Cosa è il coworking: lavorare e fare network è la scommessa del futuro

Speciale coworking, cos'è come funziona, dove sono gli spazi di coworking in Italia e, servono? Che problemi creano? Quali sono in vantaggi? Cercheremo di dare risposte concrete a tutte queste domande

Lavorare in totale autonomia, senza nessuno da cui dipendere ma con tanti colleghi brillanti e motivati: è la scommessa del futuro. E’, molto più semplicemente, il coworking, al quale abbiamo deciso di dedicare uno speciale ad hoc. Condividere un ufficio per abbattere i costi di gestione è un espediente a cui sono ricorsi molti professionisti in tempo di crisi, per non parlare degli startupper: una scelta di buon senso che non richiede particolari doti imprenditoriali. Ma fare network e ampliare la propria rete sociale, accrescere competenze e professionalità e aumentare il volume d’affari della propria attività è il valore aggiunto del coworking. Mantenendo la libertà del freelance.


Lavorare in coworking

Perché scegliere il coworking?

Il lavorare (working), si arricchisce dell’apparente sfumatura “CO”, divenendo un “fare insieme”. Il concetto racchiuso in quest’ultima espressione è un punto nodale. Il coworking permette di continuare a svolgere la propria professione (ognuno lavora per sé, a differenza dell’ufficio aziendale dove tutti i colleghi di scrivania hanno lo stesso datore di lavoro) ma “facendo qualcosa insieme agli altri”. Qualcosa di così fondamentale da divenire vitale per il lavoro stesso. Condivisione del sapere, crescita e sviluppo delle relazioni sociali, scambio di progetti e nuove idee, che diventano forza pulsante verso il mondo esterno, sviluppando nuove opportunità.

Come accennato, con oggi inauguriamo su Bianco Lavoro Magazine uno speciale dedicato al coworking. Un approfondimento per capire cosa è (e cosa non è) il coworking: come funziona e per chi è nato, perché scegliere i suoi servizi (e quali sono costi degli stessi) e in qual misura rappresentano una scelta vantaggiosa per alcune categorie professionali. Ma valuteremo anche le difficoltà che possono insorgere lavorando in questi spazi, esaminando i pro e i contro della vita in comune di diversi professionisti: “la parola degli esperti” che in questa impresa si sono cimentati e i pareri degli intervistati che hanno scelto di cogliere questa opportunità.

Speciale Coworking

Uno speciale attuale e aggiornato, un appuntamento in più settimane per tracciare una mappa delle principali strutture presenti sul territorio italiano, ognuna con peculiarità e modelli organizzativi differenti, testimonianze e gli esempi concreti dei casi di maggior successo. Un’analisi che come in un business plan permetterà alla fine di tirare le somme e valutare l’opportunità per quanti fossero interessati di cimentarsi in questo progetto imprenditoriale. Concluderemo infatti cercando di rispondere ai mille interrogativi dello startupper intenzionato a far “condividere” gli uffici: l’idea funziona? È un modello di business sostenibile? Come fare per aprire un coworking?

A tutto questo ed a molto altro, come dicono quelli bravi, cercheremo di dare risposte concrete, utili, senza voler sostenere l’uno o l’altro punto di vista a prescindere. Un viaggio nel complicato mondo di autonomi e partite iva, giovani di belle speranze e adulti rimasti disoccupati che non spirito combattivo impareggiabile provano a reinventarsi. Un (ormai non più troppo) nuovo modo di lavorare che apre molte porte, chiudendone altre. Di tutto questo, cercheremo di tracciare una sorta di “mappa” , che sia il più possibile rappresentativa della realtà italiana.

KIT di supportoKit_Creaimpresa_Coworking_incubatore_centro_uffici

Per chi volesse un supporto nell’avvio di un coworking ed avere info e consigli per avere finanziamenti, contributi a fondo perduto e agevolazioni pubbliche segnaliamo il Kit Creaimpresa (da noi valutato e ritenuto veramente valido): Aprire un coworking.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS