Doula: una professione tutta al femminile

Se sei donna, se sai riconoscere ed immedesimarti nelle emozioni e nella delicatezza della maternità, dell’attesa e del parto,se ami essere utile agli altri,se hai doti comunicative e ti è facile entrare in empatia con le altre donne, la “doula” è una professione che fa per te!


Si tratta di una professione femminile ancora poco nota ma che negli ultimi tempi sta entrando a far parte nell’equipe di molti centri pedagogici che svolgono consulenza alla maternità.

Letteralmente la parola, che ha origini greche, significa “colei che serve la donna”.

La “doula” è colei che accompagna la donna e la coppia durante la gestazione e il parto, supportandoli nell’accoglienza del bambino nella famiglia, in altre parole nei primi momenti dopo la nascita.

Nel passato il ruolo di sostegno alla maternità è stato sempre assolto dalla famiglia. Fino a pochi anni fa erano le madri, le nonne e le zie che si facevano carico di educare la nuova mamma all’accoglienza del figlio accompagnandola per tutto il tempo dell’attesa.

La situazione attuale è cambiata poiché i moderni assetti familiari non sempre consentono che la neomamma sia accudita con quel sostegno affettivo e psicologico come una volta. Oggi uomini e donne lavorano e in molti casi si è fisicamente lontani dalle proprie famiglie d’origine.

Per sopperire alla mancanza di una famiglia d’origine capace di accudire la gestante e la puerpera, il ruolo della “ doula” assume un significato importante.

Professionalmente la “doula” si qualifica come educatrice prenatale. La sua missione è di condurre le donne a una maternità serena e consapevole, aiutandola a superare tutti quei i dubbi riguardanti la maternità attraverso una gestazione affrontata con serenità e un parto assistito con umana sensibilità.

Il ruolo di questa figura professionale in sinergia con altre figure specialistiche è quello di sostenere la coppia,aiutandola a vivere con armonia passo dopo passo questo periodo cosi importante , in una attesa consapevole e piena di affetto nell’accogliere la nuova vita che sta per giungere al mondo.

L’educatrice prenatale non è un medico e non è un‘ostetrica, il suo compito è di affiancare la donna, curare le sue ansie e limitarne le paure. In pratica, la ”doula” assume un compito di aiuto essenzialmente emotivo e psicologico, spesso dovrà spiegare e chiarire alla neo mamma aspetti “medici” della gestazione e del parto.

Il riconoscimento dei benefici che apporta questa figura professionale al parto è crescente, tanto è vero che la sua presenza nelle sale parto è sempre più diffusa.

Per svolgere tale professione è necessario svolgere dei corsi che qualificano consentendo di apprendere le nozioni teoriche utili per il supporto alla donna, ma anche le tecniche di rilassamento e quelle di massaggio. I corsi prevedono periodi di tirocinio presso i punti nascita delle strutture ospedaliere.

Per approfondimenti e informazioni sui corsi si possono consultare i seguenti siti internet:

– www.centronascitamontessori.it;

– www.mipaonline.com

– www.bimbonaturale.org

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS