Lavorare a Parigi: opportunità, casa e vita

Tutto quello che serve sapere per trasferirsi e lavorare a Parigi.

lavorare a parigi

Oggi  abbiamo deciso di parlarvi di come poter Lavorare a Parigi.


Lavorare in Francia, come in ogni altro Paese del Mondo, richiede la conoscenza delle regole specifiche del posto, da saper utilizzare e mettere in pratica:

  • una volta arrivati a Parigi bisogna imparare a conoscere le regole per la creazione degli strumenti necessari a trovare lavoro: curriculum, lettera di motivazione, oltre ovviamente alla mentalità del mondo del lavoro in loco;
  • tranne case rari, conoscenze o specializzazioni enormi e/o particolari, sarebbe folle pensare di arrivare nella capitale francese e puntare subito a trovare il lavoro della propria vita: bisognerà adattarsi all’inizio se si vorrà avere successo nel futuro.

Lavorare a Parigi

L’iscrizione al POLE EMPLOI (l’equivalente del nostro ufficio di collocamento) è un must, per i consigli che offre e le pratiche che svolge per voi per ricevere i sussidi dopo aver svolto i primi lavori in Francia: dopo aver lavorato 122 giorni o 610 ore nel corso degli ultimi 28 mesi per chi ha meno di 50 anni, o negli ultimi 36 mesi per chi ha 50 anni o più, avrete diritto all’indennità di disoccupazione.

Una volta completata l’iscrizione on-line, il personale del Pôle Emploi vi contatterà entro 72h per darvi appuntamento nell’agenzia da cui dipendete, a seconda del domicilio che avete fornito.

L’autocandidatura è una cosa molto apprezzata dalle aziende parigine, quindi si deve esser pronti ad inviare il proprio cv alle aziende che più interessano, senza per forza aspettare che esse pubblichino degli annunci specifici.

Il dress code è fondamentale perchè in Francia tengono molto alla forma, quindi sarà importante presentarsi sempre vestiti in maniera impeccabile durante i colloqui di lavoro.

Consigli per trovare lavoro a Parigi

Nel cv in Francia è premiata la sintesi (il curriculum in formato europeo è poco conosciuto e quasi per niente utilizzato), ancora più che in Italia, quindi consigliamo di scrivere un curriculum-vitae di una sola pagina, essendo bravi ad inserire le cose più importanti e seguendo un filo formativo e professionale coerente e lineare, senza segnalare al suo interno anche le brevi esperienze che non c’entrano nulla con il nocciolo della vostra essenza.

Una lettera di motivazione ben scritta diventa fondamentale, e deve essere racchiusa in una paginetta, non troppo fitta però (anche qui la capacità di sintesi sarà premiata dai selezionatori francesi).

Una strada per cercare lavoro sono le agenzie interinali, le principali sono anche da loro l’Adecco, Manpower, Randstad e Startpeople: passeggiando per Parigi vi stupirete dell’alto numero di filiali presenti.

Ma la scelta forse con più possibilità di successo è quella di cercare lavoro tramite i tanti siti internet.

Tra quelli per lavorare a Parigi, segnaliamo:

Indeed.fr

uno dei principali aggregatori di ricerca per le offerte di lavoro in Francia.

Apec.fr

sito internet molto utilizzato da professionisti e giovani laureati per offrire e cercare lavoro.

Linkedin.fr

sito che non ha bisogno di presentazioni.

Viadeo.fr

molto diffuso per chi cerca un’occupazione nella capitale francese.

Paris Job

per ricercare nello specifico a Parigi.

Opportunità di Stage a Parigi

http://www.parisetudiant.com/etudes/jobs-stages.php
http://www.stage-emploi.com
http://www.kapstages.com
http://www.jobstage.com
http://www.capcampus.com

I contratti di lavoro in Francia possono essere solo di 3 tipi:  il CDD (il contratto a durata determinata), il CDI (il contratto a durata indeterminata) e lo stage/apprentissage (la cui indennità va per legge dalle 450 euro mensili in sù): non esistono i contratti a progetto o collaborazione varie che in Italia vengono quasi sempre adoperati per inquadrare persone senza diritti, mentre svolgono lo stesso lavoro degli altri.

Trovare casa a Parigi

I prezzi di affitto sono alti, anche se non si discostano molto da quelli che si possono trovare in città come Roma e Milano in Italia.

Un monolocale da 30 metri quadri in una zona intermedia della città viene circa 900 euro al mese.

I prezzi sugli annunci sono indicati charges comprises (CC) o hors charges (HC). Le charges sono le spese (condominio, acqua, spazzatura, ecc. ecc.), fate quindi attenzione alla differenza.

Dovrete fare subito una scelta appena arrivati a Parigi:

  1. andare ad abitare in periferia o fuori Parigi, per avere più spazio e pagare di meno, anche se a Parigi e dintorni gli spostamenti sono davvero veloci. Non ci sono solo 2 linee di metropolitana che non funzionano come a Roma, ma tante che ti portano ovunque, senza dover quasi mai ricorrere a mezzi pubblici di trasporto di superficie (particolare fondamentale da tener presente nell’effettuare la vostra scelta);
  2. optare per uno spazio più piccolo e pagare di più, ma sapendo di essere nel cuore di ogni attività, professionale inclusa.

Alcuni scelgono una soluzione centrale ma molto piccola, l’idea degli studiò (mini monolocali) può andare bene soltanto se vi piace stare da soli, ma in 15 mq circa, col bagno incluso.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS