Milano premia cinque progetti d’impresa con 28mila euro a fondo perduto

Charitystars, Terraxchange e Xmetrics sono solo tre delle idee imprenditoriali di alcuni giovani che, grazie alla loro originalità, verranno sostenute dal Comune di Milano con 28 mila euro a fondo perduto e un ufficio a titolo gratuito. All’interno di FabriQ (gestita da Impact Hub Milano  e Fondazione Giacomo Brodolini) , l’incubatore di impresa per l’innovazione sociale che è una sorta di paradiso per startup che strizzano l’occhio al sociale, alla cultura e all’ambiente, grazie ad un ampio spazio dedicato al coworking, i giovani imprenditori che hanno partecipato al bando e risultati vincitori potranno dar vita alle loro idee passando dal processo creativo alla vera e propria messa in opera.


Ad aver la fortuna di svilupparsi  tentando di diventare sempre più grande, sarà, ad esempio, l’idea che mette all’asta la possibilità di incontrare il proprio beniamino o meglio la Star del cuore. Il progetto vincitore si chiama Charitystars e prevede che Eros Ramazzotti, Lapo Elkan, Gigi Buffon, Mika, ed altri che anche in futuro vorranno fare da testimonial al progetto, escano insieme ai loro fan allo scopo di raccogliere soldi per associazioni internazionali per la tutela dei diritti degli esseri viventi, come ad esempio Save the Children, Wwf,  o Emergency.  Insomma un progetto per nulla banale, capace di raccogliere in pochi mesi ben 350.000 euro da destinare in beneficenza.

Altro progetto pronto a diventare una delle imprese del futuro pare essere Terraxchange, ovvero un portale web in cui domanda ed offerta agricola si incontrano, dove i proprietari di terreni incolti o semi-abbandonati possono trovare qualcuno che voglia gestire questi ultimi al meglio, riqualificando le zone che li circondano ed evitando il dilagare del degrado. Sempre legato alla terra, ma questa volta più che altro ai suoi prodotti, fra i progetti premiati c’è anche Social experience che si pone l’obiettivo di mettere in rete imprese e consumatori creando un vero e proprio distretto di economia solidale.

Come non pensare, però, anche ai rifiuti? I ragazzi che hanno ideato Geomundis si sono focalizzati soprattutto sul riciclo pensando di sviluppare compattatori urbani per bottiglie di plastica evitandone così l’abbandono in strada. Riuscirà questa iniziativa a diffondere fra i milanesi e non solo un senso civico maggiore, ma anche un’attenzione più grande verso il riciclaggio e la raccolta differenziata? Altri giovani ingegneri hanno, invece, pensato a come monitorare i parametri di nuotatori professionisti ed amatoriali registrando il numero di vasche effettuate, i tempi e la qualità della bracciata per aiutare chiunque pratichi questo sport a migliorare la propria performance agonistica attraverso Xmetrics. Geniale no? 



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS