Guadagnare con un blog: ecco tre consigli per cominciare

Ma è davvero possibile guadagnare con un blog? E quali sono i primi passi da compiere per cominciare? Ecco tre consigli utili per giovani blogger esordienti.

C’è chi pensa che non sia possibile guadagnare con un blog, c’è chi invece crede, e a ben vedere, che si tratti di un’ottima opportunità in grado di regalare enormi soddisfazioni e non solo economiche. Ma da dove cominciare? Una volta costruito  e avviato il proprio blog, quali sono i primi passi da compiere per poter cominciare a guadagnare? Vediamoli insieme.


guadagnare-con-un-blog

image by Rawpixel

Business online: è davvero possibile guadagnare con un blog?

Qual è il nesso tra blogging, social media marketing e vita quotidiana? Fino ad un decennio fa in pochi lo conoscevano ma oggi, che sempre meno persone possono contare su un solido posto di lavoro che duri tutta la vita, questo legame tra noi e il web, tra giovani imprenditori creativi e  business online sta diventando sempre più stretto.

Ma quindi qual è la risposta alla domanda: è possibile guadagnare con un blog? La risposta è sì. Senza voler far riferimento agli esempi ormai noti di blog di successo che fatturano milioni di euro all’anno, si può cominciare semplicemente con l’aprire un blog solo per avere un’entrata supplementare, per svolgere un secondo lavoro. Questi qui di seguito sono tre consigli adatti per tutti i principianti che hanno appena avviato un blog e sono validi per qualsiasi tipo di argomento si decida di affrontare.

1. Guadagnare con Google Adsense

Ormai tutti gli addetti ai lavori conoscono questo sistema di guadagno passivo o perlomeno ne hanno sentito parlare. Google Adsense permette di inserire nelle pagine del proprio blog dei banner pubblicitari di aziende con business in linea con l’argomento di cui parla il proprio blog. Ma è molto semplice da usare, è sufficiente inserire il codice di accesso per l’introduzione dei banner e al resto pensa Google. I guadagni arrivano dai click degli utenti sulle pubblicità. Chiaramente ogni click è pari a pochi centesimi e per poter monetizzare occorre tempo e pazienza. Aumentare le visite giornaliere è l’obiettivo di ogni blogger. Va da sé che imparare a scrivere in inglese o far tradurre le pagine del proprio blog in questa lingua incrementa in modo notevole le visite da parte di utenti di tutto il mondo.

2. Guadagnare con le affiliazioni

Sul web si trovano intere pagine al riguardo: quello delle affiliazioni infatti è un argomento vasto che merita attenzione e va approfondito. In parole semplici, funziona così: ci sono aziende che mettono a disposizione programmi di affiliazione (a cui ci si può iscrivere facilmente e in modo gratuito) e ogni volta che un potenziale cliente arriva sul loro sito attraverso il blog in questione e acquista dei prodotti, ecco che arrivano le percentuali di guadagno sul proprio conto di affiliato. Un esempio su tutti è quello di Amazon, che in America spopola da tempo e in Italia sta man mano prendendo piede. Le aziende offrono percentuali sulle vendite abbastanza redditizie, che oscillano a seconda dei prodotti tra il 10 e il 30% dell’importo totale. Un esempio? Se il cliente tramite un link del blog arriva sul sito di Amazon e spende ad esempio 200 euro, ecco che il blogger guadagnerà in modo passivo dai 20 ai 60 euro.

3. Guadagnare con gli infoprodotti

Il più famoso infoprodotto disponibile sui blog? L’e-book naturalmente! Scrivere un e-book rappresenta un modo davvero efficace di lavorare da casa e la sua vendita offre reali possibilità di guadagno. Chiaramente per poter proporre un e-book in vendita bisogna innanzitutto avere delle conoscenze specifiche in un determinato settore ed essere in grado di metterle nero su bianco in modo corretto e scorrevole ma soprattutto accattivante e persuasivo. A questo punto sarà possibile proporlo in vendita sul proprio blog o sul Kindle di Amazon.

Guadagnare con un blog è davvero possibile ed è sbagliato pensare che sia un’attività riservata solo a personaggi pubblici o a pochi eletti e fortunati fulminati dal “colpo di genio” che gli cambia la vita. L’errore in cui invece è facile incorrere è quello di pensare che si tratti di un guadagno facile. Dedicarsi al blogging richiede dedizione, attenzione  e molto lavoro ma soprattutto passione per quello che si propone e reale conoscenza dell’argomento di cui si tratta.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS