Rinvio del pagamento bollo auto a fine giugno, ma non in tutt’Italia. Ecco dove

In alcune parti d'Italia il pagamento del bollo auto slitta al 30 giugno 2020. Ecco le regioni interessate

A causa dell’emergenza da Coronavirus, alcune regioni italiane hanno scelto di posticipare il pagamento del bollo auto al 30 giugno 2020. Il tutto senza alcun tipo di sanzione o di interesse aggiuntivo. Si tratta di una strategia per evitare spostamenti e per agevolare i cittadini che si trovano costretti a rimanere a casa.


Che cos’è il bollo auto?

bollo auto 2019

Il bollo auto è una tassa regionale sui veicoli posseduti dagli automobilisti. Il pagamento di questo tributo spetta a tutti i soggetti che posseggono un’auto indicata nel Pubblico Registro Automobilistico. Si tratta di una tassa che deve essere pagata ogni anno, indipendentemente dalla circolazione o meno della stessa vettura. Diciamo dunque che è una tassa sulla proprietà del veicolo. L’importo dovuto dipende direttamente dalla potenza dell’autovettura oltre che dal suo impatto ambientale. Essendo una tassa regionale, ogni singola Regione ha dei parametri di riferimento, dunque l’ammontare della somma dovuta cambia anche a seconda del luogo che si prende in considerazione. Con l’emergenza Coronavirus, arrivano delle novità relative al pagamento dell’imposta sul bollo auto. Così, in alcune regioni italiane il pagamento della tassa slitta al 30 giugno 2020.

Nuove scadenze per il pagamento del bollo auto

In piena emergenza sanitaria da Coronavirus, alcune regioni italiane hanno scelto di posticipare al 30 giugno l’obbligo di pagamento del bollo auto. Per ora non tutte hanno aderito. In particolare questa decisione è stata presa dal: Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Campania. Sembrerebbe che anche la Sicilia stia andando verso questa direzione, attualmente in attesa del voto dell’Assemblea regionale. Anche le altre Regioni italiane stanno decidendo se aderire al posticipo del rinnovo bollo auto oppure no. Sicuramente, si tratta di una scelta a pieno sostegno dei cittadini ed automobilisti colpiti dalle conseguenze del Coronavirus.

Bisogna restare a casa e stare tranquilli, proprio per questo motivo posticipare gli adempimenti burocratici e finanziari può essere un ottimo modo per far “respirare” i cittadini. Il pagamento non è cancellato ma solamente posticipato a tempi migliori, quando si spera saremo tutti usciti da questa emergenza di notevole portata, non solo a livello nazionale ma anche internazionale.

Pagamenti posticipati senza multe ed interessi

Il bollo auto, in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Campania, potrà essere pagato con tutta tranquillità entro il 30 giugno 2020. Questo ritardo non comporterà alcun tipo di sanzione o di interesse aggiuntivo. Solitamente questi tipi di pagamenti sono effettuati tra marzo e maggio, tuttavia, vista la situazione particolarmente delicata in cui ci troviamo, molte scadenze tributarie sono state posticipate. Tale misura impatta in particolar modo sulla scadenza del mese di maggio, periodo in cui solitamente va pagato il bollo auto in scadenza nel mese di aprile. Sono interessati molti veicoli, come quelli la cui scadenza annuale cade nel mese di aprile, sia quelli che hanno una validità quadrimestrale, come ad esempio i mezzi a noleggio o quelli pesanti.

L’Italia intera sta pensando di aderire alla proposta

Come accennato in precedenza, ci sono tante altre regioni italiane, sia a statuto speciale (come la Sicilia) si a statuto ordinario, che stanno realmente considerando l’idea di aderire all’iniziativa. Dunque, nel corso dei prossimi giorni, la proroga del versamento bollo auto potrebbe riguardare anche altri luoghi in Italia, interessando un numero sempre maggiore di cittadini. Ovviamente, lo slittamento dei pagamenti a livello regionale, deve essere consentito solamente nel caso in cui il tutto non vada ad intaccare o mettere in crisi i vari bilanci regionali. Inoltre, in Lombardia, la sospensione dei pagamenti fino al 30 giugno riguarda non solo il bollo auto, ma anche la tassa sulle concessioni, l’ecotassa così come la riscossione delle rate dei debiti tributari.

Ed ancora, in Campania sono attualmente sospesi gli adempimenti di carattere tributario verso la Regione stessa. Misure che ancora una volta cercano di agevolare i cittadini nel periodo di emergenza sanitaria ed economica da Coronavirus.



CATEGORIES
TAGS
Share This

Commenti

Wordpress (0)