Personal brand: cinque consigli per costruirne uno di successo

Semplici consigli ma efficaci per costruire un personal brand di successo e imparare a promuoverlo. Senza dimenticare un pizzico di genuinità

Espressioni come “sapersi vendere” o “fare marketing di se stessi”, oggi sono all’ordine del giorno. Ma curare e promuovere il proprio personal brand non riguarda solo imprenditori o freelancer, come si sarebbe propensi a pensare. Anche chi è alla ricerca di occupazione deve lavorare sulla propria immagine di professionista e capire in quale modo questa viene percepita dagli altri e quali sono i margini per poterla migliorare. Qui di seguito cinque consigli per costruire un personal brand di successo.


Cinque consigli per sviluppare il tuo personal brand

1. Ottimizza il design

Il design del tuo brand è una vera e propria comunicazione non verbale. Potresti essere il migliore nel tuo campo ma se usi un font rosa shocking sul tuo cv e hai le immagini di Hello Kitty sul tuo sito web, beh potresti non essere preso sul serio come vorresti. Considera il tone of voice del tuo modo di comunicare, ciò che vuoi trasmettere e scegli una grafica in grado di  rifletterlo per bene. Una volta scelti i colori che rappresentano il tuo brand,  utilizzali su ogni tipo di materiale promozionale: biglietti da visita, profili sui social media, blog, sito web. Fai in modo che la gente riconosca il tuo brand.

2. Evita un selfie come immagine del profilo

Una foto del profilo professionale come quella su Linkedin ad esempio deve essere curata. Questo non implica necessariamente che tu debba ricorrere ad un fotografo professionista ma puoi chiedere ad esempio ad un amico di aiutarti e scattarti una foto. Evita assolutamente i selfie, soprattutto se poi ritocchi la foto o la tagli e magari rimane un parte del braccio del tuo amico che s’intravede sulla tua spalla! Evita sfondi poco consoni, tipo il pub o la spiaggia (magari con gli occhiali da sole in testa!) e ovviamente sorridi. Un viso sorridente è la migliore “prima impressione” che tu possa scegliere.

personal-brand

image by Jacek Dudzinski

3. Scegli con cura il tuo slogan

Se potessi descrivere il tuo brand con tre parole quali sceglieresti? Una volta definito con cura il tuo “slogan”, la tua promessa al cliente, puoi usarlo per descriverti sul tuo profilo Linkedin o per i famosi 140 caratteri di Twitter o ancora per l’intestazione del tuo sito o sul footer del tuo cv. Naturalmente il tuo slogan deve essere professionale e se aggiungerai un tocco di unicità, allora il tuo diventerà un brand di successo. Puoi anche sbirciare i profili e le biografie dei migliori professionisti del tuo campo per avere qualche idea.

4. Trova lo spazio giusto per mostrare il tuo lavoro

Se parliamo di social network, allora Linkedin rappresenta di sicuro il posto più professionale dove mostrare il tuo lavoro. Ovviamente non basta e potresti aver bisogno anche di altro spazio. Cura il tuo sito, crea un portfolio freelance professionale e iscriviti su forum e blog di settore specializzati.

5. Sii autentico

Il brand deve essere professionale ma questo non vuol dire uguale a quello di altri professionisti: deve rispecchiare ciò che sei, devi trovare la tua unicità Le persone cercano le genuinità e vogliono scoprire chi sta dietro al marchio, cosa pensa, quale è la sua opinione. Prima di creare e promuovere il tuo brand pensa a quali sono i valori, i messaggi che vuoi comunicare, le tue passioni e le competenze che ti contraddistinguono e soprattutto trova la tua nicchia nella quale specializzarti ed individuare il tuo target di riferimento.

Avere un brand di successo significa non omologarsi, non dover per forza piacere a tutti o soddisfare ogni tipo di richiesta ma trovare i clienti e le aziende giuste alle quali rivolgersi e con le quali lavorare.Oggi c’è addirittura un nuovo professionista del web in grado di aiutare in questo tipo di percorso: è il personal brander, un valido alleato per portare al successo il proprio marchio.

 

 

 




CATEGORIES
Share This

COMMENTS