Legge di stabilità: riduzione Irpef, aumento Iva e altre misure

La legge di stabilità 2012 è stata approvata questa notte dal consiglio dei ministri: Riduzione Irpef, aumento Iva, Tobin Tax, Imu alla Chiesa, tagli al pubblico impiego, sanità e ministeri. Monti ha siglato, dopo sette ore di riunione, la nuova legge di stabilità tra novità preannunciate e non. La comunicazione ufficiale è arrivata in una conferenza stampa notturna dove Monti ha illustrato i dettagli.


Riduzione dell’Irpef di un punto percentuale per i redditi bassi. Da 23% a 22% per i redditi fino a 15.000 euro. E da 27% a 26 per cento per i redditi da 15.000 a 28.000 euro.

Contemporaneamente però aumenta di un punto percentuale l’IVA (ndr. Non di due punti come era stato prospettato). Da luglio 2013 aumenterà dal 21 al 22% e dal 10 all’11%.

Riguardo all’Imu per la Chiesa Cattolica è prevista una norma di legge per definire meglio cosa si intende per attività svolte non a fini commerciali, punto centrale per l’applicazione della tassa alla Chiesa, fondazioni e terzo settore. Nel frattempo sarà prevista per il 2013 una parziale esenzione per gli immobili ad uso promiscuo.

Inoltre tagli a Ministeri e Sanità, Regioni alle quali si fa divieto di acquistare nuovi immobili e auto, un piano per ridurre i consumi di luce nelle città,  normative per abbattere i costi delle intercettazioni e infine un taglio per ridurre i contributi concessi ai patronati. Restano però previsti i finanziamenti per la Tav e 300 milioni di euro per  chiudere i dossier dello stretto di Messina.

La legge di stabilità, dice Monti nella conferenza stampa, non risanerà il bilancio ma sarà sicuramente funzionale alla nuova spending review.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS