Spazio alle donne che lavorano: intervista esclusiva alla presidente di WOMAN Lab

Woman Lab StaffUna società appena nata, pensata dalle donne per le donne: Woman Lab è un nuovo spazio dove le donne che lavorano possono confrontarsi e moltiplicare le proprie opportunità di crescita professionale ed imprenditoriale. Un’iniziativa che per la sua ottica propositiva ed ottimista ha attirato subito la nostra attenzione: abbiamo contattato la Presidente Michela Maggi, che si è gentilmente prestata a rispondere alle nostre domande.


Dottoressa Maggi, partiamo dal principio: la scelta del naming e del logo di Woman Lab.

Woman Lab è un laboratorio dedicato alle donne. Abbiamo pensato molto alla scelta di un nome che fosse rappresentativo del nostro gruppo di lavoro. Siamo donne e professioniste che all’inizio ci ritrovavamo a discutere del nostro lavoro e delle problematiche che giorno dopo giorno dovevamo affrontare: abbiamo deciso di fare qualcosa di concreto, di trovare risposte ma soprattutto risorse per favorire l’occupazione delle donne, dando loro il giusto riconoscimento e compenso. Un bilancio e una valorizzazione delle competenze e un “laboratorio” di nuovi progetti lavorativi da sviluppare, in un’ottica di genere. Ciò vuol dire fatti e pensati per le donne, secondo modi e tempi di lavoro ritagliati sulle loro esigenze, in piena ottica di work-life balance. Le dico solo per fare un esempio che l’ultima riunione l’abbiamo tenuta in un parco giochi, mentre i bambini giocavano. Il logo di Woman Lab è un uovo che si schiude. Un contenitore fragile ma al tempo stesso resistente. È la nascita, è nutrimento e si schiude in una W che è l’iniziale di woman ma anche di welfare. Attenzione, cura ed energia nuova per le donne che lavorano.

Quali servizi offre Woman Lab? E quali sono i costi?

Elaboriamo e realizziamo progetti d’impresa legati a bandi provinciali, regionali fino ad arrivare ad un livello europeo. Sviluppiamo l’idea di privati, aziende, associazioni, di chiunque si affidi alla nostra esperienza e competenza in materia. Cerchiamo i fondi disponibili, elaboriamo il progetto ed il business plan, lo presentiamo agli enti competenti e curiamo tutto l’iter fino alla rendicontazione finale. Richiediamo un piccolo impegno iniziale per avviare il progetto e concordiamo un compenso che arriverà solo nella fase conclusiva della pratica. Una vera partnership con le nostre assistite e una pricing policy garantista nei confronti delle clienti. A livello locale il riscontro è già notevole ma la prospettiva è quella di ampliare lo sguardo su tutto il territorio nazionale. Attualmente seguiamo la fase di rendicontazione per un gruppo di 18 aziende dislocate in tutta Italia e cureremo il progetto europeo fino al passaggio finale. Un servizio importante e a cui teniamo molto riguarda la realizzazione di una banca della formazione: come in una banca del tempo, ogni professionista mette a disposizione del gruppo le proprie competenze e usufruisce “di ritorno” di quelle delle altre, nel corso di incontri completamente gratuiti (o che in alcuni casi possono prevedere al massimo un simbolico rimborso spese).

E per quanto riguarda i progetti futuri? Quali eventi avete in programma?

Woman Lab nasce da un passaparola e mira ad allargare il più possibile il network di donne interessate e attivamente coinvolte. Abbiamo già organizzato una conferenza sul “ABC dei Social Media” e il prossimo meeting verterà sulla “Green Economy”. Un’anteprima in esclusiva: Woman Lab pensa alle donne e al loro mondo in genere (fatto anche di aspetti più frivoli) e prima dell’estate dedicherà un appuntamento al dresscode per la bella stagione.

Speriamo in un coinvolgimento quanto più ampio possibile delle realtà che ci circondano, con collaborazioni stimolanti e proficue. La nostra soddisfazione più grande, nonostante dopo così poco tempo sia prematuro parlare di un bilancio, è il riscontro pazzesco che riceviamo ogni giorno. Questo non fa che alimentare la forza e l’entusiasmo che già abbiamo e il nostro confrontarci in modo positivo con le realtà già esistenti. Ci sono molti “concorrenti” in questo campo ma il nostro approccio è sinergico: in un mondo in cui ognuno sembra guardare al proprio giardino, quello che noi desideriamo è uscire fuori dal guscio e aprirci alla rete, per moltiplicare le opportunità.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS