Aprilia, Oristano e Bergamo: iniziative territoriali per combattere la disoccupazione

Aprilia. Percorsi di tirocinio di inserimento o reinserimento al lavoro previsti dall’azione “Botteghe di mestiere” del programma Apprendistato e mestieri a vocazione artigianale, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed attuato con la collaborazione di Italia Lavoro.


Il progetto è rivolto a giovani inoccupati o disoccupati trai 18 e i 29 anni che potranno svolgere 3 stage semestrali retribuiti (500 euro mensili) per acquisire competenze professionali in attività produttive tradizionali legate al territorio.

Le domande andranno presentate entro il 5 novembre 2012, attraverso il sito web www.italialavoro.it cliccando sul link “Botteghe di Mestiere”. I requisiti richiesti: essere cittadino italiano o appartenente all’Unione Europea, o cittadino extracomunitario con regolare permesso di soggiorno; avere un’età compresa tra i 18 e i 29 anni non compiuti; aver assolto l’obbligo scolastico; trovarsi nello stato di disoccupazione o inoccupazione.

Oristano. La provincia promuove un’iniziativa per favorire l’inserimento lavorativo di alcune categorie di lavoratori: “Incentivi al Reimpiego ART. 29” attraverso azioni di sostegno e di incentivazione Alle imprese che avvieranno dei tirocini di inserimento/reinserimento e  poi assumeranno lavoratori appartenenti alle categorie previste dal Bando, saranno assegnati contributi di sostegno al reddito del valore di 1.500,00 € e dei ‘bonus assunzionali’ del valore di 1500 euro. Per ora il progetto prevede 40 incentivi ma, qualora l’iniziativa funzionasse, si prevede la possibilità di stanziare nuovi fondi. L’avviso pubblico è sul sito della provincia di Oristano corredato di modulistica per la partecipazione.

Bergamo. Si chiama “Dispositivo 2” ed è  un meccanismo che mette a disposizione risorse economiche per la creazione di nuovi posti di lavoro per giovani ma anche per persone escluse dal mondo del lavoro da più di sei mesi.  È pensato per giovani dai 18 ai 35 anni inoccupati, disoccupati o con contratti atipici. Le risorse stanziate, per un totale di 680 mila euro vengono dati sotto forma di “incentivo” direttamente alle aziende che assumono, con differenziazioni sul tipo contratto e sul target. Possono beneficiare degli incentivi tutte le categorie di imprese, in forma singola, che sono regolarmente iscritte al registro delle imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura e che rispettano i requisiti definiti del bando. Trovate il bando sul sito della provincia di Bergamo.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS