Riapertura Bando Disegni+2: finanziamenti alle imprese per la valorizzazione dei disegni e modelli

Riapertura dei finanziamenti alle imprese per la valorizzazione dei disegni e modelli.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha deciso di riaprire il bando Disegni+2 stanziando ulteriori 20 milioni di euro da destinare alle domande di agevolazione già presentate dalle imprese al 13 gennaio 2015. Il Mise – Direzione generale per la lotta alla contraffazione – Ufficio italiano brevetti e marchi con l’avviso pubblicato nella Gazzetta  Ufficiale della Repubblica italiana n. 183 dell’8 agosto 2014 aveva infatti dato avvio all’attuazione del Bando per la concessione di agevolazioni alle imprese per la valorizzazione dei disegni e modelli, sospeso successivamente con l’avviso n. 9 del 13 gennaio 2015 a causa dell’esaurimento delle risorse stanziate visto l’alta partecipazione da parte delle imprese.


Bando-Disegni+2

image by Vasin Lee

Obiettivo principale del bando è quello di supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella valorizzazione di disegni e modelli industriali attraverso agevolazioni concesse nella forma di contributo in conto capitale.

Riapertura Bando Disegni+2: destinatari

Come si legge nel nuovo avviso, la riapertura dei finanziamenti è rivolta alle “domande di agevolazione presentate a valere sul Bando per la concessione di agevolazioni alle imprese per la valorizzazione dei disegni e modelli («Disegni+2») per le quali  alla  data  del  13 gennaio 2015, data di pubblicazione nella  Gazzetta  Ufficiale  della Repubblica italiana dell’avviso di sospensione del  bando,  e’  stato attribuito il numero di protocollo on line e che  non  hanno  trovato copertura finanziaria con le risorse originariamente stanziate per il suddetto bando, viene avviata l’attività istruttoria di cui al punto 10 del bando medesimo”.

Ricordiamo che il bando Disegni+2 prevede due fasi. La fase di produzione, destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la messa in produzione di nuovi prodotti a esso correlati; e la fase di commercializzazione destinata invece all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale.

Per l’invio della documentazione e comunicazioni varie resta valido l’indirizzo PEC disegnipiu2@legalamil.it. Per maggiori informazioni consultare la pagina, con il relativo avviso, dedicata al bando Disegni+2.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS