Cura dei rapporti interpersonali sul lavoro

Nell’ambiente di lavoro siamo continuamente in contatto con altre persone, ognuno con il suo ruolo e la sua professionalità, ma tutti quanti, anche se in modo diverso, siamo sottoposti quotidianamente a determinate urgenze e a un certo stress.

Per questo motivo in molti casi non siamo sempre sufficientemente disponibili a presentarci agli altri con una certa lucidità e serenità, tuttavia il nostro modo

di comportarci può influenzare le relazioni e alcuni risultati professionali al di là della nostra competenza.

Il lavoro è il luogo in cui trascorriamo la maggior parte del nostro tempo, per cui riuscire a stabilire dei rapporti cordiali e di cooperazione con i colleghi si dimostra estremamente importante anche per il nostro benessere personale.

Un elemento da non sottovalutare è la nostra immagine. Il modo in cui ci presentiamo agli altri può condizionare relazioni e giudizi. L’abbigliamento deve essere consono all’ambiente in cui operiamo. E’ sempre meglio evitare gli eccessi e presentarsi in modo ordinato, mostrandosi puntuali. Questi aspetti, per quanto banali possano sembrare, in realtà ci permettono di costruire una buona reputazione.

Un altro fattore su cui focalizzare l’attenzione è il nostro comportamento. Le nostre competenze e il nostro impegno nello svolgere in modo adeguato il lavoro che ci è stato affidato, sono aspetti indispensabili, ma lo è anche il nostro modo di relazionarci e di comportarci con colleghi, clienti e datori di lavoro.

E’ importante non scaricare sugli altri le tensioni e lo stress, imparando a gestire questi aspetti e curando la cortesia e l’accoglienza.

Potremmo avere a che fare con un perfetto sconosciuto o con un collega che conosciamo da qualche tempo, in ogni caso è importante prestare attenzione alla persona che abbiamo di fronte, anche se sommersi di lavoro.

Nel caso ciò non fosse possibile, la cosa più opportuna da fare è sempre quella di scusarsi educatamente con il proprio interlocutore.

La nostra capacità di collaborare e cooperare con i colleghi evitando atteggiamenti chiusi e individualistici, può incidere notevolmente sulla qualità delle relazioni e del lavoro stesso.

Un atteggiamento estremamente competitivo nei confronti dell’altro può influire negativamente , aumentando diffidenza , chiusura e antipatie nei nostri confronti.

Potrà capitare, infatti, come conseguenza di tale comportamento, che avendo bisogno dell’aiuto o di un favore da parte di un collega questo possa mostrarsi riluttante verso di noi.

Il modo di comunicare può essere determinante per gestire trattative importanti, vendere un prodotto , studiare strategie aziendali da cui dipende il destino di tanti dipendenti.

Molti pensano che il modo più utilizzato per comunicare con le altre persone in genere sia quello delle parole. In realtà la comunicazione verbale incide solo per circa il 10% sui risultati che si raggiungono quando si trasmette un messaggio.

L’unico modo con il quale si possono determinare i sentimenti profondi delle persone è di leggere il significato del loro linguaggio del corpo o comunicazione non verbale.

La comunicazione non verbale (esempio: gesti e posture) può aiutarci a comprendere meglio i nostri interlocutori e a gestire in modo adeguato i rapporti con colleghi e datori di lavori.

Quest’aspetto può essere utile per entrare in sintonia con i colleghi, sapere quando e come domandare un cambio di turno o aiuto nel disbrigo di una pratica. Ad esempio, alcuni segnali di fastidio possono essere: lo sfregarsi il naso; spostare lo sguardo lateralmente indica un certo distacco e disappunto con ciò che stiamo dicendo. Seduti a una scrivania, possono essere indici di ostilità e diffidenza la creazione di una barriera al centro del piano: le donne spesso possono portare sulle ginocchia la borsa o una cartella che prima avevano poggiato altrove. Al contrario segnali di disponibilità sono l’avvicinarsi all’interlocutore, guardarlo con attenzione mentre parla, non avere posture del corpo rigide o gambe e braccia incrociate mentre si conversa. Portare l’indice ed il medio appaiati sulla guancia o davanti alle labbra può rivelare una certa attenzione o riflessione. L’accavallare le gambe e intrecciare le dita delle mani attorno ad un ginocchio: atteggiamento caratteristico di chi è solito prendere le proprie decisioni con calma. Alzare le spalle è spesso manifestazione di resa.

Il rispetto verso alcune regole comportamentali quotidiane e l’acquisizione di una conoscenza della comunicazione verbale e non verbale, possono rivelarsi utili nel migliorare i rapporti quotidiani con gli altri sul posto di lavoro. La capacità di poter comprendere gli stati emotivi di chi ci circonda può evitarci di incorrere in situazioni imbarazzanti e conflittuali.

Saper gestire dei buoni rapporti interpersonali, oltre a creare un clima più conciliante e positivo sul posto di lavoro, potrà rivelarsi fondamentale per accrescere e migliorare la nostra professionalità.

Inoltre Bianco Lavoro ti consiglia:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ti consigliamo il KIT Lavorare sempre, garantito da Bianco Lavoro per la sua qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate in linea con le tue esigenze, fai le tue ricerche e registrarti su Euspert Italia.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)