Decreto lavori usuranti, pensione anticipata: le categorie coinvolte

Pensione anticipata, decreto lavoratori usuranti– E’ all’attenzione della Commissione Lavoro del Senato la discussione sul decreto legislativo sui lavori usuranti. Un decreto di fondamentale importanza che mira a salvaguardare alcune categorie di lavoratori che svolgono lavori particolarmente usuranti, a livello fisico e psicologico.

Il testo potrebbe essere votato già domani in commissione a Palazzo Madama, dopo esser passato anche nella rispettiva commissione della Camera dei Deputati. Si prevede un voto quasi unanime anche se l’opposizione ha annunciato di voler presentare due osservazioni di rilievo.

Cosa prevede il testo del decreto legge sui lavori usuranti? L’elemento di novità rilevante è la possibilità di richiedere la pensione anticipata (da uno a tre anni prima) con requisiti inferiori rispetto al resto dei lavoratori.

Quali categorie potranno avvantaggiarsi del decreto legislativo? Leggendo la bozza del decreto legislativo le categorie di lavoratori che potrebbero richiedere il prepensionamento fino a tre anni sono: “i lavoratori nei cassoni ad aria compressa, i palombari, chi svolge lavori ad alte temperature, gli addetti alle linee a catena di montaggio, i conducenti di veicoli pubblici di capienza complessiva non inferiore a 9 posti adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo, gli addetti alla lavorazione del vetro cavo, chi lavora in spazi ristretti, i lavoratori delle gallerie, cave o miniere, gli addetti alla rimozione dell’amianto, i lavoratori dipendenti notturni e chi ha turni di notte”.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (8)
  • aldo 4 mesi

    Salve, anzichè andare a cercare quali e non quali sono i lavori usuranti, (poichè sono quasi tutti usuranti in proporzione all’età !!!) bisognerebbe classificare quelli NON usuranti e passare la patata bollente al legislatore, il quale conosce bene i lavori non usuranti……..

  • Roberto Dalla Zanna 3 anni

    gente sempre in giro e lontani da casa come i marittimi, i camionisti e i piloti d’aereo
    dovrebbero avere la pensione anticipata solo perché è moralmente inaccettabile stare tutti sti mesi lontani dalla propria famiglia…oltre alla fatica fisica di lavorare sempre in balia degli elementi in tutte e 4 le stagioni dell’anno

  • Roberto Dalla Zanna 3 anni

    fino a qualche anno mandavano in pensione pure i poliziotti dopo 20 anni di servizio, mentre tutti gli altri lavoravano certo che avreste diritto pure voi a far parte della categoria di lavoratori usurati perché io vedo quelli che vengono a casa a far fare gli esercizi a mia madre che è stata colpita da un’ ictus 30 anni fa gli sforzi fisici che fate

  • Roberto Dalla Zanna 3 anni

    certo che avreste diritto perché è un lavoro pesante

  • Roberto Dalla Zanna 3 anni

    buonasera io faccio il camionista da 20 anni, provate voi a stare su un camion 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per tutte e 4 le stagioni magari col motore di un frigo contro la parete posteriore della cabina sempre in moto per tenere la merce deperibile refrigerata, anche nelle ore che devi fermarti per fare la pausa notturna…quando noi finiamo le 9 ore di guida e le 4 di impegno per carico e scarico merce non possiamo andare a casa come fa il tornitore, l’infermiere, o il conducente di autobus (quest’ ultimo è considerato un lavoro usurante e dura 6,40 ore di guida al massimo)

  • ketty 4 anni

    Dei fisioterapisti non se ne parla proprio.Io sono fisioterapista e lavoro da 30 anni in un centro di riabilitazione neuromotoria.Non usiamo strumentali ma lavoriamo usando le braccia e la mente.Fino a qualche anno fa potevamo andare in pensione con 20 anni di servizio e 60 di età, adesso trenta non bastano più. È assurdo, come si può pensare di poter dare aiuto a pazienti emiplegici o con sclerosi ecc… dove ci vuole veramente un impegno psicofisico notevole se già le nostre mani e la nostra psiche non ce la fanno piu.Non stiamo dietro ad un tavolo a sbrigare documenti ma abbiamo tra le mani la vita di persone, e con le persone non si gioca e neanche con la nostra vita.Diamo spazio ai giovani e meritato riposo a chi ha dato.Se ci fate morire sul posto di lavoro certo che i giovani rimangono disoccupati a vita.

  • pietro 4 anni

    dei marittimi non si accenna nemmeno specialmente quelli imbarcati su petroliere,gassiere,chimichiere,ecc….ecc..ma com’è possibile?

  • rosy 5 anni

    Io faccio la cuoca in una casa di riposo,lavoriamo 365 giorni all’anno 6 giorni su 7 mai un week end come tutti gli esseri umani stiamo sempre in piedi e nei mesi caldi la temperatura della cucina è insopportabile!! noi non abbiamo diritto a fare parte della categoria dei lavori usuranti????