Tariffe roaming: da giugno 2017 non ci saranno più

L'Ue abolirà le tariffe roaming nel 2017. Raggiunto l'accordo tra Parlamento, Commissione e Consiglio. E dall'anno prossimo caleranno del 75%.

Un vero e proprio costo per chi è abituato o addirittura obbligato a viaggiare, magari per lavoro. Un costo che, stando a quanto dichiarato dall’Ue, verrà abolito nel giro di nemmeno due anni. Le tariffe roaming all’interno dei paei Ue infatti spariranno a partire dal 15 giurno 2017. E’ questo il risultato di un accordo raggiunto tra le istituzioni europee (Parlamento, Consiglio e Commissione UE), nell’ottica del mercato unico europeo sulle telecomunicazione. L’accordo è stato raggiunto lo scorso 30 giugno e permetterà, dalla data prevista in poi, di chiamare anche dall’estero (all’interno dei Paesi Ue) allo stesso prezzo previsto dalla tariffa contrattuale nazionale.


tariffe-roaming

image by geniusksy

L’iniziativa, perpetrata dall’Ue dopo le continue ed “impetuose” richieste dei cittadini, avrà sicuramente forti e positive ripercussioni economiche anche sulle imprese dei Paesi Ue. L’abolizione delle tariffe roaming avrà anche una tappa intermedia.

Da aprile 2016 infatti, chiamare dall’estero costerà comunque molto meno, visto che gli operatori potranno addebitare al massimo “€ 0,05 al minuto per le chiamate in uscita,  € 0,02 per gli SMS inviati e  € 0,05 per MB di dati (IVA esclusa)”. Un calo notevole, a grandi linee il 75% in meno dei massimali attuali.

Non è comunque la prima volta che l’Ue interviene sui costi delle tariffe roaming. Nel 2006 (con entrata in vigore del 2007) è stata attivata l’Eurotariffa, che ha, per così dire, standardizzato i costi all’interno dei 28 paesi Ue (più i 3 dell’EEA). Assieme a questo provvedimento, negli anni è stato fatto anche un grande lavoro di gestione delle informazioni riguardanti le tariffe roaming verso gli utenti. Ad esempio, dal 2010 i clienti sono informati tramite sms o pop up della tariffazione sul traffico dati. Sempre sul traffico dati nello stesso anno è stata stabilita una soglia massima di 50 euro (o un’altra, più alta o più bassa su richiesta del consumatore), oltre la quale lo stesso traffico viene interrotto, allo scopo di evitare bollette d’importo eccessivo e soprattutto inaspettato. Tutti problemi che da giugno 2017 non esisteranno letteralmente più.




CATEGORIES
Share This

COMMENTS