Mini riunioni al bar: così si lavora meglio

Parlare di affari in un bar non rende il professionista meno serio, ma lo costringe a lavorare di più per vincere le resistenze dei più tradizionalisti

E chi lo ha detto che per lavorare bene bisogna essere formali? Le riunioni in giacca a cravatta – che nell’immaginario comune sono sinonimi di serietà e professionalità – possono in realtà trasformarsi in momenti di scarsa produttività. Se non di vera e proprio noia che, come è facile comprendere, difficilmente apporterà un contributo significativo alla crescita dell’impresa. Cosa fare allora? A indicare una strada alternativa è stata un’azienda californiana, la Autopilot, che ha inaugurato la moda delle mini riunioni al bar.


In pratica: anziché tediare i membri del consiglio invitandoli a partecipare a riunioni barbose in cui a parlare sono sempre i “soliti eletti”, si sceglie di organizzare incontri ristretti al bar. L’idea è, infatti, quella di convocare tre, massimo quattro membri del board alla volta e di aggiornarli su ciò che avviene in azienda davanti a una birra fresca. Il risultato è garantito: il clima informale favorisce la comunicazione e l’empatia tra i partecipanti che sono incentivati a dire la loro e a proporre eventuali soluzioni. Senza considerare il fatto che incontrarsi fuori dall’ufficio e chiacchierare di affari con il nodo della cravatta allentato finisce, quasi sempre, per migliorare il clima tra il management e il consiglio di amministrazione. Sgombrando la strada da quelle formalità che “ingessano” la qualità dei rapporti umani e professionali. Tutti si sentono, insomma, più rilassati e finiscono per produrre di più e meglio. Ma non si sottostimi l’intera vicenda. Le mini riunioni al bar non sono incontri spensierati tra persone che condividono interessi. Anzi: alle loro spalle c’è una pianificazione accurata che deve innanzitutto tener conto dei punti su cui sarà più opportuno confrontarsi. Sorseggiare una birra mentre si parla di lavoro non rende il professionista meno serio. Ma lo costringe a fare uno sforzo maggiore: quello di dimostrare ai più tradizionalisti che parlare di bilanci e strategie fuori dalla sala riunioni non solo si può, ma è anzi auspicabile. Perché permette di centrare risultati migliori che finiscono per favorire tutti.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS