Occupazione: ancora dati statistici

Sembra quasi una moda oramai pubblicare studi statistici sull’occupazione come ad esorcizzare questa profonda crisi che permea il mercato del lavoro Italiano ma anche mondiale. A volte sembrano notizie incoraggianti altre meno ma di sicuro c’è una forte attenzione dei mass media su questo tema.

Da un’indagine Inps risulta che nel corso del 2009 il 55% dei disoccupati ha trovato una nuova occupazione.

Ma i dati percentuali non rendono mai correttamente l’idea a noi poveri mortali che non mastichiamo tutti i giorni la statistica.

 

Vediamo concretamente i numeri: lo studio è stato effettuato su 397.414 soggetti che hanno fatto richiesta di assegno di disoccupazione (non agricolo) da gennaio 2009. Questo numero probabilmente non è rappresentativo della popolazione italiana ma resta comunque un “campione“ molto numeroso.

Di questi a fine anno risultavano reimpiegati 217.343 persone (circa il 55% appunto). Se a questi aggiungiamo i circa 7500 soggetti che hanno raggiunto l’età pensionistica e le circa 10.000 partite iva aperte raggiungiamo il 57% circa.

Si può dire che comunque, in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando, questa “flessibilità” del mercato del lavoro è un dato incoraggiante.

Sicuramente non incoraggiante è la recente pubblicazione dei dati Istat sull’occupazione che dicono essere in calo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel quarto trimestre del 2009 si parla di 22.922.000 occupati in calo rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente di ben 428.000 unità.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)