obiettivo comune e soprattutto in armonia con i colleghi. Ecco cosa è il team building e come funziona.


team-building

Cosa è e come funziona il team building

Entrare a far parte di un gruppo di lavoro o ritrovarsi ogni mattina nello stesso ufficio non significa essere una squadra. E soprattutto pensare di poter lavorare bene ed in modo efficiente rimanendo da soli e senza la collaborazione degli altri è un grave errore. E di ciò sono consapevoli soprattutto i datori di lavoro che dati e statistiche alla mano sanno che un buon affiatamento del gruppo porta a risultati maggiori in termini di produttività. Dal lontano 1941, anno in cui il pedagogo Hahn sperimentò il primo corso di formazione esperienziale, i laboratori di apprendimento e di esperienza di team building si sono moltiplicati in modo sorprendente. Perché ciò che si ottiene da un efficace lavoro di squadra non è semplicemente la somma di quanto si può ottenere da ogni singolo collaboratore ma molto di più.

Ci sono dei momenti nella vita aziendale in cui è necessario aumentare questo senso di appartenenza al gruppo, favorire la coesione nonché la stima, il rispetto e la cooperazione reciproca. In primis nella fase iniziale di costituzione di un nuovo team di lavoro, in secondo luogo all’insorgere di tensioni e stress all’interno dello staff e in ultima analisi per intervenire nelle dinamiche di una squadra non performante. Le modalità attraverso le quali si interviene sono: a) quella della formazione; b) quella dell’incentivazione. Sia che ciò avvenga attraverso attività formative e costruttive, sia che si tratti di attività ludiche, sportive o di benessere, l’attività di team building è sempre finalizzata al raggiungimento di un obiettivo. Ovviamente tali attività per risultare efficaci devono essere programmate e ripetute periodicamente e non rimanere un evento isolato, proprio in vista di quei risultati da ottenere. Tra i principali a cui si mira nel corso di un programma di attività di team building ci sono: lo sviluppo della creatività, la valutazione del potenziale e l’individuazione della leadership, la facilitazione della comunicazione e la trasmissione della mission e dei valori aziendali. Una squadra vincente però non solo aumenta la motivazione e migliora il clima aziendale ma riduce anche tempi e costi di lavoro.

Tecniche ed esercizi di team building

Aldilà di situazioni esasperate in cui gli esercizi di team building diventano un incubo o peggio in cui persone inesperte si improvvisano formatori e coach, ci sono tecniche di team building efficaci attraverso le quali si raggiungono  risultati concreti e si migliorano l’ascolto attivo, l’empatia, la disponibilità e perfino l’autocritica all’interno dei membri di un gruppo.

Tra le più seguite e sperimentate ci sono:

  • outdoor training (esperienze al di fuori dell’ambiente lavorativo)
  • teatro d’impresa (attraverso l’ausilio di rappresentazioni teatrali)
  • adventure activities (vere e proprie attività al di fuori della zona di comfort)
  • movie building (attività interattiva basata sulla realizzazione di un film)
  • business storm (tecnica basata sull’utilizzo della creatività)

ma anche corsi di cucina da seguire con i colleghi o cene con delitto, dove mettere alla prova arguzia e doti da detective.

Ogni individuo all’interno del team deve essere consapevole e fiero del proprio ruolo, avere fiducia nei colleghi, allinearsi alla visione comune e puntare all’eccellenza, vale a dire al raggiungimento dell’obiettivo comune che migliora le condizioni di ogni singolo componente. E soprattutto non andrebbe mai dimenticato che i componenti del gruppo sono vere e proprie “risorse” umane dalle cui interazioni si sviluppano potenzialità inimmaginabili.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS