Lavoro: Cosa cercano le imprese?

Vi è mai capitato di sostenere un colloquio di lavoro, e di avere la sensazione che sia andato benissimo, per poi scoprire che la scelta è ricaduta su qualcun altro? Probabilmente, si. Cosa cercano, allora, le imprese? Sulla base di quali criteri i selezionatori decidono?

Forse non ci crederete, ma in testa alla lista ci sono i 10 fattori chiave dell’intelligenza emotiva. L’intelligenza emotiva, già descritta dallo psicologo americano Howard Gardner e successivamente sviluppata da Daniel Goleman, è un fattore molto importante nella scelta di un candidato. Del resto, il colloquio non è un esame, e dall’altra parte della scrivania c’è pur sempre una persona.

Tra i 10 fattori chiave dell’intelligenza emotiva, al primo posto, non poteva che esserci la comunicazione, un’attitudine prettamente sociale. Comunicare in maniera efficace è fondamentale, così come saper ascoltare e fare domande, mantenendo sempre un contatto visivo diretto e costante con il recruiter.

Anche l’entusiasmo, fa la sua parte. Chi è entusiasta, infatti, non subisce supinamente i problemi, ma li affronta con spirito d’iniziativa. L’adattabilità è un altro fattore importante, quanto siete capaci di adattarvi ai cambiamenti e all’ambiente di lavoro? Quando vi presentate ad colloquio, cercate di essere preparati, immaginate le domande che il recruiter potrebbe farvi, informatevi sull’azienda, in modo da ispirare fiducia. Questo, infatti, è un altro fattore a cui prestare attenzione.

Il rispetto e la pazienza sono altre qualità particolarmente apprezzate, soprattutto quando si è sotto pressione. In sede di colloquio, infatti, il recruiter cercherà di mettervi in difficoltà e sarà allora che dovrete dimostrare tutto il vostro self control, rispondendo con calma, senza innervosirvi e senza cedere alle provocazioni. Anche lo spirito di collaborazione è visto di buon occhio, spiegate in che modo avete contribuito a raggiungere gli obiettivi nelle aziende nelle quali avete lavorato, e come avete cooperato con gli altri nel team di lavoro.

L’ambizione, in questo caso, non guasta, anzi, dimostrate interesse chiedendo, ad esempio, che prospettive di carriera offra l’azienda. In ultimo, non dimenticate di dimostrare cosa avete fatto per per migliorarvi a livello professionale e personale, e quali risorse potete mettere in campo.

L’intelligenza emotiva è sicuramente un valore aggiunto, un’arma da sfoderare al momento opportuno.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, usufruisci del Kit Lavorare Sempre  (usa il nostro codice sconto: BLP112) garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate in linea con le tue esigenze, fai le tue ricerche e registrati su Euspert Italia.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (1)
  • Mario Rossi 6 anni

    Spesso le imprese cercano personale sfruttabile. Spesso assumono persone con la tendenza a sottomettersi, ad accettare di tutto a qualunque prezzo. Noi italiani non siamo più dei poveri pezzenti venuti dalle campagne, ma laureati con esperienza. Non fatevi le seghe mentali credetemi, assumono per raccomandazione e per simpatia. Quando hanno bisogno di uno davvero esperto non lo assumono ma chiamano un’azienda specializzata.