Come diventare promotore finanziario

Una pratica guida per diventare promotore finanziario: chi può iscriversi all’Albo e come affrontare l’esame.

Il promotore finanziario può esercitare la sua professionale solamente dopo essersi iscritto all’Albo unico dei promotori finanziari, tenuto da un organismo costituito dalle associazioni professionali rappresentative dei promotori e dei soggetti abilitati. Ma quali sono i requisiti per potersi iscrivere all’Albo e, di conseguenza, poter esercitare l’attività di promotore finanziario?

Requisiti per diventare promotore finanziario

promotore finanziarioPer potersi iscrivere all’Albo unico dei promotori finanziari è anzitutto necessario che i soggetti interessati siano in possesso dei requisiti di onorabilità e di professionalità che sono stabiliti con decreto MEF, una volta sentito il parere della Consob. Tra i requisiti di professionalità, spicca il possesso di un titolo di studio che non sia inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, rilasciato in seguito a un corso di durata quinquennale, o titolo di studio estero equipollente, valutato dalla Consob, o titolo di studio di durata pari a 4 anni, se integrato dal corso annuale previsto per legge.

Tra gli altri requisiti di professionalità, vi sarà altresì l’accertamento del superamento della prova valutativa… tranne il caso in cui il candidato possa essere esonerato. Ma quali sono questi casi?

Diventare promotore finanziario senza esame

Stando alla normativa in vigore, sono esonerati dal superamento della prova valutativa tutti coloro che hanno acquistato una specifica esperienza professionale nello svolgimento di una delle seguenti attività:

  • Agenti di cambio;
  • Negoziatori abilitati a operare nei mercati regolamentati;
  • Funzionari di banca o di società di intermediazione mobiliare addetti per almeno tre anni, anche non consecutivi, a uno dei settori di attività inerenti i servizi di investimento o la commercializzazione di prodotti finanziari della banca;
  • Dipendenti di banca o di società di intermediazione mobiliare che siano responsabilità di un’agenzia, filiale o ufficio, e che siano addetti (sempre per almeno tre anni, anche non consecutivi) a uno dei settori di attività inerenti i servizi di investimento responsabili del controllo interno di banche o Sim.

Esame promotore finanziario

Per tutti gli altri soggetti che non ricadono nelle ipotesi di esonero di cui sopra, non rimane altro da fare che affrontare con fiducia e preparazione l’esame o, meglio, la prova valutativa, indetta dall’organismo competente con una periodicità pari a tre sessioni per anno. La prova consiste in una prova scritta, completamente informatizzata, che si svolge dinanzi a un personal computer: in seguito alla riforma, contrariamente a quanto era in vigore precedentemente, non esiste più alcuna prova orale.

La prova scritta informatizzata sarà un esame teorico-pratico sotto forma di test, con 60 quesiti a risposta multipla (4 risposte, di cui 1 sola corretta). Alcuni quesiti saranno di matrice prevalentemente pratica, sottoponendo al candidato una serie di casi esemplificativi che dovrebbero mettere alla prova le capacità del candidato di poter applicare le conoscenze teoriche di cui è in possesso. Complessivamente, la prova dura 85 minuti.

Una volta terminata la prova, la commissione esaminatrice procederà con la valutazione di quanto realizzato da ogni singolo candidato. Si tenga conto che per poter superare l’esame sarà necessario ottenere una votazione minima di 80 su votazione massima di 100. Ogni prova si compone di 28 domande teoriche da due punti, 12 domande pratiche da due punti e 20 domande teoriche da un punto: l’esito è comunicato al termine della stessa sessione. Per quanto concerne infine le caratteristiche dei quesiti, si tenga conto che i test verranno composti con estrazione casuale da un database di 5.000 quesiti.

Come iscriversi all’Albo dei promotori finanziari

A questo punto, torniamo a occuparci dell’Albo dei promotori finanziari, di cui abbiamo parlato in apertura. L’Albo è un registro piuttosto importante, poichè raccoglie tutte le informazioni fondamentali che riguardano i singoli promotori finanziari: al suo interno vengono annotati i dati anagrafici del promotore, le sue informazioni professionali, la data di iscrizione all’Albo, la denominazione del soggetto abilitato all’offerta fuori sede per conto del quale opera.

Per quanto concerne l’iscrizione all’Albo, è sufficiente presentare una domanda presso l’ufficio competente. Nella domanda, bisognerà attestare la propria residenza, il superamento della prova valutativa di cui si è già detto, il possesso del titolo di studio minimo, il possesso dei requisiti di onorabilità, e alcune dichiarazioni di responsabilità. Nella domanda si dovrà altresì attestare il versamento del contributo istruttorio, pari a un pagamento di 300 euro, nella forma del bonifico bancario.

Come cancellarsi dall’Albo dei promotori finanziari

La cancellazione dall’Albo dei promotori finanziari può essere effettuata su domanda del promotore finanziario, in seguito alla perdita di uno dei requisiti di onorabilità necessari per l’iscrizione all’Albo, per il mancato pagamento del contributo di vigilanza, per il mancato pagamento del contributo previsto dall’organismo, per decesso o in conseguenza della radiazione dall’Albo.

Se siete alla ricerca di un lavoro come promotori finanziari, ecco le opportunità disponibili su Euspert: offerte lavoro promotore finanziario in tutta Italia.