Lavorare nel settore della pubblicità – consigli pratici

Se siete seriamente interessati a lavorare in questo mondo i consigli che seguono potranno esservi molto utili.
Se vi orientate verso le carriere creative dovete sapere che vi verrà richiesto di inventare quasi dal nulla campagne pubblicitarie.
La vostra creatività sarà messa a dura prova dalle scadenze, vi verrà richiesto di lavorare di notte, nel fine settimana e comunque sempre senza orario.

Le soddisfazioni sicuramente arriveranno ma le dovrete veramente sudare.

Da dove iniziare.
In questo campo è inutile mandare c.v. senza aver preparato un book con i propri lavori.
Voi direte: ma sono alla prima esperienza.
Come voi alla porta delle agenzie bussano centinaia di giovani ogni giorno quindi la parola d’ordine è distinguersi.
Verrà molto apprezzato un book fatto di “finti” lavori: campagne che avete trovato sui giornali e avete modificato per renderle secondo voi più efficaci, storyboard di spot pubblicitari completamente inventati da voi su prodotti realmente esistenti.
A questo punto dovete trovare il sistema di far notare il vostro c.v. al direttore creativo.
Se la parola d’ordine è distinguersi, trovate un modo creativo per farglielo arrivare direttamente.
Il messaggio nella bottiglia è roba vecchia… trovate qualcosa di nuovo!
Per scoprire chi siano i direttori creativi delle varie agenzie consultate la stampa specializzata, nelle notizie vengono citati spesso.
Una validissima alternativa è il sito dell’ A.d.c.i., Art Director club italiano; se siete fortunati qui troverete pubblicate anche le mail dirette.
Purtroppo i normali canali di reclutamento nel settore pubblicitario non sono molto utili: sotto le voci marketing e comunicazione ci sono sempre moltissimi annunci di volantinaggi, hostess, promoter e simili che non vi saranno molto utili.
Una validissima alternativa sono i siti specializzati tipo lavori creativi oppure candidatevi con gli head hunter di settore, sono antipatici ma spesso sono la migliore opportunità che vi possa capitare.
Se volete intraprendere la carriera dell’account dovete innanzitutto sapere che è una professione che richiede doti personali non indifferenti.
Probabilmente più della vostra preparazione accademica saranno importanti la pazienza, la cordialità, la fermezza, la capacità di problem solving, le doti organizzative e di coordinamento, la capacità di lavorare proficuamente in team nonché la gestione del lavoro sotto stress.
Cercate di fare emergere queste caratteristiche dal vostro c.v. in modo da dare l’impressione di capire bene che lavoro andrete a fare.
La parte tecnica la imparerete sul campo.
Dovrete inviare il vostro c.v. ai direttori del servizio clienti.
Anche qui per sapere chi sono è necessario che vi aggiorniate sulla stampa specializzata e frughiate su internet le loro mail.
Una grande raccomandazione va alla lettera di presentazione che dovrà far emergere la vostra grande motivazione e la forza di carattere.
In entrambe i casi cercate prima di proporvi in agenzie molto grandi. Questo per due motivi.
Il primo perché “fa più curriculum” scrivere McCann Erickson che “Picnopallo salami e prosciutti”.
Secondo perché le agenzie grandi vi daranno modo di entrare in un sistema di ruoli gerarchico nel quale vi sarà richiesto principalmente di imparare all’inizio; le agenzie piccole vi buttano subito nella mischia e il rischio di “rimanere scottati” è altissimo.
Un ultimo consiglio: in nessun caso presentatevi ad un colloquio senza aver studiato il sito dell’agenzia, conoscere gli ultimi lavori e tutti i clienti!
CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS