Lavorare a Malta

Avete pensato di lavorare a Malta? Parliamo di come cercare lavoro, che visti servono, costo della vita e come trovare alloggio

lavorare a Malta

Avete pensato di andare a lavorare a Malta? Noi di Bianco Lavoro vi vogliamo oggi parlare di come fare se volete trasferirvi ed iniziare a lavorare a Malta.


La Repubblica di Malta (poco più di 400mila abitanti) è uno stato insulare situato a sud della Sicilia, dalla quale dista appena 80 km. Dal 2004 fa parte dell’Unione Europea, e quindi adotta come moneta l’Euro. La capitale è La Valletta (7000 abitanti circa), ma la città più popolosa è Birkirkara (circa 22500 abitanti). Malta per svago, cultura ed il mare è riconosciuta da tutti come una celebre località turistica che gode anche di 3 siti patrimonio dell’Unesco: la città La Valletta, l’Ipogeo di Hal Saflieni e i templi megalitici.

A Malta si parla sia maltese che inglese. L’italiano fu abolito dagli inglesi nel 1934, ma è tutt’oggi molto usato per motivi commerciali, scolastici e turistici, e compreso dalla maggior parte della popolazione che riceve tutti i canali televisivi italiani e quelli regionali siciliani. Il clima è subtropicale: inverni miti con temperature minime quasi mai sotto i 10 gradi, ed estati calde e secche, ma temperate sulla costa dalla brezza marina.

Documenti necessari per lavorare a Malta

Per i primi 3 mesi non sono necessari visti (permesso accordato direttamente all’arrivo) e quindi lo stesso vale per lavori da svolgersi prettamente nella stagione turistica. Le opportunità in questo caso sono numerose, visto che negli ultimi anni tale settore ha vissuto una grossa espansione, tanto che il turismo è diventata una delle principali fonti di ricchezza dell’economia maltese. Per lavori fissi tutto diventa più difficile perché è necessario per uno straniero trovare lavoro prima di trasferirsi, ed il permesso viene rilasciato appunto solo previa lettera di presentazione scritta del proprio datore di lavoro. Altrimenti si deve dimostrare di avere le risorse economiche per vivere a Malta senza lavorare.

Economia del posto e come muoversi per lavorare a Malta

I principali settori di lavoro sono il turismo ed il settore terziario, tra questi spicca senza dubbio l’IT (Information Technology), poi la produzione (semiconduttori, elettronica, farmaceutica, beni di consumo), la marina mercantile, le costruzioni navali e la manifattura tessile.

Si può trovare lavoro tramite internet, ma ci sono anche giornali e riviste che pubblicano continuamente delle inserzioni che permettono di orientarsi per lavorare a Malta.

Siti utili per lavorare a Malta:

Employment and Training Corporation: il centro per l’impiego statale al quale bisogna iscriversi. I datori di lavoro in cerca di personale spesso fanno riferimento al database del Centro per l’Impiego.
Vacancycentre: agenzia per il lavoro.
Pentasia: agenzia per il lavoro specializzata per il mondo del gioco d’azzardo online, settore che crea molti posti di lavoro sull’isola.

La categoria di lavoratori richiestissima nel mondo del lavoro di Malta (soprattutto dalle tante società di scommesse e giochi d’azzardo con sede nell’isola) è quella legata al mondo informatico (programmatori, sviluppatori, esperti di sicurezza, sistemisti, esperti Seo e di web marketing, operatori help desk per assistenza ai clienti on line), con i lavoratori di questo settore che percepiscono stipendi un pochino più elevati rispetto a quelli medi italiani. Anche il settore finanziario e bancario offre molte opportunità. I lavoratori del settore della ristorazione invece ricevono stipendi più bassi rispetto a quelli italiani, mentre trovare lavoro in un settore che non richiede particolari specializzazioni non è facile.

Per la maggior parte dei lavori è fondamentale la conoscenza della lingua inglese (la lingua maltese è di provenienza araba e quindi di non certo facile apprendimento), altrimenti quasi sempre si viene scartati in sede di colloquio.

Il tasso di disoccupazione a Malta è piuttosto basso (5,6%) ed il Paese rappresenta uno dei pochi fra quelli della zona Euro a registrare una crescita limitata ma costante, specie per lo sviluppo del settore turistico, che ha visto i prezzi dei soggiorni aumentare molto d’estate (se volete cercare un lavoro fisso, è sconsigliato farlo d’estate, quando si assumono principalmente lavoratori stagionali e gli affitti sono molto più elevati rispetto che al resto dell’anno).

Costo della vita a Malta

Un bilocale in affitto, a seconda delle zone, va dalle 350 alle 700 euro al mese, mentre per un appartamento di 4 stanze si può spendere da 800 a 1600 euro al mese.

Alcuni altri esempi per comprendere il costo della vita a Malta possono essere i seguenti:
pane (una pagnotta) €0.73
biscotti €1.00
zucchero 1 Kg €0.74
pasta 500g € 0.91
pizza €2.90
cereali €2.54
tè in bustine 250 grammi €2.28
caffè istantaneo €2.20
acqua 1.5 litri €1.40
latte fresco 1Litro €0.72
vino 75cl €4.50

Trovare casa a Malta

La prima cosa da fare se decidete di trasferirvi a Malta è cercare casa. L’affitto fino a qualche anno fa era quasi sconosciuto, mentre ora ci sono due possibilità: o rivolgersi ad un’agenzia immobiliare (settore in grossa espansione anch’esso), che però richiedono ben il 50% di provvigione sul canone (su 500 euro di affitto ad esempio, 250 al mese vanno all’agenzia), oppure, soluzione più conveniente, fare da soli, contattando direttamente i proprietari di case dopo aver consultato gli annunci che si possono trovare su giornali quali il Times of Malta.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)




CATEGORIES
Share This

COMMENTS