Lavoro: legge di Stabilità approva il taglio alle tasse per le aziende

Enrico Letta durante la conferenza stampa di presentazione della legge di stabilità, annuncia per i lavoratori: un taglio alle tasse senza togliere fondi alla sanità. Una manovra spiega il premier che vale 11,5 miliardi solo per il 2014; per il 2015 e 2016, la cifra si aggira intorno ai 7,5 miliardi.


Queste le parole del presidente del Consiglio: “Per la prima volta da anni facciamo una legge di stabilità in cui i conti quadrano senza aumentare tasse e senza fare tagli al sociale e alla sanità come accadeva negli anni scorsi”. A godere di questo nuovo profilo politico-economico saranno anche le imprese e di conseguenza i lavoratori.

{jcomments on}Saranno inoltre predisposte misure efficaci per le aziende: una riduzione di tasse per le imprese pari a 5,6 miliardi con una curva crescente nell’arco del triennio, ma anche il rifinanziamento di 1,6 miliardi per il fondo di garanzia per le piccole imprese ed il blocco dell’aumento dell’Iva per le cooperative sociali. Oltre a questo sono stati previsti incentivi per il passaggio dai contratti a tempo determinato a quelli a tempo indeterminato.

Il taglio del cuneo fiscale dovrà dunque favorire imprese e lavoratori, una mossa coraggiosa da parte del team Letta che si prefigge di raggiungere l’obiettivo del 2,5% di deficit/Pil nel 2014.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS