Diventare Nutrizionista: formazione, guadagni e opportunità

Lavorare come nutrizionista: mansioni, responsabilità, percorso di studi, guadagni e opportunità di carriera. Cosa fa un nutrizionista e per cosa si differenzia da un dietologo e un dietista.

Non tutti hanno le conoscenze e le competenze adatte per elaborare da soli una dieta efficace e adatta alle proprie esigenze. Obiettivi e traguardi importanti, soprattutto a livello fisico, possono essere raggiunti solo se ci si affida ad uno specialista dell’educazione alimentare. Tra questi professionisti rientra senza dubbio il nutrizionista, ovvero un esperto qualificato in grado di fornire i mezzi e le ragioni giuste per iniziare e seguire una dieta sana ed equilibrata.


Ma cosa fa di preciso un nutrizionista? Che studi deve intraprendere per essere considerato un professionista? Quanto guadagna e quali sono le opportunità di carriera? Vediamolo insieme.

 

Chi è e cosa fa il nutrizionista

Salute e benessere fisico sono oggi dei temi che interessano un numero sempre più consistente di persone. Uomini e donne di ogni età sono diventati consumatori attenti e compratori consapevoli, interessati all’acquisto di cibo e materie prime che facciano bene al corpo e alla mente e che non siano dannosi per l’organismo. Decidere da soli il proprio piano alimentare o regime dietetico baso su convinzioni diffuse e idee personali, tuttavia, può essere deleterio per la propria salute (oltre che controproducente per chi è intenzionato a perdere peso). Stiamo parlando pur sempre di salute e, pertanto, improvvisare, affidarsi al fai da te e decidere di testa propria cosa mangiare e cosa evitare potrebbe davvero fare dei seri danni alla nostra persona. Affidarsi alle mani di un esperto, in questo caso più che mai, è quindi importantissimo. È a questo punto che entra in gioco la figura del nutrizionista, perché a lui si rivolgono tutte le persone intenzionate a seguire un regime alimentare corretto e adatto alle proprie esigenze. Sempre più frequentemente si fa però l’errore di considerare i nutrizionisti delle persone alle quali ci si rivolge solamente quando si vuole perdere peso. Far dimagrire la gente, tuttavia, è solo una delle tante competenze del nutrizionista. Per capire meglio cosa fa e cosa è autorizzato a fare possiamo provare a stilare una lista delle persone che solitamente a lui si rivolgono, esponendo anche quelli che sono i problemi o le difficoltà che gli stessi cercano di superare e/o affrontare a lui affidandosi. Da un nutrizionista solitamente vanno:

  • uomini e donne, di età diversa, intenzionati a dimagrire e/o a mantenersi in forma;
  • ragazzi e ragazze adolescenti e giovani che vogliono avvicinarsi al proprio peso forma senza compromettere salute, crescita e sviluppo fisico;
  • persone affette da particolari patologie che hanno la necessità di individuare un regime alimentare corretto e completo (per esempio i diabetici, gli intolleranti/allergici a specifici alimenti, i vegetariani/vegani e tutti quelli che, non potendo o non volendo mangiare determinati cibi, hanno l’esigenza di dover bilanciare la propria dieta con pasti pensati apposta per compensare i valori nutrizionali che non assimilano escludendo determinati piatti dal proprio regime alimentare);
  • sportivi dilettanti e professionisti che per riuscire a mantenere i ritmi dei propri allenamenti devono seguire una dieta in grado di fornire loro il giusto apporto energetico;
  • Enti, istituti e aziende che hanno la necessità di stilare schemi dietetici per le persone a cui offrono i propri servizi (come scuole, asili, istituti di ogni genere e mense).

Il compito del nutrizionista, sia chiaro, non è quello di individuare la patologia o di stilare una diagnosi. A lui si rivolgeranno tutti quelli che hanno già ben chiaro il proprio problema ma che, per sicurezza o completezza, vogliono essere accompagnati e consigliati nel loro percorso alimentare. Le responsabilità di un nutrizionista, come si può ben vedere, sono tante e si estendono a più ambiti e settori.  Lo stesso, in ogni caso, avrà regolarmente a che fare con la salute delle persone. Proprio per questo motivo, nel fornire la sua consulenza e nello stilare i vari piani dietetici – alimentari, dovrà sempre dimostrarsi all’altezza delle situazioni, garantendo serietà, affidabilità e supporto qualificato.

Diventare nutrizionista: formazione

Molte persone fanno ancora oggi l’errore di confondere il nutrizionista con la figura del dietologo quella del dietista. L’ambito di azione di questi specialisti, in realtà, è molto simile ma vi sono delle differenze che è opportuno fare per non confondere le diverse professionalità. A differenziare le tre figure appena citate, prima di tutto, è il percorso formativo – universitario che li stessi intraprendono. Nello specifico:

  • Un dietologo è un medico a tutti gli effetti, un dottore che ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia specializzato in alimentazione che può fare diagnosi, prognosi e prendere in cura i pazienti;
  • Un dietista è un tecnico dell’alimentazione subordinato alla figura del medico che, sentito il parere del medico curante, può comunque seguire il paziente lungo un preciso percorso terapeutico;
  • Un nutrizionista è un biologo laureato che, vantando conoscenze nell’ambito dell’alimentazione e della nutrizione. Non può effettuare diagnosi ma può stilare piani e regimi dietetici specifici, equilibrati e completi.

Per quanto riguarda in particolare la figura del nutrizionista, vigono oggi delle regole ben precise, mirate soprattutto a tutelare la salute delle persone e la professionalità degli addetti ai lavori. Nessuno si può improvvisare nutrizionista perché, trattandosi di salute, alti e delicati sono gli interessi in ballo di chi a questi esperti si rivolge per essere aiutato. Il Consiglio Superiore della Sanità ha stabilito che, ad oggi, alla professione di nutrizionista possono accedere tutti coloro che:

  • hanno conseguito una laurea magistrale in Biologia o in Scienze della Nutrizione;
  • risultano iscritti all’Albo Nazionale dei Biologi (Sezione A.).

L’iscrizione all’albo è possibile solo dopo il sostenimento e superamento di un esame di stato apposito che, per legge, riconoscerà al singolo la qualifica di nutrizionista, titolo giuridico idoneo ad esercitare la professione. Per rimanere sempre aggiornato su ricerche e scoperte in ambito alimentare, e garantire in questo modo ai propri assistiti una consulenza ampia e approfondita, ai nutrizionisti è sempre consigliata la frequentazione di corsi, seminari e convegni scientifici indirizzati e pensati per chi opera in questo specifico settore. A giovarne non sarà solo la cultura personale del singolo specialista ma anche la sua carriera. Un nutrizionista preparato e al passo con i tempi difficilmente lascerà insoddisfatte le persone che a lui si rivolgono.

Quanto guadagna un nutrizionista

Il mestiere del nutrizionista è uno di quelli che rientra a pieno titolo nella categoria delle libere professioni. Il nutrizionista è solitamente un lavoratore autonomo che presta la sua consulenza su richiesta presso uno studio privato e/o spostandosi nelle sedi e nei luoghi dove è richiesto il suo intervento. I suoi profitti, quindi, saranno il frutto dei compensi che lui percepirà dopo aver portato a termine un progetto, una consulenza e una o più attività che lo impegnano durante il mese o nel corso dell’anno. Non esiste un tariffario unico per tutti i nutrizioni e, di conseguenza, ognuno di questi è libero di stabilire a priori il corrispettivo di ogni prestazione. La somma di ogni lavoro, ovviamente, dipenderà dalle ore impiegate per portare a termine lo stesso e dal tipo di impegno richiesto al professionista. Fatte queste premesse, anche se determinare uno stipendio a priori non è fattibile in questo caso, è possibile comunque individuare approssimativamente quelli che sono i compensi medi di un nutrizionista in Italia. Un nutrizionista, generalmente, guadagna dai 30 ai 150 euro a seduta. Ad influire positivamente o negativamente sul prezzo saranno fattori esterni come la fama del nutrizionista, il luogo in cui opera e le persone alle quali si rivolge. Uno specialista alle prime armi, per ovvi motivi, difficilmente guadagnerà le stesse somme di uno già ampiamente affermato.

Diventare nutrizionista: opportunità lavorative

Le opportunità lavorative per un nutrizionista qualificato (regolarmente iscritto all’Albo nazionale dei biologi nutrizionisti) sono diverse e dipendendo tutte da come il singolo ha intenzione di strutturare la professione. Un nutrizionista, per esempio, può:

  • decidere di lavorare da solo, e quindi aprirsi uno studio proprio dove riceverà le persone che a lui si rivolgeranno per essere seguiti e consigliati nella scelta del piano alimentare più adatto alle loro esigenze;
  • collaborare con altri professionisti nel settore, affiancandosi a medici e istituti specializzati nell’alimentazione. In questo caso farà parte di una vera e propria equipe e lavorerà attenendosi al piano stilato di comune accordo con il gruppo con cui coopera;
  • prestare consulenza organizzando seminari, incontri di formazione, convegni e congressi che trattino sempre di alimentazione e pensati ed indirizzati ad un target preciso di persone. Questo accade soprattutto quando un nutrizionista si specializza in una particolare materia. Prendiamo, per esempio, gli esperti di alimentazione vegana, gli studiosi di allergie e intolleranze oppure ancora chi si occupa di ricerca.

In tutti questi casi, comunque, i luoghi in cui saranno chiamati a intervenire possono essere diversi. Sia che un nutrizionista operi come singolo, sia che faccia parte di un equipe medica o che si occupi di informazione e divulgazione, la sua figura potrà essere richiesta in scuole, associazioni e organizzazioni sportive, cliniche, strutture che  hanno a cuore il benessere psicofisico dei loro pazienti e l’educazione alimentare degli stessi. Un bravo nutrizionista, dunque, dovrà essere abile a sfruttare tutte le occasioni che gli si prospetteranno davanti, senza focalizzarsi su un singolo settore ma lasciando aperte diverse strade che, di fatto, rappresenteranno per lui tutte possibilità di carriera e – ovviamente – di guadagno.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)




CATEGORIES
Share This