Essere assunti: tre consigli per aumentare le nostre chance

"Chi si ferma è perduto", recita un detto che vale anche (e soprattutto) quando parliamo di lavoro. Aprirsi a stimoli nuovi e lavorare su se stessi sono la chiave per ambire a fare bene

Trovare lavoro non è facile ed a certificarlo non sono solo le statistiche, ma anche le cronache quotidiane che raccontano di uomini e donne (più o meno giovani) che faticano ad ottenere un impiego stabile e sicuro. E’ qualcosa che abbiamo sperimentato tutti, quando ci siamo ritrovati a mandare curricula che non ottenevano risposta. Prima di convincerci di essere destinati alla disoccupazione perenne, bisogna però analizzare il quadro con obiettività. E comprendere se la difficoltà riscontrata dipende totalmente dal contesto (non certo favorevole) o anche da noi. Perché se è vero che il mercato del lavoro non offre grandissime opportunità, è altrettanto vero che spesso siamo noi a non farci trovare sufficientemente preparati. Essere assunti non è faccenda di poco conto: chi seleziona il personale deve convincersi di avere a che fare con persone serie ed affidabili. Impegniamoci a dimostrarglielo e capitalizziamo al meglio il tempo che ci separa dall’entrata in azienda.


essere assunti

3 consigli per aumentare le possibilità di essere assunti

Ripetiamolo ancora una volta: per essere assunti, bisogna impegnarsi al massimo. Oggi più di ieri, visto che la concorrenza si è fatta più agguerrita e le opportunità continuano a scarseggiare. Prima di ogni cosa, bisogna ottenere un colloquio di lavoro. Come si fa? Candidandosi alle offerte che sembrano fare al caso nostro. Ma attenzione: per essere presi in considerazione dai selezionatori, bisogna aggiornare costantemente il curriculum, sforzandosi di renderlo agevole ed interessante. E non è che l’inizio: nel caso (fortunato) in cui riuscissimo a fissare un appuntamento col reclutatore, dovremo preparaci ad affrontare al meglio il colloquio. Dando prova delle nostre conoscenze e competenze professionali e mostrandoci empatici, motivati e positivi. Tutto qui? Non proprio. Vestirci e muoverci in maniera adeguata sono cose che non possiamo prendere sottogamba, specie se avremo a che fare con persone che sanno decodificare i gesti e leggere al di là delle parole. Ma per aumentare veramente le possibilità di essere assunti, occorre – a nostro avviso – focalizzarsi su tre punti. E prendere in considerazione tre consigli che ci aiuteranno a crescere e maturare. Non solo nel lavoro.

Continuiamo a studiare

Non importa quanti anni abbiamo speso a specializzarci nel settore di nostra competenza perché non si finisce mai di apprendere e di imparare. Aggiorniamoci costantemente e teniamoci informati su tutto quello che riguarda il nostro ambito professionale. Quando avremo l’opportunità di incontrare il reclutatore, daremo prova della nostra passione e del nostro vivo interesse per quello che facciamo. E’ vero: la teoria non è tutto e i lavoratori vanno testati praticamente, ma chi dimostra di padroneggiare gli argomenti che hanno attinenza col proprio lavoro e propone magari soluzioni innovative è già a metà dell’opera. O dell’assunzione. Continuiamo quindi a studiare e manteniamo vivo l’interesse per quello che abbiamo scelto di fare nella vita. I selezionatori tendono a premiare i candidati appassionati e curiosi, che non smettono mai di cercare e di approfondire.

Allarghiamo i nostri orizzonti

E’ un consiglio di cui si tiene poco conto, ma che può tornare utile, specie in tempi come questi. L’idea di cimentarsi in qualcosa di diverso, che non riguardi strettamente la professione che vorremo svolgere, non va infatti trascurata. L’importante è che si scelga di puntare su qualcosa che abbia una qualche attinenza con le nostre abilità ed i nostri interessi, evitando di inoltrarsi in terreni completamente sconosciuti o che non esercitano alcuna attrattiva su di noi. In pratica, anziché iper-specializzarci nel nostro settore (che magari non offre grandi opportunità occupazionali), potremo provare ad ampliare i nostri orizzonti, proponendoci come candidati “duttili”, dinamici e versatili (ideali per un mercato flessibile come il nostro). Ma cerchiamo di essere chiari: il consiglio non è quello di improvvisarci “tuttologi” (chi prova a fare tutto finisce, quasi sempre, col farlo sistematicamente male), ma di individuare uno o al massimo due percorsi alternativi. Proviamo ad uscire dalla nostra sfera di competenza e guardiamo a quello che gravita intorno ad essa. Potremmo scoprire talenti inespressi ed opportunità galvanizzanti.

Lavoriamo sui nostri punti deboli

E’ inutile mettere la testa sotto la sabbia: abbiamo tutti i nostri punti deboli. Per alcuni, è la scarsa dimestichezza con la tecnologia; per altri, la poca conoscenza delle lingue straniere. Mentre altri devono lavorare su se stessi, impegnandosi a smussare i lati più spigolosi del loro carattere o provando a vincere insicurezza e timidezza. Per aumentare concretamente le possibilità di essere assunti, occorre partire da un’attenta auto-analisi, tesa a snudare fragilità e lacune. Il tempo che ci separa dal prossimo colloquio di lavoro non potrebbe essere impiegato in maniera più proficua. Fare finta di niente è un errore che non possiamo permetterci di compiere perché solo chi è disposto a mettersi in discussione può ambire a sbaragliare la concorrenza. Impegniamoci a diventare candidati solidi e preveniamo il rischio di tentennare di fronte alle domande più insidiose. Se interverremo per tempo sulle nostre debolezze, terremo a bada l’insicurezza e affronteremo col giusto spirito il colloquio di lavoro. Le chance di essere assunti non potranno che aumentare: provare per credere.

Chi si convince di avere già tutte le frecce al proprio arco difficilmente arriverà in alto. Evitiamo di farci vincere dalla supponenza e dell’arroganza e continuiamo a coltivare interessi e passioni; impegniamoci a maturare ed apriamoci ad esperienze nuove e stimolanti. Per essere assunti, occorre faticare. E confidare in un pizzico di buona fortuna.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)




CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS