Gefar, un’app per misurare la soddisfazione dei dipendenti

La Gefar Services di Montevarchi ha messo a punto un'applicazione che misura il grado di soddisfazione dei lavoratori: un prezioso strumento per migliorare il welfare in azienda

Immaginate di poter dire la vostra su una soluzione proposta dal capo che non vi ha mai convinto. O di poter esprimere un voto sull’organizzazione interna della vostra azienda. Con l’app messa a punto dalla Gefar Services, tutto questo è già possibile. L’idea portante è quella di misurare il livello di soddisfazione dei dipendenti e di fornire ai dirigenti un prezioso strumento di monitoraggio teso ad agevolare la crescita dell’azienda e il benessere del personale. Perché si sa: più un lavoratore è soddisfatto e felice, più tende a produrre e a fare bene. Ma in cosa consiste esattamente quest’applicazione? Scopriamolo insieme.


Il progetto è stato ideato e realizzato dalla Gefar Services, società di Montevarchi (in provincia di Arezzo) che si occupa di amministrazione del personale e che fornisce consulenza alle aziende, attraverso servizi tecnologicamente avanzati. Con l’app presentata negli scorsi mesi, ha messo a punto uno strumento utile, agile e pratico, pensando sia ai dirigenti che ai dipendenti. I primi potranno, infatti, avere un quadro aggiornato e dettagliato della situazione aziendale e del personale e intervenire laddove se ne ravvisi la necessità, sia in termini economici che logistici ed organizzativi. I secondi potranno, invece, contribuire concretamente al miglioramento della loro azienda, fornendo feedback mirati e puntuali.

Controlli buste paga e ferie

Ma non solo: la Gefar App permette, innanzitutto, ai dipendenti di accedere a tutta una serie di informazioni sulla loro situazione lavorativa. In pratica, dopo aver scaricato l’applicazione ed aver effettuato il login, il lavoratore potrà consultare e controllare (ogni volta che lo vorrà) le buste paga e le certificazioni Unica. Ed essere informato sui saldi che riguardano le ferie e i permessi e sul Tfr maturato. I vantaggi? Il dipendente avrà sempre a portata di mano le informazioni che lo interessano e l’azienda potrà risparmiare nella produzione di documenti cartacei e ridurre il numero di alcune attività di routine. E non è che l’inizio. Nell’ambito del progetto “Workforce & Satisfaction”, la Gefar App è stata implementata per fornire un servizio sempre più utile ed efficace. A vantaggio di tutti.

Dai un voto alla tua azienda

I management che sceglieranno di utilizzare l’applicazione potranno, infatti, disporre di una rappresentazione grafica della loro struttura aziendale: con una panoramica dettagliata della forza lavoro, dei vari reparti e dei relativi costi, potranno gestire al meglio le loro società. E i dipendenti? Potranno esprimere il loro giudizio su quattro argomenti scelti dai dirigenti per testare il loro livello di soddisfazione. Senza preoccuparsi di indisporre o dispiacere il capo perché il loro voto (da esprimere attraverso un sistema che va da 0 a 10) resterà anonimo. Le possibilità sono tantissime: ai dipendenti potrebbe capitare di dire la loro sui turni di lavoro o sugli stipendi o di dare un voto alla mensa o agli uffici. L’idea è quella di interpellarli su argomenti o assetti che li riguardano direttamente, dando loro la possibilità di contribuire alla crescita dell’azienda. E al miglioramento del welfare aziendale. I voti bassi suoneranno, infatti, come “campanelli di allarme”, che sproneranno i dirigenti a intervenire in maniera mirata e a migliorarsi. A beneficio del benessere del personale e dei loro stessi profitti.

“Il gestionale – ha spiegato Gianmarco Guerrini, amministratore e consulente della Gefar Services – rappresenta uno strumento idoneo a fornire una nuova prospettiva della concezione del rapporto tra datore di lavoro e dipendenti, fondata su una maggiore attenzione nei loro confronti”. L’applicazione, che ha vinto il premio “Professionista Digitale 2016/2017” della School of Management del Politecnico di Milano, ha incassato il consenso di un pool di avvocati giuslavoristi e delle sigle sindacali interpellate. Viene già utilizzata in due strutture alberghiere e in due ristoranti tra la Toscana e l’Emilia Romagna. Oltre che nella stessa Gefar di Montevarchi dove l’80% dei dipendenti l’ha già scaricata.




CATEGORIES
Share This

COMMENTS