Paymeabit: il social network made in Italy che ti fa guadagnare se lo usi

Paymeabit: cos’è e come funziona il social network tutto italiano che permette di guadagnare semplicemente postando status, links e articoli a pagamento. Quali sono i punti di forza? Quali potenzialità può avere?

Paymeabit è un progetto tutto made in Italy, anzi made in Sardegna, e rappresenta una novità che può rivoluzionare il modo in cui concepiamo i Social Network. Immaginate di guadagnare per ogni “Mi Piace” di Facebook o per ogni “Cuoricino” di Twitter.

Molti ci hanno provato a creare social network che ricompensassero gli utenti, ma Paymeabit è il primo che potrebbe funzionare. Grazie alla flessibilità d’uso del bitcoin, la cripto moneta digitale più utilizzata oggi, è possibile far funzionare un Social Network che premia la qualità di quanto pubblicato dagli utenti.

paymeabit

Cosa è un bitcoin?

Un bitcoin è la prima e più diffusa moneta digitale distribuita. Ogni moneta è costituita da un codice digitale protetto da una sofisticatissima crittografia (scrittura in codice), e il sistema gira su migliaia di computer, come se fosse un sistema di condivisione di musica e video (da Napster a Torrent, ecc.). Non è controllato da nessun governo e da nessuna banca, funziona in tutto il mondo, ed è fatto in modo da non poter essere Hackerato.

Per questi ed altri motivi il bitcoin sta diventando una moneta di scambio altamente valutata, ed oggi è scambiata per circa 1200 €. Quando è stata inventata nel 2009, valeva zero, e solo la sua utilità come mezzo di pagamento ne ha fatto crescere il valore. Un bitcoin è divisibile in un milione di parti, ossia un milione di bit. Mille bit, di conseguenza valgono 1,2 € oggi.

Come funziona Paymeabit?

paymeabit

Paymeabit funziona grazie all’estrema facilità d’uso del bitcoin. Ogni status che un utente scrive, ogni link che condivide, può ricevere, in luogo dei “Mi piace” di Facebook, uno o più bit, ossia uno o più milionesimi di bitcoin. Come detto, al cambio attuale, mettere insieme mille bit significa guadagnare oltre 1 €, ma considerata la potenzialità di crescita di valore del bitcoin, questa cifra può crescere e molto in fretta, con l’andare del tempo.

paymeabitInoltre ogni utente può scrivere articoli a pagamento, decidendo liberamente il prezzo. Nella pagina home i post di tutti gli utenti sono ordinati in base a quanto hanno guadagnato: chi ha guadagnato di più ottiene una visibilità verso tutti, oggettiva.

La possibilità di scrivere articoli a pagamento oltretutto può davvero rivoluzionare il mercato editoriale. Oggi chi compra un quotidiano cartaceo, lo fa più per le opinioni del suo commentatore di riferimento che per leggere notizie che sa già dal giorno prima.

Oggi se un opinionista litiga con la direzione del giornale su cui scrive, e viene licenziato, può mettersi a scrivere articoli a pagamento su Paymeabit, e i suoi fan potrebbero trovare più economico pagare, ad esempio, 30 centesimi per leggere la sua opinione, piuttosto che oltre un euro per tutto il giornale di carta.

Parallelamente una persona che scrive opinioni ed articoli apprezzati dal pubblico, senza essere un giornalista di mestiere, può arrivare a guadagnare direttamente, e senza un limite superiore di quanto può guadagnare. Non solo, un utente può essere ricompensato per il fatto di entrare in un gruppo, dal creatore del gruppo stesso. E un domani le aziende potranno premiare chi legge un post pubblicitario o guarda un video pubblicitario. Finalmente si entrerà nell’era in cui verremo pagati per il semplice fatto di usare un social network.

Paymeabit, come è nato e come sta crescendo

paymeabit

Per farci raccontare la storia di Paymeabit abbiamo parlato con Luigi Angotzi, grande esperto di bitcoin, e che si occupa di Growth Hacking per Paymeabit.

“I founder di Paymeabit rispondono al nome di Mauro Pili, Sergio Masala e Fernando Giano. L’idea è nata nel 2014, ed ha preso forma nel 2015, con lo sviluppo della piattaforma. A inizio 2016 era pronta una versione “alfa” e siamo andati in “Beta” pubblica, a giugno 2016. Ad oggi gli utenti sono già nell’ordine delle migliaia, ed i bit scambiati finora sono attorno a mezzo milione, come dire mezzo bitcoin”

Esiste un sistema di censura su Paymeabit?

Paymeabit  non ha un sistema di censura troppo stringente. E’ ovviamente sempre vietato postare minacce o qualsiasi altra cosa illegale.

Abbiamo appena creato il Gruppo Bianco Lavoro su Paymeabit, che aspetti a raggiungerci?