Diventare doppiatore: corsi, provini e tanta passione

La voce è la loro forza ed è grazie a loro se i personaggi di film e cartoni animati ci diventano familiari. Loro sono i doppiatori, ovvero degli attori che, tuttavia, in video non appaiono mai. Quello del doppiaggio è un mestiere affascinante e destinato a pochi “eletti”: per farcela ci vogliono indubbie doti, tanta determinazione (perchè è un mercato in crisi) e non guasta un po’ di faccia tosta.

Ma come si diventa doppiatori? Innanzitutto, frequentando un corso tenuto da una delle società di doppiaggio, o una scuola apposita. Ce ne sono diverse, soprattutto a Roma (patria del doppiaggio cinematografico) e a Milano (dove predomina il doppiaggio televisivo), e per accedervi è importante avere le potenzialità da attore, anche se non occorre avere concrete esperienze nella recitazione ma è utile avere seguito almeno dei corsi di recitazione e di dizione.

Tra le scuole di doppiaggio più rinomate di Milano c’è il Cta (Centro Teatro Attivo), che propone corsi di pre-doppiaggio (per sciogliere i dubbi e la confusione degli aspiranti doppiatori, instradandoli, se hanno doti e motivazione, al corso successivo) e di doppiaggio. Entrambi durano 4 mesi l’uno, e vengono avviati a settembre di ogni anno.

“Il corso di pre-doppiaggio”, spiega Paola Pucci, 29 anni, aspirante doppiatrice e affascinata sin da bambina dalla possibilità di trasmettere emozioni con il solo uso della voce, “si svolge ‘a leggio’, nel senso che non si è ancora all’interno di una cabina di doppiaggio, ma si ha l’opportunità di sperimentare e interpretare anelli, che è il nome convenzionale dato al frammento di scena da doppiare, tratti da cartoni animati, serie tv e film e di capire che per riuscire a trasmettere un’emozione bisogna prima di tutto sentirla, per primi, nel profondo”. Si accede al corso di pre-doppiaggio dopo un primo provino, e dopo il corso se ne deve superare un altro per accedere ai successivi 4 mesi di corso di doppiaggio “durante i quali”, prosegue Paola, “si entra finalmente in cabina e si prova a doppiare gli anelli, seguiti dal direttore che dà indicazioni relativamente alla recitazione e all’interpretazione, e da un fonico, che cura l’aspetto tecnico e del suono”.

Al Cta un corso dura 4 mesi e la frequenza è di una volta a settimana per 3 ore, mentre per quanto riguarda il costo, tra pre-doppiaggio e doppiaggio si parla di circa 2000 euro.

Ma come si fa, una volta finito il corso, ad avvicinarsi al mondo del lavoro?

“È qui”, spiega Paola, “che si iniziano veramente a mettere alla prova la volontà e la motivazione dell’aspirante doppiatore: si è doppiatore sulla carta, ma per esserlo di fatto si deve iniziare a seguire i turni di doppiatori professionisti nelle diverse sale di doppiaggio e quando ci si sente pronti e se ne ha l’opportunità, chiedere al direttore che ormai ci conoscerà almeno di vista, di poter sostenere un provino senza scoraggiarsi per eventuali insuccessi”. Insomma, un percorso in cui conta, oltre alla capacità, anche la fortuna di trovarsi nel posto giusto al momento giusto.

“I vecchi del doppiaggio”, racconta Aldo Stella, direttore del doppiaggio al Cta e voce di Sàmi della Luce ne “I cinque Samurai” e di Teddy Ruxpin nell’omonima serie, solo per citarne due tra i molti, “dicevano che uno diventa doppiatore dopo fatto almeno 300 turni di doppiaggio perchè è un lavoro che si impara facendolo. Di fatto, il corso dà un’infarinatura e consente di esercitarsi un po’ al microfono, ma la fase più difficile viene dopo, considerato anche che da sempre il mercato assorbe pochissimi doppiatori”.

Nel concreto, terminato il corso di doppiaggio, la prassi prevede che si contattino le case di doppiaggio chiedendo di assistere ai turni. “Questa è la prassi”, prosegue Aldo Stella. “È così che si ruba il mestiere ai professionisti: osservando come lavorano dal vivo, assistendo ai turni con atteggiamento lucido, umile ma non sottomesso, e quando ci si sente pronti bisogna buttarsi e chiedere al direttore di poter fare un provino”. Spesso le stesse case di doppiaggio rispondono che non è possibile seguire i turni, allora il trucco è insistere, chiamare e richiamare finchè non si ottiene risposta positiva, o non si conosce qualche doppiatore che consenta di assistere al turno.

“Secondo me”, commenta Aldo Stella, “chi è determinato davvero, in qualche modo si inserisce. Ma non basta una bella voce, servono equilibrio e pazienza e voglia di imparare tutto ciò che serve. Ma quanto può costare alla fine? Dipenda da ogni persona: il costo dipende dal tempo, dalle energie, dalla pazienza. Ognuno conosce la propria situazione sia economica che di vita, e può valutare se iniziare questo percorso oppure no”.

Per quanto riguarda la carriera, questa è legata al numero di turni che un doppiatore fa: più un doppiatore è in gamba, e più turni segue, i personaggi che interpreta sono sempre più importanti e il numero di righe di testo da doppiare cresce. Questa professione prevede due modalità di pagamento parallele: un gettone di presenza di circa 72 euro, più un compenso per ogni riga che doppiata. Le righe dei dialoghi dei film sono pagate di più, a seguire quelle dei telefilm, delle soap opera e dei cartoni animati. Una riga di doppiaggio di un film del circuito cinematografico, ad esempio, è pagata 2,31 euro, mentre per un cartone animato si ricevono 1,54 euro a riga.

“Questo tariffario”, spiega Aldo Stella, “non impedisce a un doppiatore affermato di chiedere di più, tutto dipende dalla sua capacità”.

La categoria dei doppiatori è rappresentata dal Sai (Sindacato Attori Italiano), il loro è un lavoro da liberi professionisti con partita Iva, mentre i contributi vengono versati all’ex Enpals, ente che il decreto Salva Italia del governo Monti ha integrato nell’Inps.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, usufruisci del Kit Lavorare Sempre  (usa il nostro codice sconto: BLP112) garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate in linea con le tue esigenze, fai le tue ricerche e registrati su Euspert Italia.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (15)
  • domenico di franco 3 anni

    salve mi chiamo Domenico ho 21 anni e sogno da sempre di doppiare i personaggi di cartoni che seguo sempre con tanta passione.Per divertimento mi alleno a casa registrandomi e credo di essere bravino.Vorrei sapere se è possibile fare un provino .Non so a chi rivolgermi .Potete farmi sapere? grazie anticipate

  • Lorena 4 anni

    Ciao, mi chiamo Lorena e ho 11 anni. Sogno di fare l’attrice, infatti vorrei andare a un corso di recitazione, ma mio padre non mi vuole far andare perchè si paga 40 euro al mese, quindi ogni tanto doppio qualche personaggio di un cartone animato, e questa cosa mi riesce molto facile, e se faccio qualche errore me ne accorgo, e anche se la registrazione è lunga io mi ci metto con molto impegno a montare e a dare una voce a un personaggio, e un giorno spero di doppiare un Manga 🙂

  • beatrice 4 anni

    Mi chiamo Beatrice ho 40 anni e per diletto faccio teatro.
    Faccio parte di una compagnia teatrale (che ho fondato 10 anni fa con un’amica), insegno teatro, ho seguito lezioni di commedia dell’arte, di narrazione e ovviamente per parecchi anno ho frequentato scuole di teatro: “quelli di grock”, la scuola dell’attore di Desenzano e la scuola di Danza e teatro di Crema. Il mio sogno è sempre stato quello di doppiare, la mia voce a detta di molti è particolare (dicono nel senso positivo) ma ho la classica r moscia (rotacismo) e sono bergamasca…
    Cosa dite avrei comunque possibilità? Corsi in bergamo o provincia? Anche Brescia? non ce ne sono?
    Grazie

  • ADELE 5 anni

    Salve a tutti, io sono Adele, e ho 25 anni. Mi chiedevo 25 anni sono troppi per iniziare? E servono molti corsi di recitazione o basta seguirne solo alcuni e poi provare l’avventura a Milano :)?
    Grazie a tutti…. Spero che un domani potrete sentirmi doppiare i cartoni 🙂 <3

  • LaGianolik 5 anni

    mi chiamo mirta ho 13 anni vorrei provare a fare doppiggio me lo aveva proposto una casa di doppiaggio l’ anno scorso ma poi per contrattempi non sono riuscita a fare il provino però la cosa mi è rimasta in testa sapreste dirmi a milano una buona scuola o un posto dove fare provini ?? grazie

  • Carmelo patanè 5 anni

    salve mi chiamo Carmelo , vorrei entrare nel mondo del doppiaggio ,sapete se ci sono studi di doppiaggo dove è possibile fare provini . grazie

  • Cioioooooooo 5 anni

    Mi chiamo Riccardo e ho 12 anni tra quattro anni vorrei iniziare ad entrare nel mondo del doppiaggio potete consigliarmi una scuola a Firenze buona perché io non abito a Roma o a Milano ce n’è una buona scuola qui

  • Teatro G.A.G. 5 anni

    FULL IMMERSION DOPPIAGGIO A GENOVA 27-28 APRILE

    A Genova full immersion di 12 ore nel week end 27-28 aprile . Sarà Dario Oppido a guidare le due giornate. Doppiatore dei documentari di Passaggio a Nord Ovest di Quark, ha dato la voce ad attori del calibro di Philip Seymour Hoffmann, Danny Glover, Ted Danson. Il corso sarà un vero approfondimento per chi è già avviato al mestiere dell’attore e altrettanto divertente per i principianti che potranno avvantaggiarsi di una parte propedeutica durante la precedente settimana nella quale si lavorerà su dizione, impostazione della voce e interpretazione. In Italia, l’uso di doppiare qualsiasi prodotto (televisivo e cinematografico) ha fatto sì che esista una lunga e consolidata tradizione con un alto grado di specializzazione e con la presenza di professionalità di spicco. E’ noto che il doppiaggio italiano è il migliore del mondo. Lo stage esplorerà il mestiere dell’attore che lavora prevalentemente con il solo uso della voce (voice actor) con approfondimenti su:

    Doppiaggio in sync e voice-over

    Film, film d’animazione, serie televisive, documentari, spot pubblicitari, commedie radiofoniche, soap opera, sit-com, favole, commedie radiofoniche, ecc.

    Videogiochi, video e-learning

    Trailer commerciali

    In particolare il programma completo prevede: l’interpretazione senza sincrono, prove di sincronismo labiale (umani, animazione), la psicologia del personaggio reale, sit comedy e ritmi comici
    televisivi. Cenni sul doppiaggio cinematografico: la psicologia del personaggio, il parlato naturale, il controllo delle sfumature. Aspetti tecnici del mestiere e curiosità saranno svelati nel seminario con l’intento di introdurre gli allievi al mondo del doppiaggio e di indirizzare gli aspiranti doppiatori e gli
    appassionati verso un percorso appropriato alle doti individuali. E’ con la voce che il doppiatore cattura l’attenzione di chi guarda e ascolta un film. Le lezioni mirano a fornire gli elementi necessari per una corretta formazione professionale, sono rivolte anche a coloro che desiderano 
apprendere o perfezionare le tecniche della recitazione con un’attenzione specifica al doppiaggio.Gli allievi potranno avere alla fine una certificazione e i filmati doppiati con la propria voce in una usb. Informazioni e iscrizioni ai numeri 010211004 3920930335 teatrogag@gmail.com.

  • andrea 5 anni

    salve mi chiamo andrea (14 anni) e il mio sogno più grande è di diventare un doppiatore
    fin da piccolo ho dovuto fare locopedia per i miei problemi di disgrafia e disprassia
    grazie alla locopedia ho un linguaggio ed un tono normale (insomma sensa dialetto)
    io vivo a roma ed ho sentito che prorio li c’è il doppiaggio di serie a
    cosa dovrei fare?

    • FULL
      IMMERSION DOPPIAGGIO A GENOVA 27-28 APRILE

      A
      Genova full immersion di 12 ore nel week end 27-28 aprile . Sarà
      Dario Oppido a guidare le due giornate. Doppiatore dei documentari di
      Passaggio a Nord Ovest di Quark, ha dato la voce ad attori del
      calibro di Philip Seymour Hoffmann, Danny Glover, Ted Danson. Il
      corso sarà un vero approfondimento per chi è già avviato al
      mestiere dell’attore e altrettanto divertente per i principianti che
      potranno avvantaggiarsi di una parte propedeutica durante la
      precedente settimana nella quale si lavorerà su dizione,
      impostazione della voce e interpretazione. In Italia, l’uso di
      doppiare qualsiasi prodotto (televisivo e cinematografico) ha fatto
      sì che esista una lunga e consolidata tradizione con un alto grado
      di specializzazione e con la presenza di professionalità di spicco.
      E’ noto che il doppiaggio italiano è il migliore del mondo. Lo stage
      esplorerà il mestiere dell’attore che lavora prevalentemente con il
      solo uso della voce (voice actor) con approfondimenti su:

      Doppiaggio
      in sync e voice-over

      Film,
      film d’animazione, serie televisive, documentari, spot pubblicitari,
      commedie radiofoniche, soap opera, sit-com, favole, commedie
      radiofoniche, ecc.

      Videogiochi,
      video e-learning

      Trailer
      commerciali

      In
      particolare il programma completo prevede: l’interpretazione
      senza sincrono, prove di sincronismo labiale (umani, animazione), la
      psicologia del personaggio reale, sit comedy e ritmi comici
      televisivi. Cenni sul doppiaggio cinematografico: la psicologia del
      personaggio, il parlato naturale, il controllo delle sfumature.
      Aspetti tecnici del mestiere e curiosità
      saranno svelati nel
      seminario con l’intento di introdurre gli allievi al mondo del
      doppiaggio e di indirizzare gli aspiranti doppiatori e gli
      appassionati verso un percorso appropriato alle doti individuali. E’
      con la voce che il doppiatore cattura l’attenzione di chi guarda e
      ascolta un film. Le
      lezioni mirano a fornire gli elementi necessari per una corretta
      formazione professionale, sono rivolte anche a coloro che
      desiderano
apprendere o perfezionare le tecniche della recitazione
      con un’attenzione specifica al doppiaggio. Il corso si svolgerà in
      sala prove. Gli allievi potranno
      avere alla fine una certificazione e i filmati doppiati con la
      propria voce in una usb. Informazioni e iscrizioni ai numeri
      010211004 3920930335 teatrogag@gmail.com.

  • Roberta Galbani 5 anni

    Buongiorno, ho 31 anni e mi chiamo Roberta. Ho frequentato il corso adolescenti e il primo e un non concluso secondo anno di recitazione presso la scuola Q.D.G per poi riprendere a 27 anni un altra scuola Vicino a Torino, officina per la scena, due anni. Dopo aver assistito a un doppiaggio di un cartone The point degli anni settanta ma in modo del tutto casalingo, mi sono fissata col voler provare a farlo…ma all’occasione mi sono tirata indietro. Vorrei frequentare una scuola di doppiaggio o meglio vorrei prima verificare se fa per me e se mi piace…esistono lezioni di prova gratuita? Grazie
    Roberta

  • Manolo C 5 anni

    Salve a tutti.. Il mio nome è Manolo, ho 25 anni e ho lasciato il mio sogno chiuso in un cassetto per troppo tempo.. Spesso situazioni di vita in genere mi hanno spento e abbattuto, ma ultimamente ho capito che sto perdendo tempo…e che il doppiaggio e comunue la recitazione sono il mio sogno da sempre.. Vorrei davvero combattere per questo mio sogno, con la faccia tosta si! Perchè so di essere bravo, so di poter migliorare imparando in questi corsi,  quello che voglio è riuscirci! Servono buone  condizioni economiche per fare tutto ciò, trasferirsi, pagare i corsi, ecc. questo si..e penso anche che ci siano molte fregature in giro.. Spero tanto di farcela. La cosa che mi aiuta adesso è che ci sto provando, io non lo sto rimandando piu il mio sogno! Scusate il pensiero personale. 🙂 Mi informerò..e per settembre come è scritto sopra.. cercherò quei corsi, e li frequenterò! Un saluto a tutti, ricordatevi il mio nome, perchè lo vedrete nei titoli di coda 😉 😛 Baci!

  • Luca 6 anni

    Mi chiamo Luca ho 20anni e fare il doppiatore è il mio sogno, mi sono trovato spesso a dar voce ai personaggi dei libri, o ripetere frasi dette da attori o protagonisti di cartoon, anche all’infinito se il tono e il tipo di voce non era adatto, mi piacerebbe partecipare a corsi o andare a scuole per imparare e migliorare in modo da rendere, forse un giorno, la mia passione un lavoro.
    Per concludere questo mio sproloquio (spero di non avervi fatto addormentare) vorrei chiedere se c’è un limite di età minima per iscriversi alle scuole specialmente a Milano (che è più vicino a dove abito) GRAZIE

  • sandra 6 anni

    conoscete delle scuole a roma?dove?grazie mille a chi risponde.

    • Armando 5 anni

       prova professione doppiaggio a via caltagirone……è un ottima scuola con grandi professionisti