Lavorare in Banca d’Italia: concorso per 65 coadiutori

Banca d’Italia seleziona 65 coadiutori

Per chi volesse lavorare in Banca d’Italia, la banca centrale della Repubblica italiana, è stato indetto un concorso per l’assunzione di 65 coadiutori. Il bando è rivolto a laureati in varie discipline, da destinare a differenti unità dell’istituto. Le selezioni avverranno per titoli ed esami: è previsto un test preselettivo (qualora il domande di partecipazione pervenute sia superiore alle 2.500 unità) seguito da una prova scritta, da svolgersi a Roma. Ecco quali sono i profili ricercati, i requisiti richiesti e come fare a partecipare ai concorsi per lavorare in Banca d’Italia come coadiutori.


Lavorare-in-Banca-d’Italia

image by ChiccoDodiFC

Lavorare in Banca d’Italia: concorso per 65 coadiutori, profili

Banca d’Italia seleziona 65 coadiutori con i seguenti profili:

  • 20 con orientamento nelle discipline economico-aziendali, da destinare in via prevalente alle attività di vigilanza sul sistema bancario e finanziario, a livello centrale e territoriale, e di risoluzione e gestione delle crisi
  • 10 con orientamento nelle discipline economico-finanziarie, da destinare in via prevalente alle attività connesse con i mercati, i sistemi di pagamento e l’attuazione della politica monetaria
  • 3 con orientamento nelle discipline giuridiche, da destinare alle attività di procurement
  • 10 con orientamento nelle discipline giuridiche, per le esigenze delle Segreterie tecniche dell’Arbitro Bancario Finanziario
  • 5 con orientamento nelle discipline economico-aziendali e/o giuridiche, per le esigenze dell’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia
  • 7 con orientamento nelle discipline giuridiche
  • 7 con orientamento nelle discipline matematico-finanziarie
  • 3 con orientamento nelle discipline statistiche

Lavorare in Banca d’Italia: concorso per 65 coadiutori, requisiti

Ai candidati è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

  • Titolo di studio: Laurea magistrale/specialistica, conseguita con un punteggio di almeno 105/110 o votazione equivalente in: scienze economico-aziendali (LM-77 o 84/S); scienze dell’economia (LM-56 o 64/S); finanza (LM-16 o 19/S); statistica economica, finanziaria ed attuariale (91/S); scienze statistiche (LM- 82); scienze statistiche attuariali e finanziarie (LM-83); ingegneria gestionale (LM-31 o 34/S); matematica (LM-40 o 45/S); fisica (LM-17 o 20/S); giurisprudenza (LMG-01 o 22/S); relazioni internazionali (LM-52 o 60/S); scienze della politica (LM-62 o 70/S); o diploma di laurea di “vecchio ordinamento”, conseguito con un punteggio di almeno 105/110 o votazione equivalente in una delle discipline indicate nel bando
  • Età non superiore ai 40 anni
  • Cittadinanza italiana o di un altro Stato membro dell’Unione Europea
  • Idoneità fisica alle mansioni
  • Godimento dei diritti civili e politici
  • Non aver tenuto comportamenti incompatibili con le funzioni da svolgere nell’Istituto
  • Adeguata conoscenza della lingua italiana

Lavorare in Banca d’Italia: concorso per 65 coadiutori, come partecipare

La domanda di partecipazione per lavorare in Banca d’Italia come coadiutore deve essere presentata entro le ore 18:00 del 17 dicembre 2015, utilizzando esclusivamente l’applicazione disponibile sul sito internet della Banca d’Italia. Per maggiori informazioni consultare il bando concorso 65 coadiutori Banca d’Italia.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS