Scuola: tornano i concorsi per insegnanti

Il Ministero della Pubblica Istruzione sta provvedendo all’aggiornamento delle graduatorie, evitando spostamenti in province diverse da quelle di appartenenza.


Intanto si sta pensando a un nuovo concorso nella scuola, necessario per colmare la carenza di insegnanti soprattutto nelle materie tecniche e scientifiche per le quali, soprattutto al Nord, non ci sono più docenti in graduatoria.

Il Codacons, inoltre ha chiesto ai Ministri Brunetta e Gelmini la stabilizzazione per 40.000 precari e un risarcimento di 30.000 euro per ognuno di loro.

Sono circa 150.000 i docenti non stabilizzati che potrebbero fare ricorso, costando al Ministero tra i 4 ed i 6 miliardi di euro in risarcimenti. Per questo motivo si sta pensando a un pacchetto di assunzioni, per far fronte a una parte dei ricorsi.

I concorsi banditi per assumere nuovi docenti saranno a cattedra e terranno conto delle effettive necessità, cioè in base alle cattedre vuote e in rapporto agli insegnanti si avrà realmente bisogno, al fine di evitare di creare nuovi precari. I posti disponibili potrebbero essere circa 60.000 ed entro il mese di aprile il Ministero dovrebbe definire la norma necessaria per la procedura di assunzione.

I primi concorsi potrebbero arrivare per l’anno scolastico 2012/2013. Le selezioni dovrebbero avvenire su base territoriale (regionali, provinciali o per reti di scuole) e i prescelti dovranno rimanere per almeno cinque anni nella provincia in cui sono stati assunti.

Gli aspiranti insegnanti dovranno, con molta probabilità, superare un test preselettivo per poter avere accesso alle successiva prova scritta e orale. La valutazione del punteggio finale terrà conto sia dei risultati conseguiti da ciascuna prova (scritta e orale) e sia dei titoli posseduti.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS