Gi Group: lavoro per 200 Beauty Consultant, 100 Make-up Artist e 50 Hostess Fragranze

In un periodo in cui si continua a parlare di crisi e di mancanza di lavoro, suscita sicuramente grande interesse la Divisione Fashion&Luxury di Gi Group, la più grande agenzia italiana per il lavoro, che è alla ricerca di 200 Beauty Consultant, 100 Make-up Artist e 50 Hostess Fragranze, da inserire nelle profumerie di tutta Italia, all’interno di corner dei principali marchi della cosmesi.

Siamo andati ad intervistare Cristina Lodi, Fashion & Luxury Division Manager di Gi Group.

Quali requisiti devono avere le diverse figure professionali?

Per quanto riguarda i Make-up Artist e i Beauty Consultant si richiedono: il possesso di un attestato di qualifica professionale, l’ottima conoscenza delle diverse tipologie di pelle, dei tratti somatici, dello skin-care, delle diverse tipologie di trucco (da giorno, da notte, da sposa ecc.) e delle tecniche di make-up. La disponibilità a frequentare corsi di aggiornamento professionale, buone capacità di relazione e conoscenze del mercato completano i profili ricercati.

Requisito fondamentale richiesto alle Hostess Fragranze è, invece, l’aver maturato una precedente

esperienza nel settore, ma anche la padronanza delle principali tecniche di vendita e delle regole base di comunicazione, insieme alla proattività, alla precisione e alla puntualità nel dare i feedback ai clienti. Il profilo viene poi completato da un’ottima conoscenza del mondo delle fragranze e dei maggiori Brand presenti sul mercato.

Quali sono le città più richieste?

Milano-Firenze-Roma-Napoli-Venezia-Catania-Parma-Bari.

Il settore della Cosmesi risente della crisi?

I dati Unipro* registrano, per il primo semestre del 2012, un calo nel consumo di prodotti di bellezza, con una contrazione per la profumeria (-4,5%) e solo una lieve crescita (+ 0,6%) per il mercato interno dei cosmetici; esistono tuttavia importanti realtà di settore che sembrano non risentire della congiuntura economico-finanziaria negativa e che, anzi, necessitano di personale.

* Dati Unipro, Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche, primo semestre 2012

Si parla di un'alta percentuale di giovani senza lavoro, a riguardo può esprimere un suo pensiero?

Purtroppo la disoccupazione giovanile è in continuo aumento; e nel nostro Paese il dato più allarmante riguarda i giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni che a luglio di quest’anno ha raggiunto il 35,3%*.

Consapevole di questa emergenza Gi Group, la più grande agenzia italiana per il lavoro, nel 2012 ha

rinnovato il suo impegno per favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro mediante YOUng FIRST, il programma di iniziative e appuntamenti specifici rivolti a neolaureati e neodiplomati. Malgrado il periodo di crisi generale, nel settore della cosmesi permane una certa domanda da parte delle aziende; per cui i giovani interessati a fare il loro ingresso in questo ambito possono far riferimento a opportunità professionali quali hostess fragranze, promoter, stewart che, se pur temporanee, spesso possono trasformarsi nel tempo in opportunità più stabili.

* Secondo l’ISTAT nella fascia 15-24 anni il tasso di disoccupazione a luglio 2012 ha raggiunto il 35,3%.

Un consiglio per presentarsi ad un colloquio di lavoro

Prima di un colloquio è fondamentale acquisire informazioni relative all'azienda per cui ci si candida per comprenderne dimensioni, settore, attività di business e posizionamento sul mercato. E’ importante, infatti, essere ben preparati sulla realtà e sul ruolo per cui ci si propone; questo rappresenta un buon punto di partenza per riuscire a mantenere un atteggiamento sereno e positivo durante l’appuntamento.

Il colloquio non va mai visto come un momento in cui si viene giudicati, ma come un'occasione da sfruttare per scambiarsi informazioni utili con il recruiter al fine di capire se si tratti o meno di un’opportunità lavorativa adatta al proprio profilo.

In linea generale il mio consiglio è quello di evitare un atteggiamento aggressivo o troppo sicuro di sé, troppo informale o passivo che dia l'impressione di subire il colloquio senza parteciparvi attivamente. Solitamente sono, invece, apprezzati, un atteggiamento professionale e chiarezza d'idee; è, inoltre, importante evidenziare le proprie preferenze in ambito lavorativo senza che queste diventino un vincolo, però, poiché, se da un lato risulta necessario dimostrare di non essere disposti ad accettare "qualunque lavoro", dall'altro dimostrare volontà e disponibilità, può rappresentare senza dubbio una carta vincente.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, usufruisci del Kit Lavorare Sempre  (usa il nostro codice sconto: BLP112) garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate in linea con le tue esigenze, fai le tue ricerche e registrati su Euspert Italia.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)