Quando e come avviene il rimborso Irpef 730 nel 2019

Il rimborso Irpef 730 sarà erogato entro il mese di dicembre 2019 dall'Agenzia delle Entrate. Vediamo come e quando

Il rimborso Irpef 730 relativo al 2019 per la dichiarazione dei redditi senza un sostituto d’imposta, arriva nel mese di dicembre, il tutto direttamente erogato dall’Agenzia delle Entrate attraverso differenti modalità. Vediamo insieme come poter controllare lo stato del rimborso, quando e come questo verrà accreditato sul conto corrente bancario o postale.


Pagamenti e rimborsi per il 730 precompilato

rimborso irpef 730

Anche per il 730 precompilato, nel caso in cui dalla dichiarazione dei redditi emerga un credito o un debito, il rimborso o la trattenuta, viene effettuata seguendo le medesime modalità del 730 ordinario. Nello specifico, se dal 730 precompilato emerge un credito che deve essere rimborsato, il contribuente potrà ricevere il rimborso direttamente dal suo datore di lavoro od ente pensionistico. Nel caso in cui dalla dichiarazione emerge un debito, lo stesso datore di lavoro o ente pensionistico effettuerà direttamente la trattenuta. La somma di denaro sarà trattenuta o accreditata direttamente in busta paga o nell’assegno pensionistico, a partire da luglio o agosto/settembre.

Rimborso Irpef 730 senza sostituto d’imposta

Nel caso della dichiarazione dei redditi senza un sostituto d’imposta, l’eventuale rimborso Irpef 730, avviene direttamente da parte dell’Agenzia delle Entrate. Solitamente tale rimborso viene erogato nel mese di dicembre tramite differenti modalità:

  • attraverso un mandato postale di pagamento, che arriverà direttamente a casa del contribuente, da riscuotere presso un ufficio postale della zona. Il rimborso deve essere riscosso entro marzo dell’anno successivo la presentazione del 730.
  • Con accredito sul conto corrente bancario o postale, il tutto entro il mese di dicembre dell’anno della presentazione del modello 730.

Sono queste le due principali modalità con cui i contribuenti possono ricevere il rimborso Irpef 730, nel caso in cui ne avranno diritto.

Come controllare lo stato del rimborso Irpef 730

Il contribuente può controllare lo stato dell’avanzamento del rimborso Irpef 730 senza sostituto d’imposta, andando ad esaminare la data della liquidazione del 730 stesso. Per andare a controllare lo stato del rimborso, i contribuenti dovranno accedere al servizio fisconline, utilizzando le proprie credenziali di accesso, ossia lo SPID o Pin con la password ricevuta direttamente da fisconline. Il contribuente, una volta effettuato l’accesso, dovrà cliccare sulla dicitura Consultazioni, Cassetto fiscale e cassetto fiscale personale. Lo step successivo è quello di cliccare sulla dicitura Rimborsi – Rimborsi II.DD ed essere così liberi di poter consultare la situazione del proprio rimborso.

Quando ricevere il rimborso Irpef 730 sul conto corrente?

I contribuenti hanno a disposizione anche i mezzi per poter controllare lo stato della liquidazione del rimborso Irpef 730. Prima di tutto bisogna sempre accedere al servizio fisconline, da qui cliccare sulla dicitura Consultazioni – Dichiarazioni fiscali per poi cliccare sul modello 730. Proprio in questa schermata, il contribuente troverà la dicitura per la dichiarazione 730 senza sostituto (A) relativa all’anno di imposta di riferimento, con la dicitura Stato di lavorazione, Dichiarazione liquidata in data tot. Tale espressione significa che il 730 ha superato tutti i controlli di carattere preventivo, da parte dell’Agenzia delle Entrate, ed entro il mese di dicembre, sarà liquidato il rimborso dovuto. Ovviamente il rimborso stesso avverrà solo ed esclusivamente nel caso in cui il contribuente a cui spetta, ha inserito il numero del suo conto corrente Iban bancario o postale in maniera corretta. Nel caso in cui vi accorgete che si sono errori riguardo il numero del conto corrente, non esitate a comunicarlo in maniera tempestiva. Per chi non fosse pratico delle modalità telematiche, resta comunque la possibilità di recarsi presso la sede dell’Agenzia delle Entrate e chiedere informazioni.

A quanto ammonta il rimborso 730?

Altra curiosità potrebbe essere quella di conoscere a quanto ammonta il rimborso fiscale dovuto. Tali informazioni possono essere richieste al Consulente fiscale oppure al Caf, nel momento stesso del rituro della dichiarazione dei redditi, oppure visualizzare il tutto all’interno del riquadro 730-3 (risultato della liquidazione). Ricordiamo che tale importo, nel caso della dichiarazione dei redditi senza sostituto d’imposta (utilizzata soprattutto dalle lavoratrici domestiche e colf) sarà erogato direttamente dall’Agenzia delle Entrate.



CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (0)