Lavoratori extracomunitari, ecco i nuovi flussi di ingresso per il lavoro stagionale

Il Ministero dell’Interno e il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali hanno emanato una nuova circolare interministeriale sui lavoratori stranieri, al fine di pianificare transitoriamente i flussi di ingresso dei lavoratori non comunitari per il lavoro stagionale e per le altre categorie, per l’anno 2014. Il decreto prevede una quota massima di 15.000 ingressi di cittadini stranieri residenti all’estero, da ripartirsi tra le varie regioni e province autonome italiane, con programmazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.


 

In particolar modo, il Ministero ha stabilito che sia ammesso l’ingresso di lavoratori subordinati stagionali non comunitari provenienti da Albania, Algeria, Bosnia – Herzegovina, Egitto, Repubblica delle Filippine, Gambia, Ghana, Giappone, India, Kosovo, Repubblica ex Jugoslavia di Macedonia, Marocco, Mauritius, Moldavia, Montenegro, Niger, Nigeria, Pakistan, Senegal, Serbia, Sri Lanka, Ucraina, Tunisia. Oltre a quanto sopra, il Ministro stabilisce che il provvedimento – nell’ambito della stessa quota di 15 mila unità – riserva una quota di 3 mila unità per i lavoratori non comunitari che abbiano fatto ingresso in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale per almeno due anni consecutivi e per i quali il datore di lavoro presenti una richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro subordinato stagionale. La circolare interministeriale stabilisce altresì che a titolo di anticipazione della quota di ingresso dei lavoratori non comunitari stagionali per il 2014, siano ammess iin Italia 2.000 cittadini di Paesi non comunitari partecipanti all’Expo 2015.

Presentazione della domanda. Le domande di nulla osta per il lavoro stagionale possono essere presentate con modalità telematiche, e con procedure che (dalla registrazione dell’utente all’invio delle domande e alla verifica dello stato di avanzamento della pratica) potranno essere fruite sul sito internet del Ministero dell’Interno (interno.gov.it). In proposito, viene precisato che nell’ambito delle stesse quote è confermata la possibilità di poter presentare delle domande in favore di lavoratori appartenenti a nazionalità non comprese nell’elenco sopra indicato, che siano già entrati in Italia per lavoro stagionale negli anni precedenti. L’invio delle domande sarà ammesso entro le ore 24 del 31 dicembre 2014.

Istruttoria. La valutazione delle domande avverrà mediante le già note istruzioni diramate con le circolare congiunte 1602/2011, 1960/2012 e 1845/2013. In merito, si ricorda la procedura del silenzio assenso per le richieste di nulla osta al lavoro stagionale e stagionale pluriennale in favore degli stranieri già autorizzati lo scorso anno a prestare lavoro stagionale presso lo stesso datore di lavoro, oltre all’adempimento dell’obbligo della comunicazione obbligatoria contestuale alla sottoscrizione del contratto di soggiorno.

Per maggiori informazioni vi consigliamo di consultare il sito internet del Ministero dell’Interno (http://www.interno.gov.it).





CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)