Lavorare come Maestra di Asilo Nido a Torino

Per lavorare come maestra negli asili nido di Torino e nella regione Piemonte è necessario essere in possesso dei titoli di studio idonei, secondo quanto indicato dalle leggi regionali.
Ci sono differenze fra asilo nido comunale e asilo privato: il livello minimo di istruzione richiesto prima delle varie modifiche di legge era il diploma conseguito presso un istituto magistrale ad indirizzo pedagogico, che attualmente è spendibile solo per lavorare in un asilo nido privato.


In merito alla Regione Piemonte i testi di riferimento con i requisiti sono:
Legge Regionale L.R. 3/1973
D.G.R. 28-9454 del 26 maggio 2003
D.G.R. 20-11930/2004
D.G.R. 13-2738/2006

Nello specifico questi sono i possibili titoli di studio idonei per candidarsi al posto di educatore in asilo nido:
diploma di puericultrice (fino ad esaurimento del titolo);

 

– diploma di maestra di scuola d’infanzia (fino ad esaurimento del titolo);
– diploma di maturità magistrale (fino ad esaurimento del titolo);
– diploma di liceo psico-pedagogico;
– diploma di vigilatrice d’infanzia secondo le norme all’art.1 della L.R. 17 marzo 1980, n. 16;
– attestato di qualifica educatore per la prima infanzia o equivalenti;
– diploma di dirigente di comunità (fino ad esaurimento del titolo);
– diploma di laurea in scienze dell’educazione, scienze della formazione primaria e lauree
con contenuti formativi analoghi;
– diploma di tecnico dei servizi sociali;
– altri diplomi di scuola media superiore dai quali si riconosca un profilo professionale rivolto all’organizzazione e gestione degli asili nido.

Per la città di Torino è possibile fare riferimento al sito del Comune nell'area riservata ai Servizi Educativi

Il primo passo per lavorare come supplente è quello di controllare gli avvisi di selezione di personale che il comune periodicamente indice.
Si tratta di posizioni lavorative che prevedono un contratto a tempo determinato; viene stilata una graduatoria quindi i candidati verranno richiamati al loro recapito telefonico
in base alle posizioni disponibili che si liberano man mano.
Nella graduatoria assumono importanza i servizi già prestati per strutture educative della città, che possono portare ad un punteggio maggiore e quindi ad un grado più alto in graduatoria.
Volendo è possibile fare richiesta per comparire in più graduatorie, anche se al momento della chiamata è necessario scegliere un solo profilo.

Visto che si tratta di posti a tempo determinato è importante sapere che al termine dell'incarico non è possibile continuare a lavorare presso la stessa struttura, anche qualora si liberi nel frattempo un posto per una nuova supplenza.
Si torna ad occupare la solita posizione in graduatoria in attesa di essere di essere ricontattati.
Se si è già impegnati in un'attività lavorativa part time è sempre possibile lavorare come educatore a patto che la supplenza non sia superiore al 50% del monte ore e sempre senza superare 40 ore settimanali complessive.
Purtroppo l'attività di supplente, anche se protratta continuativamente nel tempo, non può mai portare ad una successiva assunzione a tempo indeterminato, per la quale lo sbarramento è sempre il concorso pubblico.

La città di Torino gestisce asili nido in convenzione con diverse realtà private, fra cui la cooperativa Ass.i.s.te che, sul territorio di Torino e Collegno, gestisce diverse strutture educative qualificate per la prima e primissima infanzia. I candidati possono inviare la propria candidatura utilizzando il modulo presente nella sezione Lavora con noi sul sito della cooperativa.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS