Piccole e medie imprese: previste 100 mila assunzioni

L’anno 2011 sarà iniziato con il piede giusto, almeno per le piccole e medie imprese, dato che un’indagine Unioncamere, basata sul sistema informativo Excelsior, ha trovato che nella prima parte dell’anno le Pmi sono intenzionate ad assumere 99 mila nuovi lavoratori, di cui il 54% nel nord dell’Italia.

Sempre la stessa indagine ha poi scoperto che il 53% delle nuove assunzioni dovrebbe riguardare giovani con titoli di studio medio-alto, soprattutto laureati.

Rispetto all’ultimo trimestre 2010, quindi, quando le nuove assunzioni erano state calcolate in 71 mila unità, migliorano le prospettive di occupazione, soprattutto per i giovani più qualificati.

Circa 26 mila assunzioni poi dovrebbero riguardare altrettanti operai, che andrebbero a sostituire i profili meno q ualificati.

Sempre in base a Uniocamere, il 93,7% delle Pmi ha risposto che lascerà invariata l’occupazione alla domanda su possibili nuove assunzioni, mentre il 3,3% dovrebbe aumentarla, a fronte di un 3% che prevede di ridurla. La ripresa maggiore dell’occupazione è attesa nel settore delle costruzioni e della manifattura.

E, intanto, sul fronte delle agenzie di lavoro, è da registrare l’acquisto di Metis, da parte di Openjob, due tra le più note agenzie di lavoro interinale.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)