Le misure a sostegno di lavoratori e imprese per fronteggiare l’emergenza Coronavirus

Le misure a favore delle imprese e dei lavoratori, pensate dai Consulenti del Lavoro. Come contrastare la crisi Coronavirus

Il Coronavirus ha messo in ginocchio molte imprese che operano nelle zone di maggior rischio contagio. Per questo motivo, diventano assolutamente indispensabili misure a sostegno degli imprenditori e dei lavoratori, in maniera da limitare gli effetti negativi che il virus sta portando alla nostra economia. Ecco le varie misure dei Consulenti del Lavoro a sostegno delle imprese.


Gli effetti negativi del Coronavirus sulle imprese

Disposizioni ministero della salute luogo lavoro

Il virus tanto temuto, arrivato ormai in Italia, ha portato tanta paura, preoccupazione ed effetti negativi sull’economia. Tante le imprese, in particolare quella situate nelle zone a maggior rischio contagio che hanno limitato la produzione o sono state costrette a cessare la loro attività. Alcune aziende hanno scelto la strada dello smart working, facendo lavorare i propri dipendenti da casa, il tutto per limitare al massimo ogni eventuale rischio di contagio. Tuttavia non tutte le imprese sono pronte per il lavoro agile, molte non sono attrezzate per questa nuova modalità di lavoro, così come tanti dipendenti non sono abituati a lavorare da remoto. Ne deriva la necessità di pensare a validi ammortizzatori sociali per le imprese che hanno accusato notevoli perdite economiche in questo periodo di emergenza sanitaria. A tal proposito si fanno sentire i Consulenti del Lavoro che riportano alcune misure necessarie a sostegno delle varie imprese.

I Consulenti del Lavoro a sostegno delle imprese

I Consulenti del Lavoro, grazie ad un comunicato stampa del 25 febbraio 2020, hanno esposto tutte le misure necessarie per sostenere le imprese ed i lavoratori. il tutto a causa del particolare periodo di emergenza sanitaria nazionale dovuta al Coronavirus, che il nostro Paese sta vivendo. Le misure pensate a sostegno delle imprese , sono differenti e vanno da ammortizzatori sociali anche per le aziende che non operano direttamente nelle zone rosse, passando per l’estensione dell’assegno ordinario del Fondo Integrazione Salariale alle imprese composte da 5 a 15 dipendenti. Lo scopo principale è quello di superare il periodo di crisi, senza lasciare soli gli imprenditori ed i lavoratori, che spesso non sanno bene come doversi comportare in queste particolari situazioni di emergenza, con calo di produzione.

Le misure dei Consulenti del Lavoro alle imprese

Vediamo nel dettaglio quali sono le misure a favore delle imprese, pensate dai Consulenti del Lavoro. In generale, si tratta di azioni che si rendono necessarie nell’attuale situazione di crisi Coronavirus. Una riflessione per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali previsti. In particolare:

  • bisogna riconoscere gli ammortizzatori sociali anche alle aziende situate fuori dalle zone rosse, nel caso in cui hanno dipendenti provenienti da tali zone, che sono attualmente impossibilitati a recarsi a lavoro;
  • introduzione di procedure più snelle, veloci ed immediate, senza tutto il normale iter burocratico generalmente previsto, il tutto giustificato dalla situazione di emergenza Coronavirus;
  • estensione dell’assegno ordinario del Fondo Integrazione Salariale anche alle imprese composte da 5 a 15 dipendenti;
  • introdurre delle procedure più semplici per il pagamento diretto del Fondo ad opera dell’Inps. Le aziende a causa del calo della domanda di beni e servizi e della produzione stessa, versano in situazione di difficoltà economica.
  • termini più ampi per quanto riguarda la presentazione delle istanze;
  • prevedere degli ammortizzatori sociali in deroga, per le aziende, realtà imprenditoriali e studi professionali che hanno subito un calo della produzione, a causa del Coronavirus, indipendentemente dalla loro ubicazione.

Si tratta di alcune misure che dovrebbero essere applicate per garantire i diritti di imprenditori e lavoratori.

Coronavirus: importante mantenere la calma

Il consiglio delle autorità competenti resta sempre quello di mantenere la calma e di collaborare tutti insieme. Solamente in questo modo sarà possibile uscire il prima possibile da questa situazione di emergenza che ormai dura da diversi giorni. Le imprese ed i lavoratori non sono e non saranno abbandonate al loro destino, in quanto il Governo si è operato e continua a farlo in maniera da garantire i diritti di questi soggetti. Anche il settore turistico e dei viaggi ha risentito molto di questa crisi Coronavirus. Bisogna stare vicino a questi settori e realtà, in quanto rappresentano un importante pilastro su cui poggia l’intera economia italiana.



CATEGORIES
TAGS
Share This

Commenti

Wordpress (0)