Lettera di presentazione per CV, esempi, modelli e consigli pratici per candidarsi in azienda

La lettera di presentazione è molto più importante di quanto sembri. Infatti è la prima cosa che i selezionatori leggono di noi (prima ancora del CV). Ecco esempi pratici, download e consigli

La lettera di presentazione così come la vogliono i selezionatori. Come scriverla, esempi pratici e modelli e qualche provocazione da non perdere. Sapete perché scrivere una lettera di presentazione da affiancare ad un buon Curriculum Vitae è importante? E soprattutto come scriverla per bene per arrivare a colpire in maniera mirata chi la legge? Cerco di spiegarlo con esempi pratici ed efficaci.

Vi è mai capitato di ricevere nella vostra buchetta delle lettere volantini pubblicitari imbucati da parte di idraulici, muratori, tuttofare, imbianchini o agenzie di disbrigo pratiche?
Certamente moltissime volte. Come vi comportate?

lettera di presentazione

Semplice: se interessati a qualcuno dei servizi chiamate al numero indicato, se non interessati cestinate o conservate il volantino per future esigenze!

Come funziona ed a cosa serve la lettera di presentazione

Vi è mai venuto in mente di contattare ogni volta i numeri di telefono o rispondere a questi volantini semplicemente per dire “grazie al momento non sono interessata/o, vi contatterò al momento opportuno”. Oppure “grazie, ho già trovato il mio artigiano di fiducia”? Secondo me: mai! Perché? Il motivo è semplice: vediamo quel volantino come una semplice pubblicità infilata indiscriminatamente in tutte le cassette della posta, non è indirizzata direttamente a noi e non merita risposta diretta. Se interessati contattiamo, altrimenti cestiniamo oppure archiviamo, magari prima o poi servirà.

Cosa c’entra questo con la candidatura alle offerte di lavoro e la lettera di presentazione?

La maggior parte delle candidature (sia spontanee sia a risposta delle offerte di lavoro) fanno al selezionatore lo stesso effetto della pubblicità “non mirata” infilata in tutte le buchette. E loro si comportano esattamente come facciamo tutti noi: se interessati contattano, altrimenti archiviano o cestinano.

Sbagliato quindi sorprendersi quando non si ricevono risposte dopo innumerevoli candidature. Il motivo è semplicissimo: la candidatura non è mirata. La lettera di presentazione non è efficace ma è inviata “prestampata”, identica per tutti gli invii. Da quindi l’impressione che per candidarsi si siano spesi solo pochi secondi per fare un altro dei numerosi “inoltri” del curriculum.

Morale: non merita risposta. Non prendetevela con il selezionatore, si è comportato come tutti noi facciamo quando riceviamo “pubblicità” o messaggi non mirati e non espressamente rivolti a noi.

E’ davvero tutto necessario?

Arrivato a questo punto sono già convinto che una buona percentuale di lettori diranno: “tutte stupidaggini”, “i selezionatori non rispondono perché sono cafoni e maleducati”, “le mie candidature sono perfette”, “che idiozia paragonare le candidature con le pubblicità ed i volantini”.
In alcuni casi ci possono essere anche delle verità in questo. Da parte di chi si candida tuttavia è necessario fare il massimo per non avere il dubbio che “se la mia candidatura fosse stata migliore e più mirata, magari una risposta la avrei avuta”.

Posto il problema voglio ora provare a dare dei consigli per risolverlo.

Come scrivere una lettera di presentazione per potenziare il CV e candidarsi in azienda

Un selezionatore si accorge in pochi secondi se la candidatura è stata inviata dopo aver letto per bene l’annuncio e personalizzato la propria lettera di presentazione, dimostrando così cura nelle cose che si fanno ed interesse reale per la posizione. Oppure se si trova di fronte ad una delle migliaia di candidature inviate in massa a tutte le offerte, da quei candidati che girovagano per la rete e si lamentano “ho inviato oltre mille candidature, nessuno mi ha contattato”.

La maggior parte dei selezionatori archivia o cestina le candidature del secondo caso, mentre da più peso e quasi sempre una risposta a quelle del primo caso.

Come fare allora per aumentare esponenzialmente il numero di risposte e di inviti a colloquio?

Smettere con invii indiscriminati da “spammer della candidatura” e candidarsi con una buona lettera di presentazione (ed ovviamente un buon Curriculum Vitae) in maniera mirata e personalizzata alle offerte interessanti.

Detto ciò, come personalizzare la candidatura? Il segreto è nella “lettera di presentazione”. Spesso sottovalutata e posta in secondo piano rispetto al CV, ma che invece ha una importanza enorme. Perché? Proprio per il fatto che permette di dimostrare in pochi secondi che si sta rispondendo “proprio” a quell’offerta di lavoro e si è letta e studiata prima di inviare la candidatura.

Un altro aspetto non secondario è che nell’invio della candidatura via email (via posta tradizionale ormai arrivano meno del 5% delle candidature) la lettera di presentazione è nel “corpo del testo” del client di posta e non allegata in formato doc o PDF. in allegato ci sarà invece il CV. Il selezionatore vedrà quindi immediatamente la lettera e solo se convincente e mirata aprirà il file CV allegato.

Ora la parte bella: per personalizzare una lettera e quindi una candidatura, non è necessario scriverla ex-novo ogni volta, basta variarne un 20-25% tutte le volte in funzione dell’offerta alla quale si risponde.

Come personalizzare la lettera di presentazione e renderla mirata ed efficace

Vediamolo in tre piccoli passi:

Apertura

Per prima cosa evitate nella maniera più assoluta aperture tipo: “Spett.le ditta”, “Spett.le società” o “Egregio direttore del personale”! La lettera di presentazione e quindi l’apertura della email deve avere destinatario non generico. Se si conosce il nome del responsabile al quale si invia tanto meglio, altrimenti: “Spett.le Thecon srl”, etc… inserire il nome dell’azienda è fondamentale per dare l’idea di essere consapevoli di spedire la candidatura “proprio” a loro.
Ovviamente questo non basta….

Coerenza con l’annuncio di lavoro

Un metodo vincente per dare a chi legge immediatamente l’idea di avere di fronte una candidatura “ragionata” è quello di ripetere alcuni concetti presenti nell’offerta. Ad esempio se nell’offerta si richiede “conoscenza di Autocad 3D e Solidworks”, inserire nelle prime righe della lettera di presentazione: “sono in possesso dei requisiti da voi richiesti, in particolare conosco molto bene Autocad e Solidworks, come potrete vedere più approfonditamente nel mio CV allegato”.
Oppure se nell’offerta si richiede “disponibilità a frequenti trasferte”, inserire nella lettera: “nelle mie precedenti occupazioni ho avuto la possibilità di effettuare numerose trasferte su tutto il territorio nazionale che mi hanno dato la possibilità di allargare gli ambiti delle mie professionalità, sono dunque molto interessato ad una occupazione che mi dia la possibilità di effettuare trasferte presso clienti e fornitori sia in Italia che all’estero”.
Altro esempio: in un annuncio per addetti elaborazione buste paga, si richiede “precedente esperienza” nella mansione. Nella lettera di presentazione inseriremo la frase: “ho maturato oltre due anni di esperienza nell’elaborazione delle buste paga ed è una mansione che mi appassiona ed ho intenzione di proseguire”.

Informazioni sull’azienda alla quale ci si candida

Diamo all’azienda alla quale rispondiamo il messaggio chiaro che prima di candidarci ci siamo “informati” ed abbiamo “studiato” loro ed i loro prodotti! Come? Dicendolo chiaramente, magari inserendo nella lettera di presentazione una frase verso la fine, del tipo: “a seguito di interesse per la posizione offerta ho visionato e navigato il vostro sito web (www.tecnoxxxx.com) e devo riconoscere che sono rimasta affascinata dai vostri prodotti e dai risultati del vostro staff di cui spero poter presto far parte!”

Concludo con una risposta a quella che so essere la principale obiezione: “Nel tempo che ci impiego per preparare una candidatura così mirata e nel personalizzare la lettera di presentazione, ne invio 100 di candidature”. Risposta: anche se sono pacifista, utilizzo un esempio di “guerra”: il cecchino per colpire il suo obiettivo, non spara cento colpi con un mitragliatore automatico, ne spara uno solo con un fucile di precisione, ed il risultato è certamente migliore!

Esempi di lettera di presentazione mirata

Esempio lettera di presentazione in risposta all’offerta

Se rispondiamo ad una specifica offerta di lavoro, ad esempio:

Offerta di lavoro alla quale vogliamo candidarci pubblicata su “Tutto Affari Bologna”:

Impiegata/o commerciale estero conoscenza tedesco

Tref srl, importante azienda nel settore delle confezioni in plastica, ricerca un/a impiegato/a per l’ufficio estero.
Richiesta minima esperienza nel ruolo (anche altri settori), conoscenza di inglese e tedesco, utilizzo di IBM AS400.
Sono richieste doti di problem solving, capacità di lavoro in team e disponibilità ad un paio di brevi viaggi ogni anno presso clienti all’estero.
Costituirà titolo preferenziale la conoscenza di ulteriori lingue straniere.
Si offre contratto a tempo determinato di mesi sei trasformabile in indeterminato.
Luogo di lavoro: Bologna

Lettera di presentazione idonea per l’offerta di lavoro:

Spett.le Tref srl,

con la presente vorrei sottoporre alla vostra attenzione la mia candidatura per la posizione di “impiegato commerciale estero conoscenza tedesco” riferita al vostro annuncio su “Tutto Affari Bologna”. Ho maturato due anni di esperienza nell’ambito del commercio estero e posso operare in inglese, tedesco e spagnolo. Ho già avuto esperienze nel settore della plastica e posso dire di aver maturato competenze specifiche in questa particolare materia.

Come da vostra richiesta nell’offerta posso inoltre vantare una ottima conoscenza di IBM AS400, grazie a frequente utilizzo nella mia precedente occupazione. Come potrete vedere dal mio CV in allegato, ho lavorato in aziende strutturare che mi hanno permesso di maturare doti di lavoro in team e capacità di lavorare per obiettivi. In questo momento a causa di un periodo di cassa integrazione sto valutando nuove offerte di lavoro in linea con la mia preparazione e mi rendo disponibile ad un colloquio conoscitivo presso la vostra azienda.

Ho visitato e navigato il vostro sito web (www.tresrl.net) ed ho capito che potrei essere la persona giusta per la vostra struttura. Nell’attesa di un vostro cortese riscontro porgo distinti saluti.

Angela Righi

lettera di presentazione

Esempio lettera di presentazione azienda per candidatura spontanea (autocandidatura):

Spett.le xxxxxxxx,

con la presente vorrei sottoporre alla vostra attenzione la mia candidatura per eventuali posizioni aperte di impiegato commerciale estero. Ho maturato due anni di esperienza nell’ambito del commercio estero e posso operare in inglese, tedesco e spagnolo. Come potrete vedere dal mio CV in allegato, ho lavorato aziende strutturare che mi hanno permesso di maturare doti di lavoro in team e capacità di lavorare per obiettivi.

In questo momento a causa di un periodo di cassa integrazione sto valutando nuove offerte di lavoro in linea con la mia preparazione e mi rendo disponibile ad un colloquio conoscitivo presso la vostra azienda.

Ho visitato e navigato il vostro sito web ed ho capito che potrei essere la persona giusta per la vostra struttura.

Richiedo un colloquio conoscitivo presso i vostri uffici. Nell’attesa di un vostro cortese riscontro porgo distinti saluti.

Maria Rossi

Modelli lettera di presentazione per CV

Ecco di seguito alcuni modelli di lettera di presentazione  facenti parte del Kit Lavorare sempre e gentilmente forniteci da Carerr Loupe:

  • Modello di Lettera di Presentazione idonea a laureati con poche esperienze di lavoro: Download in formato Word
  • Per chi ha già una pregressa professionalità e vuole rivendersi presso importanti aziende ecco un modello di Lettera di presentazione idonea: download in formatoWord
  • Lettera di presentazione idonea per chi è già inserito nel mondo del lavoro con posizioni di medio livello e vuole crescere professionalmente mettendo in luce le proprie competenze: download in formato Word

Video su Lettera di presentazione e modalità di candidatura

Ecco il video in cui parlo della lettera di presentazione (citando anche questo articolo ed i commenti) e delle modalità di candidatura.

Servizio Revisione CV e creazione lettera di presentazione

Se ti serve una marcia in più e vuoi avere la certezza di non fallire una candidatura a causa del CV poco efficace, ecco un buon servizio premium: Revisione CV e creazione lettera di presentazione.

Il CV ti verrà ottimizzato e rivisto da professionisti del settore con alle spalle anni di esperienza. Per questo sanno veramente come i selezionatori vogliono vedere un CV ed una lettera. I servizi di revisione CV sono ancora poco utilizzati in Italia. Ma in UK e USA (così come in tanti altri Paesi) avere un CV preparato con consulenza specifica di professionisti è praticamente un fattore imprescindibile per presentarsi al meglio nel mondo del lavoro.

Il servizio costerebbe 99 euro, ma per chi è arrivato a leggere questo articolo fino in fondo voglio regalare un codice sconto del 40%. Come usufruirne? Acquista il servizio e prima di pagare inserisci questo codice: BL911

Lettera di presentazione in inglese

Infine propongo un contenuto approfondito in cui parliamo di Lettera di Presentazione in lingua inglese

I commenti sono aperti per scambiarsi info e consigli!

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (47)
  • […] formati: .DOCX .DOC .RTF .TXT. PDF fino a 1.5 MB.) e, su discrezione del candidato, anche una lettera di presentazione (che noi consigliamo […]

  • […] di studio e l’ultima esperienza lavorativa. Infine, è richiesto l’inserimento del cv e di una lettera di presentazione. Candidatevi per entrare a lavorare nel primo parco enogastronomico del […]

  • bruno de vendittis 12 mesi

    Sono perfettamente d’accordo con Elisa , ormai i volumi delle candidature sia spontanee che in risposta alle offerte sono enormi e questo non consente una valutazione realistica delle esperienze dei candidati da parte delle agenzie o chi per esse.
    Oggi la selezione è automatica nel vero senso del termine e cioè il data base filtra i 3 principali parametri che sono in ordine di importanza 1.ETA’ 2.TITOLO DI STUDIO .3.LINGUA STRANIERA , tutto il resto e accademia del web.
    Ho 55 anni e una consolidata esperienza acquisita in importanti multinazionali con responsabilità di livello medio alte , sono 3 anni che sono senza lavoro e mi rifiuto di credere che per 3 anni ho sempre inviato dei contenuti di lettera e cv poco attraenti .
    La verità è che paradossalmente oggi la seniority e l’esperienza sono un handicap , meno sai e meglio è , meno sai e più sei una risorsa a buon mercato.
    Il candidato ormai è visto dalle aziende come un prodotto da supermercato : meno costi e più conveniente sei ! E’ pazzesco ma è la verità

  • Benidorm 2008 1 anno

    Bellissime le informazioni,ma… nelle prime battute c’é un po il succo di tutto l’articolo,tradotto:”dovete scrivere quello che il selezionatore vuole che scriviate”
    A me sembra una grande ruffianata,o presa per i fondelli scrivere cose del tipo ” siete proprio l’azienda che fa per me”oppure ho grande esperienza nel ruolo che ricercate…
    scrivete quello che vi sentite,il selezionatore qualcuna dovrà pur leggerla se si vuole guadagnare uno stipendio,altrimenti finirà a scrivere curriculum anche lui e nonostante sarà bravissimo forse impiegherà 2/3 anni come tutti a trovarsi un’altro lavoro

  • TONY 2 anni

    Inizierei col dire di aver trovato molto interessante, le indicazioni riportate sulla modalità e impostazione della lettera di presentazione, inoltre rimango assolutamente d’accordo che la lettera deve essere personalizzata, nei confronti dell’inserzionista, per non trasformarsi in una candidatura di massa.
    Soprattutto in questo forte periodo di crisi, chi ti assume anche solo per breve tempo, vuole avere il massimo.
    Concludo col ringraziare questi aiuti che gratuitamente ci vengono dati, che nel prenderne atto, fanno crescere professionalmente, distinguendoci dal gruppo.

  • Alessandro 2 anni

    impiccarsi….. o quasi

  • Elmoyx 2 anni

    Complimenti per la pagina di consigli.
    Vorrei fare una domanda, ma quindi è meglio porre la lettera di presentazione nel corpo dell’email e non come secondo allegato (il primo è il CV)?

  • Davide R. 2 anni

    Che ha maturato grandi competenze nella gestione degli spazi, del tempo, dell’ascolto e della pianificazione a medio-lungo termine delle attività. Che è predisposta a soddisfare le necessità altrui mantenendo indipedenza e autonomia. Sarebbe poi opportuno che una donna mentre fa la mamma non si limiti a cucinare e lavare piatti, ma accresca sempre le proprie competenze. Ad esempio studiando una lingua insieme ai figli. Non sarebbe forse apprezzato in un CV?

    • Elena Zecchi 6 mesi

      sarebbe molto utile, vero. facciamo così: magari il babbo rinuncia al calcetto del mercoledì ( un esempio) e impara ad essere pienatamene antonomo in casa e con i figli. ma da subito come la mamma..

  • Marino 3 anni

    Concordo! Mai visto nomi di aziende nelle offerte di lavoro: l’articolo e l’aiuto consigliati non tengono in considerazione questo aspetto, quindi sono inutili!

    • Sandra Sandra 2 anni

      E’ la domanda che mi sono posta pure io.
      Adesso ci sono molti annunci senza il nome dell’azienda (e purtroppo ripetuti in mille portali e si finisce per mandare più volte la candidatura!).
      Non si trova lavoro, ci sono tanti annunci, ma di colloqui non se ne parla; io sto mandando cv per amministrazione, segreteria, commessa, magazzino fino a pulizie e stirare. Niente di niente…

  • andrea 3 anni

    Ieri ho fatto l’ennesimo colloquio, l’interlocutore era molto gentile, per sua stessa ammissione le lettere di presentazione non vengono nemmeno lette, a suo dire quello che conta sono le esperienze del CV. Per cui..

  • Florida 3 anni

    Grazie! Ottimi ottimi consigli! Se qualcuno, chiunque, dopo la scuola si soffermasse davvero ad aiutare i ragazzi a comprendere davvero cosa significa cercare un impiego…magari ci sarebbero meno “cose” fatte a casaccio….parlo anche per esperienza personale ovviamente! E’ come se i pulcini imparassero a volare senza la guida dei genitori…estinzione di volatili XD scherzo (mica tanto)…però la carriera lavorativa dei giovani che si affacciano al mondo del lavoro sarebbe più facile da costruire se avesse delle buone fondamenta, come tutto nella vita!

  • Emma 4 anni

    E’ certamente vero che una candidatura non mirata viene considerata ancor meno di una che lo è, ma a mio avviso non è questo il motivo per il quale non si ricevono risposte. Lavorando in Germania e avendo inviato molti curricula anche qui, impostando lettera di accompagnamento e cv nello stesso identico modo in cui lo facevo in Italia, ho sempre ricevuto una risposta, anche negativa. In Italia molto raramente. Credo sia una questione di cultura, rispetto e professionalità.

  • giacomo 4 anni

    ma se in un annuncio interessante non c’è il nome dell’azienda, come ci si può informare sull’azienda e indirizzare direttamente a lei la lettera di presentazione? E poi in un periodo del genere è normale inviare 1000 candidature a 1000 offerte on-line…..una persona ora come ora non sta a guardare dove e cosa fare…..l’importante è portare a casa la pagnotta in un modo o nell’altro…. 🙁

  • Un disilluso come tanti 4 anni

    Mi unisco anche io al coro dei delusi, dei disillusi, di quelli che la speranza l hanno persa e di quelli che la stanno perdendo. Non so qual’è la verità, se per entrare in azienda bisogna avere raccomandazioni, spintarelle, aiutini di qualcuno, essere figli di… in questi ultimi due anni ho mandato moltissime candidature cosiddette “mirate” ma il risultato è sempre lo stesso: niente di niente… Dopo anni di studio e conseguito una laurea per di più all’estero mi è rimasto di lavorare in una cucina di un fast food part-time..uno schifo… l’unica cosa per avere una vita migliore è andare all’estero che di giovani con talento e capacità sono più che ben accolti… e lasciamo il bel paese alle spalle… forse è la cosa migliore…tanto è inutile provare…

  • Barbara 4 anni

    Ho trovato tutto molto utile e ne farò tesoro.
    Il mio problema è che le mie esperienze sono poche in un settore selettivo come il mio.
    Nonostante tutto continuerò a crederci.
    Grazie .

  • lorenzo 4 anni

    anche io dico che le lettere sono belle ;
    ma per chi non ha titolo , come può fare la sua lettera facendo sì
    che sia presa in considerazione

  • Larjm8 4 anni

    Molte cose sono giuste, ma stiamo parlando di persone che abbiano un’esperienza comprovata, chi non la ha, cosa deve fare?

  • Joyce Owusu Agbo 5 anni

    Purtroppo non riesco assolutamente caricare il mio foto nel compilare il mio profilo. Non mi accetta nessun formato. Chiedo come potrei inserire.
    Grazie, Joyce Owusu Agbo

  • Mariateresaratto 5 anni

    Buonasera,grazie dei vostri utili consigli,sicuramente ne prenderò atto.

  • Alessandro 5 anni

    OTTIMA LA LEZIONE, I CONSIGLI E I VALIDI ESEMPI….
    NE STO GIA’ FACENDO TESORO! 
    GRAZIE….

  • Will 5 anni

    Tutto molto bello in teoria, ma in pratica io cosa cavolo ci dovrei scrivere quando nella richiesta stessa non è specificato uno straccio di requisito, dato che ritrovandomi con un diploma inutile cerco lavori umili come lavapiatti, cameriere, cassiere, etc? Me li invento dal nulla!?

  • Evox74 5 anni

    Ok,premesso che ora gli annunci sono molto più selettivi,se tante persone non li mandassero a casaccio ci sarebbe più tempo per essere valutati,infatti tanti parlano ma non hanno idea neanche di come ci si presenta ad un colloquio,oppure mandano montagne di curriculum senza requisiti o peggio scrivendo di averli e non li hanno,questo fa perdere del tempo a tutti ed è logico che un selezionatore per fare la scrematura poi partirà solo da alcuni dati frettolosamente.Non aspettatevi comunque risposte anche in caso di lettera di presentazione fatta bene,quasi nessuno tranne rare aziende manda un messaggio di ringraziamento.La fame di lavoro  che c’è oggi porta tanti allo scoraggiamento e alla disperazione,ma la soluzione non è mandare curriculum a casaccio come in una roulette russa,ma mandarli mirati cercando di presentarsi al meglio possibile,in tanti lavori conta questo,e soprattutto quando si è disoccupati cercare di aggiornarsi e di migliorare il proprio curriculum,una persona che si presenta bene,con i dovuti modi può anche non avere tutti i requisiti,ma spesso viene chiamata rispetto ad altri che ce li hanno ma non si sanno proporre o comportare,sembra una fesseria ma conta molto per quello che ho potuto vedere.I titoli di studio servono,ma a volte vengono usati come paletti proprio per evitare l’inondazione di curriculum di gente che non ha l’esperienza ma crede di poter essere chiamato comunque,e sono tanti credetemi,ve lo dice uno che per motivi di lavoro ha conseguito solo la Licenza Media,ma questo anche grazie ad una buona cultura mi ha permesso di fare anche lavori spesso riservati a diplomati,da parte mia ho l’esperienza certo,però non finisco mai di documentarmi e aggiornarmi,è la cosa migliore perchè quando c’è poca richiesta le aziende diventano sempre più selettive,questo è quello che ho potuto vedere in tanti anni di ricerca lavoro e passaggi da un contratto all’altro.

  • Elisa 5 anni

    Ormai la lettera di presentazione non serve più a niente. Guardano soltanto età, voto laurea e livello inglese. Figurati se sprecano tempo a leggere due righe.

    • Marisa Negrisolo 5 anni

       e’ proprio vero cara Elisa, sopratutto all’eta’, non c’e’ trippa per gatti per chi come me ha compiuto i 55 anni ed è rimasto senza lavoro. Marisa

    • Lightblu68 5 anni

      condivido, dopo i 40 se perdi il lavoro l’unica prospettiva è il suicidio 

    • Arianna 4 anni

      La penso anche io come te…

  • paolo 5 anni

    il problema è anche di tipo numerico,se tante persone corrispondono ai requisiti dell’offerta non so quanti curriculum verranno letti e presi in considerazione.

  • Angelfox2006 5 anni

    Quello che scrivete è giusto e va bene per chi ha lavorato sempre in un certo settore per diversi anni, ma io ad esempio ho iniziato lavorando come segretaria (3 anni) ma senza fare contabilità, poi sono passata in produzione (5 anni) come operaia e lì facevo lavori artigianali, stampa tampografica e serigrafica, fustellatura, decorazione di auto con grafiche adesive, poi ho lavorato 3 anni nella Legatoria come operaia a cucire libri della Zanichelli, poi ho lavorato 2 anni come operaia nel campo delle insegne luminose, tagliavo e piegavo le lastre di plexiglass e intagliavo le relative grafiche adesive. 
    Ora, è praticamente impossibile trovare annunci di lavoro specifici dei settori in cui ho già lavorato, anche perchè io ho studiato come grafico pubblicitario ma come ho scritto sopra non ho mai lavorato come tale nel senso stretto, come posso fare per propormi anche in settori in cui non posso annoverare anni di esperienza?

  • elisabetta 5 anni

    Complimenti , esaustivi e chiari i vostri esempi, comprendo ora che il CV sembra buono, la lettera di presentazione meno…Ma e si c’è un Ma! Concordo con chi ha scritto che dopo svariatissime volte in cui ti sei impegnato , nello stendere una lettera che ti descriva per come sei, con le tue capacità, esperienze lavorative di anni e tutto il resto, la delusione è davvero tanta. Almeno ti sentissero, ti conoscessero prima di giudicare..Immagino la scena …dietro ad una scrivania manco fossero Dio, decidono a sorte? Scuserete il sarcasmo… Alla fine ti rendi conto che sei in mezzo, non sei più giovane , nemmeno da pensione e allora??No ragazzi ..è davvero dura, attingere ancora alla tua forza interiore e sperare che lavorerai ancora. Comunque grazie e mi ripeto, i vostri articoli, il vostro sito , umanità e professionalità Meritano!!

    Buona serata a tutti

  • Luigi 5 anni

    Grazie trovo molto istruttivi questi esempi, ne faro’ tesoro e seguiro’ i vostri consigli.

  • ….mi chiedo cosa possa scrivere una donna nella sua lettera di presentazione, dopo essere uscita dal mondo del lavoro per tre anni inseguito a due gravidanze….

  • Molto efficente e chiaro  Ringrazio per l’aiuto dato da questo scritto.

  • Marsella 5 anni

    Salve,delusione delusione delusione sono piu’ d due anni e mezzo forse anche tre mai e dico mai una chiamata un colloquio niente di niente miseriaccia ci sono le inserzioni ma mai che qulcuno ti chiama sempre che siano vere le inserzioni.Ormai come anche da sempre si va’ avanti con le famose raccomandazioni ecc.ecc. Vedere vedere di riuscirci da solo senza tanti problemi ma niente come detto in precedenda delusione.(perdonatemi il mio pessimismo ma purtroppo e’ cosi).

  • Lcbonaldo0 5 anni

    Sono perfettamente in accordo su ciò ce è stato detto, con un’unica eccezione :spesso chi si candida ad un’offerta di lavoro dopo averci provato centinaia di volte cercando di essere il più conciso e coerente possibile con le richieste professionali,senza aver mai neanche ricevuto una risposta o essere stato contattato, si stanca ed inizia a comportarsi come chi effettua l’inserzione di lavoro. Ed ecco che le lettere di presentazione diventano una standard per tutti ed i curriculum idem. Perchè fare tanta fatica per chi non ha un briciolo di considerazione per te, ma a volte ti considera un intruso, un peso, soltanto un fastidio in più? 

  • Ctiberto 5 anni

    Scrivere una buona lettera di presentazione sicuramente è più produttivo che non scriverla, fare candidature mirate lo è altrettanto anche per il solo motivo che così il volume che si crea inviando curriculm a ruota libera non fa altro che intasare ancora ancora di più i canali con il risultato che per legittima difesa gli esaminatori non potendo leggere e badare a migliaia di curriculum si fermano alle prime candidature più o meno in linea e così anche quelli mirati giunti dopo un tot si perdono nel marasma.

    Io scrivo sempre lettere di presentazione mirate ma e molto simili ai vostri esempi ma il risultato è comunque deludente.

  • Valeria Vavassori 5 anni

    E’ un articolo fatto bene, purtroppo ci sono delle difficoltà che l’ articolo stesso non cita. 

  • Kla4ever 5 anni

    Sono d’accordo sul fatto che una lettera di presentazione sia importante, ma sono altrettanto d’accordo con paperetta sul fatto che l’Italia lavora ormai solo con conoscenze e raccomandazioni! Io sono stata lasciata a casa dopo 2 anni per “tagli al personale causa periodo di crisi”.. beh dopo un paio di mesi viene assunto uno stagista (fratello di un impiegato “importante”) che lavorava (e neanche tanto bene) solo da un paio di mesi!! Puoi anche sputare sangue, ma tante aziende mettono gli annunci solo perchè obbligate da legge, ma poi fanno entrare chi gli pare!!!! Inoltre mi trovo di fronte a discriminazioni sessuali del tipo “Hai 25 anni, chi prima chi dopo, alla tua età le ragazze vanno in maternità!” tutti i giorni!! Questa è la cosa più assurda, non avrò mai la possibilità nemmeno di pensarci ad un figlio se nessuno mi fa lavorare!!!!

    • piui 3 anni

      condivido pienamente!!! stessa situazione anche per me …. poi vorrei capire se nessuno si è mai preso la briga di capire se veramente un’azienda è in crisi o no, perché dirlo è una cosa, esaminare oggettivamente un bilancio è un’altra!!!

  • paperettalafurbetta 5 anni

    Condivido in pieno il commento di “Noneveroniente”. Sono anni che cerco lavoro e mi convinco sempe più che la colpa dei continui insuccessi non sta nè nella lettera, nè nella persona che la invia…  Si possono scrivere dei capolavori, ma se dall’altra parte non c’è la volontà di contattare e conoscere la persona che sta dietro non c’è niente da fare!
    Purtroppo le Aziende sono diventate dei “fortini” inespugnabili: o hai la chiave giusta per entrare (conoscenze/raccomandazioni) oppure nix….resti fuori a vita!!
    Aggiungo che ho una ultraventennale esperienza di lavoro presso importanti società multinazionali, ho esperienza, capacità, voglia di fare…. Le Aziende dovrebbero cogliere al volo l’opportunità di inserire persone con le mie caratteristiche!! Eppure sono qui, tutti i giorni, a mangiarmi il fegato dalla rabbia e dalla delusione …

  • Terranova Francesco 5 anni

    grazie  e molto importante quello che avete descritto perche aiuta tanto a capire come presentare una lettera di presentazione grazie

  • Mariofm 5 anni

    ho completamente rifatto i miei CV dopo aver letto quello che c’e’ qui , l’unica cosa che ancora non riesco a fare e’ un CV piu’ breve, lavoro da 30 anni e ne ho fatte di cose…. pur di sbarcare il lunario, come si dice…..cosi’ la lista si fa lunga

  • Simona Clemente 5 anni

    Ho trovato questi suggerimenti molto utili, ma  si riferiscono soprattutto a persone con esperienza in un determinato settore. Come fare, invece, a “vendersi” se ci si presenta per una posizione diversa da quella nella quale abbiamo maturato esperienza (ci siamo accorti che il lavoro che abbiamo fatto per tanti anni non fa per noi e vogliamo cambiare completamente rotta)?

  • Ospite 5 anni

    Grazie per i consigli. Io avrei una domanda circa la lettera di presentazione, ovvero quando questa viene inviata ad una agenzia intermediaria a chi deve essere rivolta? All’agenzia o all’azienda? Nel caso in cui vada inviata all’agenzia, ha senso scrivere una lettera dettagliata, menzionando mansioni/conoscenze specifiche (tecniche), all’infuori di quelle specificamente richieste nell’annuncio, di cui l’impiegato dell’agenzia presumibilmente non capirà una parola?

  • Abraham 5 anni

    mi è stato utile molto, ringrazio l’autore. 
    salve.