Lavorare nei cinema multisala: mansioni ed opportunità

Molte volte sentiamo parlare di nuovi cinema multisala che spuntano come funghi in svariate città d’Italia: queste strutture portano in dote sempre un buon numero di posti di lavoro, quindi è sempre una notizia positiva per chi è alla ricerca di un’occupazione.
I lavori possono veramente essere di vario tipo: si parte dal semplice commesso, al cameriere del bar, dal cassiere al bigliettaio, dal proiezionista fino ad arrivare ai posti più alti nella gerarchia del multisala, ovvero vicedirettore e direttore.

Ovviamente se prendiamo in considerazione gli impieghi meno gestionali e più pratici, possiamo stilare un primo profilo di candidato.
Intraprendente, con un bel sorriso stampato in faccia, solare e gentile: tutte queste caratteristiche sono necessarie perché il contatto con i clienti è spesso diretto e prolungato; proprio per quest’ultimo motivo è necessario avere anche una buona dose di pazienza, qualità che serve soprattutto quando i clienti si lamentano, per mantenere la situazione sotto controllo.
Inoltre un altro requisito importante è la conoscenza di almeno una lingua straniera: ovviamente l’inglese in primis, mentre saranno apprezzate ulteriori conoscenze linguistiche.
Nel caso si presentino persone straniere ci sarà infatti bisogno di dialogare e, anche solo per pochi attimi, avere un’ottima conoscenza perlomeno della lingua inglese è molto importante per trattare in maniera soddisfacente i clienti e farli sentire a proprio agio.
Ovviamente queste categorie di occupazioni, più manuali, come commessi, bigliettai e camerieri,avranno una richiesta più orientata verso il part-time, con poche possibilità di avanzamento carriera, ma garantendo un buon stipendio, magari per qualche studente universitario è l’occasione giusta per rendersi indipendente economicamente.
Ad ogni modo il CCNL regola molto dettagliatamente i rapporti di lavoro tra le aziende, in particolare per il personale dipendente nei multisala cinematografici.
Dalle norme presenti nel contratto collettivo di lavoro possiamo notare come le mansioni all’interno del cinema multisala siano strutturate secondo un criterio gerarchico: alla base ovviamente ci saranno commessi, custodi, affissatori, addetti alla vendita, centralinisti, dattilografi, personale di pulizia e così via.
Salendo nella gerarchia troviamo i tecnici di impianti di cabine e di impianti tecnologicamente avanzati, fino ad arrivare ai vertici, rappresentati dai direttori e da quei lavoratori a cui sono riconosciute funzioni direttive e con discrezionalità di poteri, facoltà di decisione ed autonomia di iniziativa.
Ad esempio prendiamo in considerazione un profilo di lavoratore come il vicedirettore di un cinema multisala: i requisiti sono un diploma o una laurea, la disponibilità ad una flessibilità lavorativa, comprendente week end e giorni festivi, una buona capacità di coordinazione e di lavoro di squadra con il personale e altrettanto buone capacità nella gestione dei vari fornitori.
In questo caso il contratto, molte volte, è offerto anche a tempo indeterminato, soprattutto in quei casi contraddistinti da un carattere d’urgenza.
Invece per svolgere il lavoro di proiezionista, ovvero colui che è responsabile della proiezione in una sala cinematografica, bisogna ottenere prima un apposito patentino, frequentando i corsi organizzati dalle Prefetture, e poi, ovviamente , superando l’esame che verterà sulle norme di sicurezza nei cinema, ma anche su aspetti tecnici, come, ad esempio, il funzionamento del proiettore e la conoscenza dei formati di proiezione.
Link dove troverete molte informazioni aggiuntive e il CCNL di categoria:


CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)