Il mestiere dell’insegnante: nuova regolamentazione

Fare l’insegnante è uno di quei mestieri a cui da piccoli hanno pensato quasi tutti.


Oggi le cose sono un po’ diverse e nel giro di una decina d’anni si sono susseguite riforme che hanno modificato l’assetto delle scuole.

Ecco brevemente le più recenti introduzioni.


Cominciamo dall’insegnamento nelle scuole dell’infanzia e primarie: il requisito è la laurea quinquennale in Scienze della Formazione, con accesso a numero chiuso, che offre direttamente l’abilitazione all’insegnamento, offrendo rispetto al vecchio sistema, una maggiore preparazione verso le lingue straniere, l’informatica, e gli aspetti psicologici per trattare con maggiore consapevolezza i bambini con disabilità e gli stranieri.

Per insegnare invece nella scuola secondaria, è necessaria la laurea quinquennale insieme ad un anno di tirocinio (475 ore con il supporto di un tutor); rispetto alla SSIS prevista nelle precedenti normative, c’è una maggior attenzione verso l’aspetto pratico e si evita di seguire percorsi già approfonditi durante la laurea e la specialistica.


Tuttavia, conclusi gli studi, rimane quello che è, probabilmente, lo scoglio più duro: trovare un lavoro.


Soprattutto nella situazione attuale infatti, i concorsi pubblici, grazie alla quale un laureato abilitato ad insegnare, potrà ottenere una cattedra in una scuola pubblica, sono davvero pochissimi.

E tra l’altro, quelli che vengono banditi, sono solitamente per posti precari.

Una buona speranza, potrebbe pertanto arrivare da scuole private.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS