Studiare all’estero, ecco la mappa degli spostamenti

Ecco da dove provengono gli studenti che scelgono di studiare all'estero, e quali sono le destinazioni maggiormente ambite.

Un recente studio dell’Unesco ha elaborato le ricche statistiche dello studio all’estero, cercando di comprendere da dove provengano gli universitari che scelgono di spostarsi nel mondo, e quali siano le loro destinazioni preferite. Un’attività, quella della formazione al di fuori dei confini nazionali, che ogni anno è sempre più preferita dai giovani: entrare in contatto con culture diverse e arricchire il proprio bagaglio di competenze e conoscenze, costituiscono valori aggiunti irrinunciabili per il successo professionale.


studiare-all-estero

Ecco la mappa dei Paesi preferiti, e quella dei Paesi di maggiore partenza.

Studiare all’estero, i Paesi preferiti

Cominciamo con una breve panoramica dei Paesi preferiti. La classifica Unesco dei luoghi più ambiti vede in cima gli Stati Uniti, scelti da 740.482 studenti, con una quota di “mercato” del 18%. Al secondo posto si trova il Regno Unito, che di studenti ne accoglie 427.686 (11%) mentre in terza posizione troviamo la Francia, scelta da 271.399 giovani (7%).

Tra le destinazioni della top ten si trova l’Australia (6%), la Germania (5%), la Russia (4%), il Giappone (4%), il Canada (3%) e la Cina (2%). A chiudere la top ten è l’Italia, che accoglie 77.732 studenti, pari al 2% del totale mondiale.

Studiare all’estero, la classifica per Paesi d’origine

Terminata l’analisi dei Paesi di destinazione maggiormente gettonati, giova anche cercare di comprendere quale sia l’elenco dei Paesi di origine più fruiti.

Sotto questo profilo, la Cina non sembra conoscere termini di riferimento, considerato che “contribuisce” agli interscambi culturali e formativi per 694.400 studenti. Al secondo posto troviamo l’India (189.500), davanti a Corea del Sud (123.700) e Germania (117.600). Sotto i 100 mila studenti “inviati” all’estero troviamo, in ordine di importanza, Arabia Saudita (62.500), Francia (62.400), Stati Uniti (58.100), Malesia (55.600), Vietnam (53.800) e Iran (51.600).



CATEGORIES
Share This

COMMENTS