Renzo Piano, “Il mio stipendio ai giovani architetti”. Recupero di edifici e aree urbane

Il senatore a vita, l’architetto Renzo Piano ha di fatto mantenuto la suo promessa annunciata un po di tempo fa. La sua idea era di coinvolgere i giovani architetti in progetti nuovi, rilanciando le periferie abbandonate delle città per farne gioielli architettonici di buon gusto.


Proprio in queste ore è stato confermato che il neosenatore a vita ha deciso di destinare il suo stipendio a una serie di iniziative di recupero di edifici e aree urbane che coinvolgeranno per l’appunto giovani architetti.

Nell’incontro privato con Giorgio Napolitano l’architetto ha illustrato i principali punti che saranno oggetto del suo impegno parlamentare. Il primo meeting su questo nuovo ed entusiasmante progetto, che certamente coinvolgerà un numero considerevole di giovani architetti per l’ideazione e la progettazione delle iniziative è stato organizzato nel suo ufficio di Palazzo Giustiniani.

{jcomments on} Al termine dell’incontro sono emersi i primi concreti temi delle azioni che saranno svolte: recupero delle periferie che secondo Renzo Piano rappresentano il vero futuro delle città, ma anche il consolidamento di strutture pubbliche esistenti come le scuole.

In una nota uscita appena dopo l’incontro con Napolitano scrive: “Credo nel ruolo della politica, che viene da polis, la città. E credo anche che questa sia la strada giusta per mettere la mia esperienza al servizio del Paese. Un Paese bellissimo, ma proprio per questo motivo fragile e bisognoso di protezione.




CATEGORIES
Share This

COMMENTS