Mediazione civile, accordo tra avvocati e ministero giustizia

E’ stato raggiunto un accordo tra il ministero della giustizia e l’Ordine degli Avvocati, riguardo alla legge sulla conciliazione obbligatoria, entrata in vigore dalla terza settimana di marzo.


Da un paio di mesi, infatti, una legge stabilisce che per cause di natura civile, commerciale e di lavoro, prima di arrivare in tribunale, bisogna esperire un tentativo di conciliazione obbligatoria, ciò al fine di smaltire l’enorme ammontare di cause arenate presso i tribunali italiani, che hanno ingolfato e rallentato la macchina della giustizia, oltre ogni misura, in Italia.

Gli avvocati si sono sin da subito mostrati contrari alle nuove misure, in quanto i conciliatori non sarebbero necessariamente dei difensori, ma liberi professionisti, abilitati alla mediazione tramite un corso di formazione.

Adesso, pare che sia stata trovata una soluzione che accontenti le parti. Gli avvocati hanno ottenuto che il tentativo di conciliazione debba essere assistito da difensori delle due parti e che si concordi una cabina di regia, per lo smaltimento delle cause arretrate. In più, il ministero si impegnerebbe a promuovere la conciliazione affidata agli avvocati e a fissare tariffe graduate.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS