Inail, incidenti mortali sul lavoro sotto quota mille

L’Inail, l’istituto di assistenza per gli infortuni sul lavoro, ha pubblicato i dati del 2010, riguardante il numero delle vittime sul lavoro, che per la prima volta dal secondo dopoguerra è sceso sotto la soglia dei mille, con un calo del 2%, dopo un calo ancora più forte del 2009 del 10%.


Sono dati molto confortanti sulla strategia che Inail e mondo delle imprese stanno attuando, per arginare il gravissimo problemi degli infortuni e degli incidenti mortali, assicurando la piena attuazione concreta delle leggi per la sicurezza sul lavoro.

Il Presidente dell’Inail, Giuseppe Lucibello, replica a quanti sostengono che il calo delle morti bianche sia dovuto alla crisi, che ha ridotto il numero degli occupati; se questo potrebbe essere vero per il 2009, anno di forte recessione, non lo stesso si può dire del 2010, anno di ripresa.

Lo stesso Lucibello poi parla di 750 milioni di euro stanziati nel triennio 2011-2013, che finanzieranno ben 20 mila progetti delle aziende e ammessi dall’istituto, a conferma, dice il presidente, che il mondo dell’impresa sta assumendo un atteggiamento diverso sul tema della sicurezza. Già stanziati 60 milioni a gennaio e entro l’anno saranno stanziate altre due tranche da 90 milioni ciascuna.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS