Social Media e Marketing, aziende italiane arretrate

I dati sull’utilizzo dei social network da parte degli italiani sono molto chiari: 18 milioni di utenti sono iscritti almeno ad un social network. Gli iscritti al più popolare dei social, Facebook, hanno raggiunto la soglia di 21 milioni di persone: un vero e proprio record! Nonostante gli italiani connessi ad internet e che utilizzano frequentemente strumenti come i social network siano in forte crescita, le aziende italiane sembrano non voler sfruttare le potenzialità di questa nuova forma di comunicazione per il proprio marketing.

A comunicarlo, con grande delusione, è il docente Iulm Guido Di Fraia, analizzando i risultati di uno studio condotto dalla stessa univeristà e pubbblicato nel gennaio scorso. “Occorre fare una considerazione preliminare: del 32% di imprese che fanno attività di social media marketing – dichiara il docente – il 58% sono grandi aziende. Le medie sono il 32% e non si arriva al 10% per le piccole. Questi dati mostrano un’arretratezza culturale nel Paese nell’accettare questo tipo di leve nel marketing, e soprattutto nell’aver compreso il cambiamento di paradigma di comunicazione, tra aziende e consumatori che esse implicano“.

Il paradosso, in realtà, è che l’impiego dei social network per il marketing aziendale ha un costo davvero contenuto, soprattutto se relazionato alle altre forme di “pubblicità tradizionale”. Anche le piccole e medie imprese, quindi, potrebbero (anzi, dovrebbero) utilizzare questa nuova strategia comunicative per far conoscere i proprio prodotti e/o servizi!

Nonostante le grosse potenzialità, le aziende italiane continuano a “snobbare” Facebook, Twitter e similari. Sarà, forse, una questione di “mentalità”?

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)