Quando i numeri rendono il curriculum più efficace

Una cifra o una statistica possono essere più eloquenti di tante parole. Ecco perché è bene inserirli nel proprio cv

I numeri ti hanno sempre dato alla testa? Fai fatica a risolvere una divisione a due cifre e tentenni di fronte a un’equazione di primo grado? Il consiglio che ti diamo è quello di mettere da parte la tua idiosincrasia per le cifre perché – a conti fatti – possono rivelarsi delle preziose alleate. Nel mare magnum dei curricula che i reclutatori devono passare in rassegna ogni giorno, a conquistare la loro attenzione sono, di solito, quelli che riportano informazioni precise, capaci di documentare i risultati raggiunti e le migliorie apportate nelle aziende. I numeri possono rendere la tua candidatura più efficace e dare peso alla tua storia professionale. Non trascurare la faccenda e adoperati ad inserirli, in maniera strategica ed oculata, nel tuo cv.

L’importanza dei numeri nel cv

Un numero o una statistica può rivelarsi più eloquente di tante parole. Perché? Perché fornisce al reclutatore di turno – quello che sta prendendo visione del tuo curriculum vitae – lo strumento ideale per comprendere velocemente quello che sei riuscito a fare in ambito lavorativo. E perché può aiutarlo a prendere atto delle tue capacità produttive.

Per essere più chiari: se sei un contabile, utilissima potrebbe rivelarsi la specifica dei budget che sei abituato a gestire. Fare i conti per una piccola azienda familiare o farli per una multinazionale che ha commesse in tutto il mondo non è, infatti, la stessa cosa. Ma il discorso può valere anche nel caso in cui tu voglia candidarti come collaboratore di una testata giornalistica: specifica il numero di articoli che sei in grado di produrre ogni giorno o a settimana; i selezionatori capiranno quali sono i tuoi ritmi di produzione e valuteranno se è il caso di prendere in considerazione la tua candidatura. E’ un discorso applicabile ad ogni figura professionale: un conducente professionista può, per esempio, parlare della sua abilità a percorrere un tot numero di chilometri ogni giorno e un commerciante, dettagliare il numero di vendite che è solito concludere a fine giornata. Sono tutte informazioni utili a fornire un quadro esatto delle tue capacità professionali. I reclutatori partiranno da quelle per determinare se sei adatto a svolgere il lavoro che ti offrono.

I numeri che certificano i successi

Ma non solo: nel caso in cui tu abbia apportato migliorie o raggiunto importanti successi professionali, questi vanno certificati con dati, statistiche e numeri ben dettagliati. Facciamo l’esempio di un project manager che è riuscito a concludere un progetto importante per la sua azienda; perché non precisare, sul curriculum vitae, l’aumento dei profitti o la percentuale dei tagli dei costi prodotta? Tutto ciò che ha sortito un cambiamento positivo, in ambito lavorativo, va documentato con le cifre. Anche quando si parla di tempo e di persone. Se sei un informatico che ha proposto un programma che ha consentito ai colleghi di risparmiare molto tempo, nello svolgimento delle loro mansioni, faresti meglio a indicarlo sul tuo curriculum vitae. Così come se sei il responsabile di un team più o meno nutrito di persone che si rifanno alle tue indicazioni. Precisare di essere o essere stato a capo di un equipe di lavoro costituita da 5, 10 o 20 persone può fare la differenza. In un mondo in cui tutti si parlano addosso, auto-promozionandosi con troppa enfasi e poco riscontro effettivo, “dirlo con i numeri” può rivelarsi la mossa vincente. Il modo più efficace per proporti e convincere gli esperti della selezione a investire su di te.

Inoltre Bianco Lavoro ti consiglia:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ti consigliamo il KIT Lavorare sempre, garantito da Bianco Lavoro per la sua qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate in linea con le tue esigenze, fai le tue ricerche e registrarti su Euspert Italia.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (1)
  • […] Hai inserito i numeri? A dare corpo a quanto detto prima possono essere i numeri, che forniscono ai selezionatori un valido strumento di valutazione. Qual è l’ammontare medio […]