Novità sulla Disoccupazione Ordinaria: valgono anche i periodi di contratto a progetto

Novità per chi intende presentare domanda di ds ordinaria non agricola con requisiti normali. L’inps con circolare n. 74 del 15 giugno 2010, in attuazione all’Articolo 2, comma 131, legge 23 dicembre 2009, n. 191 (finanziaria per il 2010) recepisce i nuovi requisiti contributivi per l’accesso al tale sussidio.

Come è noto, due sono i requisiti previsti per l’accesso alla domanda di disoccupazione ordinaria non agricola: il requisito contributivo e quello assicurativo.

Per soddisfare il requisito contributivo, l’assicurato, deve far valere almeno un anno di contribuzione ovvero 52 contributi settimanali accreditati/dovuti, anche non continuativamente, nel biennio precedente l’inizio del periodo di mancanza di lavoro.

Questa però la novità contenuta nella circolare: in via sperimentale per l’anno 2010, ai fini del perfezionamento di tale requisito, si computano anche i periodi svolti nel biennio precedente in via esclusiva sotto forma di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, nella misura massima di tredici settimane.

Si tratta di un’opportunità importante, poiché fino al 2009, la normativa non considerava utili i contributi versati nella gestione separata a titolo di collaborazione a progetto, oggi questo è possibile ma nel limite delle 13 settimane.

Con la finanziaria 2010, ci si è resi finalmente conto che non è facile trovare lavoro e soprattutto quando lo si trova, è assolutamente difficile ottenere un contratto di lavoro dipendente anche a tempo determinato che consenta poi di beneficiare del sussidio di disoccupazione.


Per la verifica del requisito assicurativo, invece continuano ad applicarsi le disposizioni in vigore.

Pertanto, per tutti i richiedenti – anche quelli che, beneficiando della sperimentazione in esame, facciano valere ai fini del requisito contributivo periodi da parasubordinati – è necessario verificare la sussistenza di un contributo contro la disoccupazione involontaria (da lavoro dipendente) almeno due anni prima dell’inizio del periodo di mancanza di lavoro.

Resta invariata la misura dell’indennità ordinaria di disoccupazione che è determinata sulla base della retribuzione lorda percepita nei tre mesi precedenti la data di cessazione del rapporto di lavoro e viene corrisposta in misura percentuale rispetto a tale retribuzione. La percentuale spettante ai lavoratori che alla data del licenziamento abbiano superato i 50 anni di età è pari al:

60% per i primi 6 mesi;

50% per i successivi 2 mesi;

40% per il periodo restante

Le stesse percentuali, ma sino ad un massimo di 8 mesi vengono applicate ai lavoratori che alla data del licenziamento non abbiano superato i 50 anni di età.

Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.inps.it o contattare il numero verde 803164.

CATEGORIES
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)